Politica 7 agosto 2017

Autocertificazione malattia, Giansante (Medicina Fiscale): «Un errore, solo il medico può capire reale entità problema»

Il Vicepresidente ANMEFI (Associazione Nazionale Medici di Medicina Fiscale) commenta ai nostri microfoni la proposta di legge firmata dal Senatore Romani che ipotizza la possibilità per i lavoratori di autogiustificare i primi tre giorni di assenza per malattia dal lavoro

Immagine articolo

Autocertificazione di malattia per i lavoratori? No grazie. Neanche se valida solo per i primi tre giorni di assenza dal lavoro. Massimo Giansante, Vicepresidente ANMEFI (Associazione Nazionale Medici di Medicina Fiscale) non vede di buon occhio la proposta di legge presentata dal Senatore Romani (Gruppo Misto), Vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità, che propone di permettere al lavoratore di autogiustificare i primi tre giorni di assenza per malattia dal lavoro. Il motivo? «Solo un medico può capire se dolori comuni come un mal di testa o un mal di pancia siano sintomo di qualcosa di più importante e grave».

Vicepresidente Giansante, qual è la sua opinione rispetto alla proposta di legge del Senatore Romani sull’autocertificazione per i primi tre giorni di malattia?

«Come associazione ovviamente abbiamo avuto delle forti perplessità. In primo luogo, non è ancora ben chiaro quale sia, in realtà, la proposta. Lo stesso Senatore Romani, nelle sue ultime comunicazioni alla stampa, ha detto che si prenderà del tempo, fino alla fine dell’anno, per definirla meglio. In linea di massima, da quel che abbiamo capito finora, siamo contrari perché riteniamo che esistano delle patologie non obiettivabili: un paziente con una cefalea o un dolore addominale può pensare di non avere nulla di grave, ma il medico può vedere dei segni che possono far pensare ad un’appendicite. Perdere due giorni e poi trovarsi con una peritonite non credo sia nell’interesse né del paziente, né del datore di lavoro, né dell’Inps. Insomma, non è negli interessi della società in generale, che poi è quella che pagherà questa malattia».

Come si procede in questi casi, quado si accusano dei malesseri piuttosto comuni?

«Al momento, la certificazione deve essere rilasciata dopo avere effettuato una visita o un esame. Da medico, comprendo perfettamente che ci sono delle patologie difficilmente obiettivabili. Però, ripeto, se nessuno effettua un controllo, si rischia di lasciarsi sfuggire patologie molto più gravi, magari in un solo caso su 10, o su 20, o su 100. Un paziente che ha un dolore addominale va esaminato con una visita e una palpazione addominale. Se ha una cefalea, va esaminato quanto meno con una misurazione della pressione, e magari qualche semplice esame neurologico, di quelli che si possono fare anche a domicilio. Tutto questo può servire ad individuare casi in cui forse la cosa non è così banale come sembra. Certo, i medici di famiglia hanno dei grossi problemi e lo riconosciamo, ma questa non è secondo noi la soluzione ideale per risolverli».

Quindi l’associazione si oppone a questa proposta anche e soprattutto per salvaguardare il cittadino?

«Per la salvaguardia del cittadino ma anche per problemi nostri pratici. È ovvio che le problematiche introdotte dalla Legge Brunetta con la responsabilità del medico comportano per il professionista di medicina generale un aggravio dal punto di vista delle spese. Il venir meno comporterebbe per loro un risparmio ma, probabilmente, comporterebbe per noi un aggravio, quindi ci sono anche dei banali problemi economici che andrebbero affrontati. Quindi forse la proposta andrebbe organizzata meglio, poi si vedrà».

Un’ultima domanda. Rispetto alla proposta di legge Madia, quindi su un aumento dei controlli per cercare di prevenire fenomeni di assenteismo, e anche al polo unico dell’Inps, come vede questa proposta, per certi versi forse contraddittoria?

«Francamente non ho capito, probabilmente per mia colpa, se questa proposta è applicabile a tutti i lavoratori o solamente a una parte. Su qualche testata ho letto che vale solo per i dipendenti pubblici. Adesso, dopo che abbiamo fatto la riforma Madia che finalmente unifica le fasce orario, e che quindi ci rende tutti uguali, andare a creare un sistema per una categoria, un sistema per l’altra, mi sembra una contraddizione. Allo stato attuale non capiamo bene cosa sta accadendo e comunque, di massima, da quello che capiamo non ci sembra una buona soluzione. Poi se a dicembre ci saranno delle altre proposte ne riparleremo».

 

Articoli correlati
OMCeO Roma e Stampa Romana, intesa contro le fake news. Antonio Magi: «Creeremo presidio informativo per i giornalisti»
Il protocollo in sette punti prevede anche dei corsi di formazione a ciclo continuo per i cronisti. Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma annuncia una riunione con i dirigenti sanitari per affrontare il tema delle aggressioni al personale sanitario
Dal robot-paziente alle protesi in 3D, le tecnologie del futuro a Exposanità
Al Salone internazionale della sanità il simulatore SimMan 3G: può diventare cianotico, simulare spasmi e convulsioni, lamentarsi e urlare di dolore. Alex Zanardi ha presentato l’handy bike progettata da lui
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
La SIN (Società Italiana di Neurologia) partecipa alla Giornata Nazionale della Salute della Donna
Anche quest’anno la Società Italiana di Neurologia (SIN) partecipa alla Giornata Nazionale della Salute della Donna organizzata dal Ministero della Salute, per sensibilizzare e promuovere i progressi della ricerca scientifica per la cura delle patologie neurologiche femminili e allestirà sabato 21 aprile un gazebo informativo presso il Villaggio della Salute della Donna. Le malattie neurologiche, […]
Exposanità Bologna, Giusy Versace: «L’accesso alle tecnologie non deve essere un lusso per pochi»
La neo eletta parlamentare Giusy Versace oggi ad Exposanità, manifestazione in corso a Bolognafiere fino a sabato 21 aprile. La campionessa paralimpica ha visitato il salone Horus dedicato a riabilitazione, ortopedia e disabilità e si è a lungo fermata a parlare con operatori, espositori e visitatori della manifestazione in corso. «A Exposanità ci sono tante cose interessanti […]
Cittadinanzattiva e FNOMCeO insieme per celebrare la XII Giornata Europea dei diritti del malato
Partono dall’Italia le celebrazioni della XII Giornata Europea dei diritti del malato, promossa da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato in Italia e in Europa da Active Citizenship network, progetto europeo di Cittadinanzattiva, quest’anno grazie anche alla importante partnership con la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. Le iniziative si svolgeranno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...