Salute 24 ottobre 2016

Intelligenza Nutrizionale, gusto e salute arrivano in corsia. Lo Chef Romito: «Regalare benessere ai pazienti»

IN, il progetto promosso da GioService (gruppo Giomi) in collaborazione con l’Università la Sapienza e l’ospedale Cristo Re di Roma, punta a trasformare il cibo in ospedale. Lorenzo Miraglia (GioService): «Iniziativa rivoluzionaria che trasforma le mense ospedaliere»

Al via ‘IN-Intelligenza Nutrizionale’, un protocollo di ricerca sperimentale e interdisciplinare che mira a risolvere il problema della malnutrizione ospedaliera. Il progetto, promosso da GioService, società del gruppo Giomi S.p.A., punto di riferimento per la gestione della ristorazione ospedaliera, è realizzato in collaborazione con l’Università La Sapienza e l’Ospedale Cristo Re di Roma (dove è avvenuta la prima sperimentazione) e si avvale del contributo dello chef Niko Romito. Lo Chef 3 Stelle Michelin, con il suo “Metodo Niko Romito”, vuole attirare l’attenzione dell’opinione pubblica sul tema del cibo in ospedale, approfondendo lo studio del valore nutrizionale degli alimenti nel corso della trasformazione da crudo a cotto e punta a riqualificare il cibo consumato negli ospedali rendendolo non solo più buono ma anche visivamente più soddisfacente.

«Obiettivo del progetto – racconta Romito – è portare una cucina e dei piatti all’interno della ristorazione collettivo-ospedaliera che abbiano innanzitutto una qualità e una piacevolezza gustativa completamente diversa dall’idea dei piatti che oggi si servono in corsia». Il primo approccio è stato riuscire a fare, con gli ingredienti che utilizza la ristorazione collettiva-ospedaliera, «dei piatti che avessero una gradevolezza e un gusto estetico in grado di regalare un sorriso al paziente». La sperimentazione ha visto una prima fase di analisi scientifica in laboratorio finalizzata a studiare gli aspetti della qualità intrinseca, quindi valori nutrizionali e antiossidanti degli alimenti e, dopo più di un anno di lavoro, «abbiamo messo a punto proprio un metodo, un protocollo applicativo sull’ingrediente e sulla materia – racconta lo Chef -. Tutto questo è stato possibile grazie a un grande apporto tecnologico fornito dal gruppo Giomi che con le sue tecniche rivoluzionarie per la ristorazione collettiva, ci ha dato la possibilità di utilizzare attrezzature moderne e tecnologiche. Ce l’abbiamo fatta, abbiamo messo in atto questo protocollo e a brevissimo lo applicheremo nel primo ospedale modello che è il Cristo Re di Roma» annuncia Romito.

Primo e unico nel suo genere, il progetto “IN-Intelligenza Nutrizionale” si propone di re-inventare, rivoluzionandolo, il concetto stesso di mensa ospedaliera, come spiega Lorenzo Miraglia, Amministratore Unico di GioService: «Abbiamo creato un progetto sostenibile che rientri nei costi del settore del mercato delle mense e che possa innovare e portare degli standard di alta cucina per dare qualità al cibo in corsia». «Intelligenza Nutrizionale – prosegue Miraglia – ha creato un nuovo metodo di cucina che studia la trasformazione del cibo durante il processo di cottura da crudo a cotto. Ritengo sia fondamentale per la formazione del personale in cucina sapere cosa succede mentre si tratta un dato alimento».

Forti di un’esperienza pluridecennale nel settore, «abbiamo realizzato una grande progetto – continua l’amministratore di GioService – lo Chef Romito ha fatto della propria mission scoprire cosa succede nella materia prima e dopo, è forse il più grande intenditore di semilavorati e standard di qualità».

«Mi auguro che questo progetto sia di guida per sviluppare e per sensibilizzare altri miei colleghi ad attuare questo modello in altri contesti, per esempio mense, scuole o università – conclude lo Chef stellato -. Inoltre spero che questa iniziativa possa rivalutare la figura del cuoco ospedaliero che purtroppo non ha una buona considerazione in termini di professionalità».

Articoli correlati
«Il rapporto medico-paziente ora è un ‘ménage à trois’…» parola di Walter Gatti
Bufale o no, il web va dosato coscientemente e con giudizio. Ecco il monito del giornalista e scrittore Walter Gatti che sottolinea quanto rispetto al passato «sia cambiato il rapporto tra camice bianco e assistito»
Il web rovina rapporto medico-paziente? Vaccaro (Censis): «Attenti a dottor Google». Il caso diabete…
Dal rapporto ‘Diabetes Web Report 2016’ emerge che i pazienti con patologie croniche si rivolgono sempre di più al web per gestire le malattie di cui soffrono. Ketty Vaccaro, presidente dell’Health Web Observatory e responsabile Salute e Welfare Censis: «Avere informazioni e poterle condividere sui social è di grande conforto per i malati»
Nella calza della Befana solo libri: è tutta salute
Il nuovo trend delle vacanze. Per l’Epifania ecco alcune proposte per un regalo che fa bene allo spirito ma anche al corpo…
Salute e immigrazione, allo Stato Regioni il programma Inmp 2016
Il Ministero della Salute ha inviato alla Conferenza Stato Regioni il progetto interregionale per il finanziamento dell’attività 2016 dell’Istituto Nazionale per la Promozione della Salute delle Popolazioni Migranti e il contrasto delle malattie della povertà (Inmp). L’Istituto, mira a sviluppare progetti finalizzati a combattere le disuguaglianze, soprattutto per quel che riguarda il diritto alle cure, […]
Braccialetti Rossi spiega rapporto medico-paziente. Tidona (dottor Alfredi): «Finzione che diventa realtà…»
L’attore Andrea Tidona ci racconta la sua esperienza sul set: «Ho capito quanto il ruolo del medico sia fondamentale non solo dal punto di vista scientifico ma anche umano. La serie tv getta luce sui malati di cancro e sensibilizza l’opinione pubblica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...