Politica 14 aprile 2015

Rc professionale verso il testo unico puntando sulla conciliazione

La proposta del comitato della Commissione Affari Sociali della Camera si basa su 11 articoli

Immagine articolo

Depenalizzare la colpa medica e potenziare le iniziative di conciliazione. Sono questi alcuni dei punti che quasi certamente entreranno a far parte della stesura finale del testo unico sulla responsabilità professionale dei medici.

Le proposte sono il frutto del lavoro portato avanti dal comitato della Commissione Affari Sociali di Montecitorio, il cui incarico è quello di fare ordine tra le tantissime proposte di legge presentate negli ultimi anni sul tema. Proposte che, ad un’attenta analisi, presentano non pochi punti in comune. Da qui la necessità di mettervi ordine una volta per tutte. E questa settimana potrebbe essere quella decisiva per dare lo sprint finale ad un lavoro che va avanti da circa un anno e che dovrebbe prevedere, nella sua stesura finale, una proposta formata da 11 articoli.

Oltre quelle già citate, infatti, il documento finale dovrebbe prevedere novità come: l’istituzione di un’Agenzia nazionale e un Osservatorio regionale e nazionale completamente dedicati alla supervisione dell’ambito in questione; la definizione di “atto sanitario” come atto “complesso e sottoposto a molte variabili”; i nuovi compiti dell’Age.Na.S. sui sistemi di punteggio per la classificazione delle strutture sanitarie.

Altre modifiche importanti riguarderanno la gestione del rischio clinico e l’introduzione, anche nel nostro Paese, del sistema “No Fault”: si tratta di un meccanismo che prevede l’indennizzo dei pazienti danneggiati da un episodio di malpractice senza che venga accertata la colpa e senza che entrambe le parti vadano ad impelagarsi in azioni giudiziarie. Se nulla dovesse cambiare nei prossimi incontri, la responsabilità professionale del medico sarà extra contrattuale e quella della struttura contrattuale. L’assicurazione resterà obbligatoria per il camice bianco libero professionista – e che quindi non opera in una struttura – mentre sarà facoltativa per i dipendenti, rimanendo comunque fondamentale la copertura nei casi di colpa grave. Nella bozza è previsto anche che, per quanto concerne la responsabilità dei professionisti che vi lavorano, la struttura sanitaria privata non avrà alcuna differenza con il suo corrispettivo pubblico. Previste infine la regolamentazione dei consulenti di parte e la nascita dell’albo dei Consulenti Tecnici di Ufficio (CTU).

Articoli correlati
Federico Gelli: «Gestione del rischio e assicurazioni, arriva una guida per orientarsi nel nuovo corso della responsabilità sanitaria»
Pubblicato un importante volume dell’Editore Giuffrè: «La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione. Commento sistematico alla Legge Gelli»
Legge Gelli, pronto il decreto che istituisce l’Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza nella sanità
Istituito all’interno dell’AGENAS e composto da direttori generali del Ministero della Salute e da cinque esperti, si occuperà di monitorare le buone pratiche, di fornire indicazioni sulla gestione del rischio clinico e di individuare misure idonee per la formazione e l’aggiornamento del personale sanitario
Responsabilità professionale, Fineschi (“La Sapienza”): «Nuova normativa ha fatto maturare il sistema»
Limiti ai risarcimenti per i professionisti sanitari e un fondo di garanzia per i pazienti. La Legge Gelli-Bianco ha rivoluzionato la gestione del rischio, la sicurezza delle cure e gli obblighi assicurativi. Pietro Di Tosto, Consigliere Segretario dell'Ordine degli avvocati di Roma: «Certezze per un settore che non ne aveva»
Legge Responsabilità Professionale, arriva primo decreto su società scientifiche
«Una Legge che ha delineato la gestione corretta del rischio clinico e la responsabilità del contenzioso» lo dichiara Paola Frati Professoressa di Medicina Legale a La Sapienza, in occasione del convegno "Le novità introdotte dalla Legge 24/2017 Gelli”
Avvocati e medici a confronto su Legge Gelli. Lavra (OMCeO Roma): «Inizio di un percorso che andava assolutamente intrapreso»
Il Presidente dell’Ordine più grande d’Europa commenta ai nostri microfoni la riforma della responsabilità professionale in sanità: «Chi opera in ambito sanitario può stare più tranquillo. Importanti novità su risk management e assicurazioni, ma aspettiamo i decreti attuativi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...