Salute 14 aprile 2015

Antibiotico-resistenze: formazione sempre più decisiva. Mentre scoppia la grana ECM

Il prof. Andreoni (SIMIT) rimarca l’importanza di affrontare le emergenze a livello internazionale con l’adeguata preparazione

Immagine articolo

La formazione, specie quella a distanza, si conferma la “cura” più efficace per gli operatori sanitari. Lo è anche per difendersi dalle più pericolose epidemie che ancora oggi minacciano il mondo. In questa ottica, si sta ora rivelando fondamentale anche sul tema sempre più caldo delle cosiddette antibiotico-resistenze.

Formarsi ed informarsi – adeguatamente e con contenuti di qualità – rappresenta quindi la maniera migliore per poter svolgere la propria professione, tutelando a 360 gradi la salute dei pazienti in ogni angolo del pianeta. Un’esigenza, evidenziata ormai da tutti i governi, ed anche da quello italiano. Ne è una conferma il recente giro di vite sull’accreditamento obbligatorio ECM, iniziato con una consistente sforbiciata della lista dei medici competenti, depennati dal Ministero alla Salute per non aver maturato i crediti obbligatori nel triennio formativo. L’importanza della formazione anche per contrastare le infezioni e le antibiotico-resistenze è stata evidenziata anche dal presidente del SIMIT (Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali), prof. Massimo Andreoni.

Le antibiotico resistenze in questo momento agitano tutto il mondo: Stati Uniti, Gran Bretagna, e anche il nostro Paese. Qual è la situazione?
La situazione è quella che in realtà abbiamo già in qualche modo dichiarato da diversi anni. Negli ospedali si assiste ad un incremento progressivo di germi resistenti a quasi tutti gli antibiotici a nostra disposizione, generando un grande problema di sanità pubblica. Si calcola che ogni anno, in Italia, le infezioni causate da germi multiresistenti facciano tra i 5mila e i 7mila morti, e all’orizzonte non ci sono nuovi farmaci pronti a combatterli. L’allarme di un’epidemia mondiale è reale, e coinvolge anche l’Italia.

Un’emergenza sottolineata dallo stesso ministro della Salute Beatrice Lorenzin che ha esortato, oltre ad un’attenzione già esistente, un impegno comune e condiviso.
Certamente si può e si deve fare qualcosa. Innanzitutto imparare ad usare gli antibiotici in modo più consapevole: l’Italia è il Paese che ne utilizza il maggior numero, ed è un circolo vizioso che deve essere interrotto. Bisogna poi migliorare la gestione dei pazienti all’interno dell’ospedale, adottando le necessarie precauzioni igieniche che impediscano la circolazione di questi germi.

L’informazione e la formazione sono determinanti, per la classe medica, per fare fronte comune ed affrontare al meglio questo tipo di epidemie e di emergenze.
Assolutamente sì: un importante studio condotto in America e in Inghilterra dimostra che la formazione per i futuri medici deve iniziare sin dall’università. Ad oggi, i nostri interlocutori sono soprattutto i colleghi già attivi sul campo,  compresi i medici di famiglia: a loro va insegnato a prestare grande attenzione nell’utilizzo degli antibiotici, che se da un lato hanno salvato milioni di vite umane rivelandosi un farmaco eccezionale, dall’altro vanno usati con parsimonia. Fondamentale, infine, prediligere gli antibiotici selettivi, e non quelli che “uccidono” indiscriminatamente: sono questi ultimi, infatti, a generare i germi resistenti.

Articoli correlati
ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»
«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Nuove linee guida per tumore tiroideo: 1 persona su 2 presenta noduli, ma solo il 5% è un tumore
Il tumore alla tiroide, seppur raro, è il tumore endocrino più frequente e riguarda circa il 5% dei noduli tiroidei, che invece sono molto comuni con una prevalenza di quasi il 50% della popolazione. Secondo l’ultimo rapporto Airtum, nel 2017 ci sono state più di 15.000 nuove diagnosi di tumore alla tiroide e si prevede […]
Come viene stabilita la durata ed il numero dei crediti di un corso FAD con contenuti basati su materiale cartaceo e/o testuale?
La durata viene stimata dal Responsabile Scientifico dell’evento che in base alla complessità del materiale, ed alla platea prevista dei discenti, stima la durata media dell’attività formativa.
Onda, disturbi del sonno per 9 donne su 10 over 45: a rischio la salute e la felicità di coppia
“Difficoltà ad addormentarsi, sonno agitato, risvegli notturni e sveglia anticipata sono chiari segnali di disturbi del sonno, indicatori importanti che impattano sulla salute fisica e psichica e sulla stabilità della coppia”, spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. “Per oltre il 90% degli italiani tra i 45 e i […]
Lazio, Zingaretti: «Non sarà più necessario certificato medico per assenze scolastiche»
A partire da questo anno scolastico, come già avviene in alcune regioni italiane del centro nord, anche nella regione Lazio non sarà più necessario per le famiglie portare il certificato medico per le assenze per malattia superiori ai cinque giorni. Il provvedimento è stato approvato durante la discussione del Collegato del Bilancio in Consiglio Regionale […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...