Salute 7 agosto 2017

Autocertificazione malattia, Giansante (Medicina Fiscale): «Un errore, solo il medico può capire reale entità problema»

Il Vicepresidente ANMEFI (Associazione Nazionale Medici di Medicina Fiscale) commenta ai nostri microfoni la proposta di legge firmata dal Senatore Romani che ipotizza la possibilità per i lavoratori di autogiustificare i primi tre giorni di assenza per malattia dal lavoro

Immagine articolo

Autocertificazione di malattia per i lavoratori? No grazie. Neanche se valida solo per i primi tre giorni di assenza dal lavoro. Massimo Giansante, Vicepresidente ANMEFI (Associazione Nazionale Medici di Medicina Fiscale) non vede di buon occhio la proposta di legge presentata dal Senatore Romani (Gruppo Misto), Vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità, che propone di permettere al lavoratore di autogiustificare i primi tre giorni di assenza per malattia dal lavoro. Il motivo? «Solo un medico può capire se dolori comuni come un mal di testa o un mal di pancia siano sintomo di qualcosa di più importante e grave».

Vicepresidente Giansante, qual è la sua opinione rispetto alla proposta di legge del Senatore Romani sull’autocertificazione per i primi tre giorni di malattia?

«Come associazione ovviamente abbiamo avuto delle forti perplessità. In primo luogo, non è ancora ben chiaro quale sia, in realtà, la proposta. Lo stesso Senatore Romani, nelle sue ultime comunicazioni alla stampa, ha detto che si prenderà del tempo, fino alla fine dell’anno, per definirla meglio. In linea di massima, da quel che abbiamo capito finora, siamo contrari perché riteniamo che esistano delle patologie non obiettivabili: un paziente con una cefalea o un dolore addominale può pensare di non avere nulla di grave, ma il medico può vedere dei segni che possono far pensare ad un’appendicite. Perdere due giorni e poi trovarsi con una peritonite non credo sia nell’interesse né del paziente, né del datore di lavoro, né dell’Inps. Insomma, non è negli interessi della società in generale, che poi è quella che pagherà questa malattia».

Come si procede in questi casi, quado si accusano dei malesseri piuttosto comuni?

«Al momento, la certificazione deve essere rilasciata dopo avere effettuato una visita o un esame. Da medico, comprendo perfettamente che ci sono delle patologie difficilmente obiettivabili. Però, ripeto, se nessuno effettua un controllo, si rischia di lasciarsi sfuggire patologie molto più gravi, magari in un solo caso su 10, o su 20, o su 100. Un paziente che ha un dolore addominale va esaminato con una visita e una palpazione addominale. Se ha una cefalea, va esaminato quanto meno con una misurazione della pressione, e magari qualche semplice esame neurologico, di quelli che si possono fare anche a domicilio. Tutto questo può servire ad individuare casi in cui forse la cosa non è così banale come sembra. Certo, i medici di famiglia hanno dei grossi problemi e lo riconosciamo, ma questa non è secondo noi la soluzione ideale per risolverli».

Quindi l’associazione si oppone a questa proposta anche e soprattutto per salvaguardare il cittadino?

«Per la salvaguardia del cittadino ma anche per problemi nostri pratici. È ovvio che le problematiche introdotte dalla Legge Brunetta con la responsabilità del medico comportano per il professionista di medicina generale un aggravio dal punto di vista delle spese. Il venir meno comporterebbe per loro un risparmio ma, probabilmente, comporterebbe per noi un aggravio, quindi ci sono anche dei banali problemi economici che andrebbero affrontati. Quindi forse la proposta andrebbe organizzata meglio, poi si vedrà».

Un’ultima domanda. Rispetto alla proposta di legge Madia, quindi su un aumento dei controlli per cercare di prevenire fenomeni di assenteismo, e anche al polo unico dell’Inps, come vede questa proposta, per certi versi forse contraddittoria?

«Francamente non ho capito, probabilmente per mia colpa, se questa proposta è applicabile a tutti i lavoratori o solamente a una parte. Su qualche testata ho letto che vale solo per i dipendenti pubblici. Adesso, dopo che abbiamo fatto la riforma Madia che finalmente unifica le fasce orario, e che quindi ci rende tutti uguali, andare a creare un sistema per una categoria, un sistema per l’altra, mi sembra una contraddizione. Allo stato attuale non capiamo bene cosa sta accadendo e comunque, di massima, da quello che capiamo non ci sembra una buona soluzione. Poi se a dicembre ci saranno delle altre proposte ne riparleremo».

 

Articoli correlati
Vitamina D: dati di efficacia di AME alla luce delle evidenze scientifiche attuali
È stato da poco pubblicato su Nutrients (*) un documento di consenso per il corretto approccio nei confronti del trattamento del deficit da Vitamina D, messo a punto da un gruppo di esperti AME, Associazione Medici Endocrinologi. “La pubblicazione si pone come riferimento per la comunità scientifica che si confronta su questa condizione piuttosto frequente persino […]
2° Congresso Nazionale Onda: la salute della donna e della coppia
La salute della donna e della coppia nel periodo dopo l’età fertile, è il tema al centro della seconda edizione del Congresso nazionale Onda che si terrà a Milano all’Hotel Michelangelo il 19 e 20 settembre prossimi. Con queste parole, Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere, introduce l’evento: «Ci occuperemo […]
Medici specializzandi: cinque richieste al mondo della politica
FederSpecializzandi, Associazione Nazionale dei Medici in Formazione Specialistica, da 15 anni porta avanti istanze per il miglioramento della formazione dei medici Italiani. Da sempre si rivolge a tutti gli attori politici e istituzionali impegnati sul fronte della formazione dei professionisti della Salute, il cuore pulsante del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Si è da poco insediato il […]
Milano, occhiali gratis per chi ha difficoltà economiche
Occhiali di seconda mano, rigenerati oppure fuori serie regalati dai commercianti. Questa è la proposta del negozio di ottica «Vediamoci Solidali», progetto della cooperativa sociale La Musa onlus, nella periferia nord-ovest di Milano, per i cittadini meno abbienti. Come riporta Repubblica, il negozio ha lanciato anche l’iniziativa «Commercio Isee Amico per gli occhiali»: pagare gli occhiali a a […]
Stop allo spreco: nasce il Protocollo d’intenti sul recupero dei farmaci donati
La Regione Emilia-Romagna (assessorato Politiche per la salute) ha siglato un protocollo per il recupero e la redistribuzione dei farmaci donati. Lo scopo è quello di promuovere in tutta l’Emilia-Romagna le “buone pratiche” sui farmaci. Il Protocollo, con durata triennale e possibilità di rinnovo, prevede la collaborazione tra Regione, Hera e Last Minute Market per favorire il recupero dei […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...