Salute 5 settembre 2014

L’Eldorado londinese per i medici italiani (in fuga)

Come farsi largo in un sistema gratificante ma estremamente selettivo

Welcome to London… e ora? Sono sempre di più i medici italiani, soprattutto i giovani, a tentare di dare una svolta alla loro carriera professionale volando in Inghilterra.

Una sorta di Eldorado per i camici bianchi che nel regno di Sua Maestà vanno a caccia del riscatto o di quelle opportunità che l’Italia non riesce a concedere. Ma la vita oltre Manica del medico emigrante non è certo tutta in discesa. Il sistema sanitario inglese è sì gratificante, ma anche estremamente duro.

Non basta aver studiato la lingua, bisogna conoscere anche lo slang medico e la pioggia di acronimi usati in corsia: non essere reattivi, soprattutto in momenti critici, potrebbe costar caro. Altrettanto importante è prepararsi a capire e ad adeguarsi ad una sanità completamente diversa da quella italiana: l’umiltà è considerata un punto di forza notevole dei camici bianchi, che devono dimostrarsi pronti a sporcarsi le mani ed a sopportare fisicamente e mentalmente il regime lavorativo. Gli italiani che lavorano nel Regno Unito trovano le principali difficoltà nelle dissonanze esistenti tra i due sistemi sanitari, soprattutto per quel che riguarda i medici di base: quelli londinesi prescrivono con parsimonia farmaci e consulti specialistici e spesso si sostituiscono ai pediatri. Ma circolando per gli ospedali britannici si percepisce una maggiore flessibilità e tempi d’attesa circostanziati. La ricerca medica è ben sviluppata grazie anche ai fondi presenti, e poi il personale è gentile e competente anche grazie a una marcata trasmissione della cultura.

Ci sono, in definitiva, i presupposti per lavorare e per farlo bene. E anche lontani migliaia di chilometri ci si può sentire sempre a casa visto che, attraverso la rete internet ed i social network, i medici italiani “fanno gruppo”, si aiutano l’uno con l’altro dispensando, consigli per ambientarsi e per fronteggiare tutti quegli ostacoli che, una volta superati, spianano prospettive decisamente interessanti.

Articoli correlati
Giochi, videogiochi e web: bambini ed adolescenti sempre più “iperconnessi”
Dipendenze da web per bambini ed adolescenti, patologie nuove ma già molto, troppo, diffuse. Di questo ed altro si parlerà sabato 18 novembre, ore 17, al Macro Testaccio – La Pe­lan­da al­l’in­ter­no del Roma Eu­ro­pa Fe­sti­val Kids nel corso dell’incontro gratuito : “Iperconnessi – Bambini e ragazzi risucchiati dal video e dai videogames”. Prenderanno parte al dibattito […]
Carenza di medici in Francia: ecco le proposte dei candidati alle Elezioni Presidenziali
In 148 cantoni francesi non ci sono medici generici, in 581 non c’è un dentista. Il problema si è aggravato negli ultimi anni (nel 2010 l’assenza di medici generici riguardava 91 cantoni), interessa soprattutto le zone rurali e periferiche, anche se l’Associazione dei Sindaci Francesi (AMF) sottolinea che il problema riguarda anche zone frontaliere, specialmente […]
«Il rapporto medico-paziente ora è un ‘ménage à trois’…» parola di Walter Gatti
Bufale o no, il web va dosato coscientemente e con giudizio. Ecco il monito del giornalista e scrittore Walter Gatti che sottolinea quanto rispetto al passato «sia cambiato il rapporto tra camice bianco e assistito»
Paura dei vaccini? La ricerca: è colpa del web. «Ecco come le bufale partono dai social e Google le amplifica»
Lucio Corsaro, Direttore Generale MediPragma: «Internet influenza l’opinione pubblica, ecco perché a differenza del passato, oggi i vaccini vengono percepiti con diffidenza». Dal “Bambin Gesù” arriva la guida contro i falsi miti delle vaccinazioni
Meningite, consigliare il vaccino anche per gli adulti? La parola all’esperto, Roberto Burioni (virologo)
La psicosi per la malattia genera sempre più panico. Roberto Burioni, il noto microbiologo e virologo dell’Università San Raffaele di Milano: «Non si tratta di epidemia ma la situazione della Toscana è anomala e va tenuta sotto controllo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...