Salute 28 maggio 2018

Medicina di urgenza, Petrino (Eusem): «Aggressioni e sovraffollamento non solo in Italia, criticità europee»

«Il sistema di gestione della medicina di emergenza-urgenza inglese è il più avanzato d’Europa. L’Italia, negli ultimi anni, ha fatto passi da leone. In Spagna e Germania non è stato ancora attivato un percorso di specializzazione specifico». Roberta Petrino, presidente Eusem, l’European Society Emergency Medicine, fotografa l’Europa

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Un viaggio immaginario tra i pronto soccorso di tutta Europa non richiederebbe un grosso sforzo di fantasia. Tra una visita e l’altra ci troveremmo di fronte ad una realtà molto simile a quella italiana, per pregi e difetti: «Luoghi aperti 24 ore su 24. Personale sanitario adeguatamente formato che deve non solo accogliere chiunque possa avere bisogno di cure, ma anche gestire situazioni di sovraffollamento ed episodi di aggressioni». È questa la descrizione di Roberta Petrino,  presidente dell’Eusem, l’European Society Emergency Medicine, un racconto che fa emergere luci ed ombre della medicina di emergenza-urgenza di tutta l’Europa.

LEGGI ANCHE: SIMEU, XI CONGRESSO NAZIONALE. LE SFIDE DEL FUTURO, LA PRESIDENTE RUGGIERI: «FERMARE AGGRESSIONI E AUMENTARE POSTI NELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE»

Cominciamo dalle ombre. Cos’è che trasforma il pronto soccorso in un luogo di lavoro a rischio? Per la presidente dell’Eusem è «il disagio la causa scatenante dell’aggressività. Chiunque – ha aggiunto – può accedere al Pronto soccorso, senza controllo. Anche coloro che, vivendo problematiche di tipo sociale, possono essere più inclini alle aggressioni, sia verbali che fisiche». Per Roberta Petrino «più forte è questo disagio, maggiore sarà il pericolo. E il disagio sociale – ha sottolineato –  esiste in Italia, come nel resto d’Europa».

Un problema che può essere risolto attraverso la formazione: «è necessario – ha detto la presidente dell’European Society Emergency Medicine – preparare tutto il personale sanitario, affinché sia in grado di identificare precocemente eventuali segnali di pericolo. La nostra Società Europea ha incaricato una Commissione di identificare dei percorsi comuni e stilare delle linee guida da condividere tra tutti i medici europei, affinché possano essere in grado di prevenire, ed eventualmente gestire, le aggressioni».

La formazione comune promossa dall’European Society Emergency Medicine mira anche ad uniformare le competenze sanitarie del personale dei Pronto Soccorso di tutta Europa. «Uno degli scopi principali della Società Europea – ha specificato Roberta Petrino – è proprio quello di creare una formazione standardizzata che permetta un libero scambio tra gli specialisti europei».

E in Europa c’è chi ha da insegnare e chi da imparare. «In Inghilterra – ha detto la presidente dell’Eusem – la medicina di emergenza ha compiuto i suoi 50 anni (circa 30 in più dell’Italia, ndr). L’organizzazione dei Pronto soccorso è molto avanzata, tanto che sono stati proprio gli inglesi a fare un po’ scuola al resto degli europei. L’Italia, la Francia, il Belgio e alcuni Paesi dell’est, come la Romania, pur avendo una medicina di emergenza-urgenza “più giovane”, hanno fatto passi da leone. In altri paesi, anche molto grandi, come la Spagna e la Germania,  nonostante gli sforzi delle società scientifiche, ancora non è stato attivato un percorso di specializzazione specifico».

L’European Society Emergency Medicine promuove un lavoro di squadra tra tutti i Paesi europei non solo per uno scambio di competenze scientifiche. Il confronto tra le varie Nazioni può migliorare anche alcune carenze dell’organizzazione strutturale, quelle che, in determinati periodi dell’anno, portano i pronto soccorso ad una situazione di collasso. «Il sovraffollamento – ha detto Roberta Petrino – non è un problema solo italiano, esiste in tutta Europa. In alcuni momenti critici dell’anno, in particolare quello invernale, quando si ha la riacutizzazione di patologie croniche legate anche all’epidemia influenzale, ovunque in Europa si ripresenta il problema del sovraffollamento. Anche in Inghilterra – fiore all’occhiello  in materia di medicina di emergenza-urgenza – hanno dovuto convertire alcuni letti del reparto di Chirurgia e bloccare degli interventi programmati per accogliere pazienti con problemi di riacutizzazione di patologie croniche, arrivati al Pronto Soccorso».

E se il problema esiste ovunque, è insieme che bisogna trovare una soluzione. «Le diverse esperienze, anche quando sono negative – ha commentato Petrino – possono essere un tesoro da condividere, per trovare delle soluzioni che siano definitive e non utili ad un intervento di emergenza. Il sovraffollamento – ha concluso la presidente dell’Eusem – non è un evento straordinario. Capita tutti gli anni».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari più difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»
Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»
A Bari Giornata contro violenza operatori sanitari. Questionario FNOMCeO: 50% medici aggredito in ultimo anno
Tra i camici bianchi prevale rassegnazione e sfiducia. I dati del sondaggio preoccupano il Presidente Filippo Anelli: «Questo porta con sé gravi effetti collaterali come la mancata denuncia alle autorità, l’immobilismo dei decisori, ma anche il burnout dei professionisti, con esaurimento emotivo»
Stretta a spot e cibi grassi da distributori: nuove misure contro obesità infantile. D’Arrando (M5S): «Serve educazione alimentare»
Nel testo della risoluzione presentata in Commissione Affari Sociali l’idea di vietare l'utilizzo dei personaggi dei cartoon e delle trasmissioni televisive per promuovere il cibo ad alto contenuto di grassi, zuccheri e sale. E poi l’ipotesi di etichette che indichino il rischio obesità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...