Meteo 12 gennaio 2018

Ancona, Ospedali Riuniti: primo intervento per curare enfisema polmonare con il vapore

Combattere l’enfisema polmonare iniettando vapore acqueo ad alta temperatura (75-80 gradi) nella parte malata. E’ il nuovo tipo di intervento tentato per la prima volta in Italia dal Sod di Pneumologia degli Ospedali Riuniti di Ancona ed illustrato dal direttore generale dell’Azienda ospedaliera Michele Caporossi. «L’enfisema polmonare – ha spiegato il direttore di Pneumologia Stefano […]

Combattere l’enfisema polmonare iniettando vapore acqueo ad alta temperatura (75-80 gradi) nella parte malata. E’ il nuovo tipo di intervento tentato per la prima volta in Italia dal Sod di Pneumologia degli Ospedali Riuniti di Ancona ed illustrato dal direttore generale dell’Azienda ospedaliera Michele Caporossi.

«L’enfisema polmonare – ha spiegato il direttore di Pneumologia Stefano Gasparini, che ha eseguito l’intervento assieme ai medici Lina Zuccacosta e Martina Bonifazi – rientra insieme alla bronchite cronica nell’ambito delle bronco pneumopatie croniche ostruttive e provoca l’incapacità di espellere l’aria (iperinflazione) per la ridotta elasticità del tessuto polmonare. In sostanza gli alveoli polmonari intrappolano l’aria provocando tosse cronica, affanno e nelle fasi avanzate anche insufficienza respiratoria invalidante. Occorre dunque ridurre il volume dei polmoni, un risultato che prima si otteneva con un intervento di asportazione delle parti più compromesse, o introducendo al loro interno valvole che favorissero l’uscita dell’aria (impedendone l’entrata), o con spirali che avvolgono il lobo polmonare malato. La nuova metodica – ha specificato il direttore Gasparini – consente invece col vapore di causare  alla parte malata un danno termico con conseguente cicatrice, che retrae la zona trattata, riducendone il volume».

L’operazione è stata effettuata su un paziente di 68 anni. «L’intervento – ha sottolineato l’equipe medica – non elimina la malattia, né l’utilizzo dei farmaci. Riduce solo i sintomi di affaticamento e difficoltà respiratoria migliorando la qualità della vita. La difficoltà dell’operazione non è tanto nel trattamento della durata di 15 minuti, quanto nello studio del paziente dal quale scaturiscono i dati da introdurre nel software in base alla Tac per determinare precisamente la sede da trattare e l’energia calorica da applicare. Resta fondamentale per tutti la prevenzione – ha ricordato Fabrizio Volpini, presidente della quarta Commissione Sanità del Consiglio regionale e consigliere delegato alla Sanità – dal momento che le bronco pneumopatie croniche ostruttive derivano principalmente dal fumo di sigaretta, da inquinamento ambientale o da esposizione professionale a polveri. Colpiscono una persona su dieci e sono la quarta causa di morte nel mondo».

Articoli correlati
Batterio Listeria, Giulia Grillo: «ll ministero della Salute ha subito attivato tutti i controlli»
Il ministero della Salute ha subito attivato tutti i controlli del caso sulla vicenda del batterio Listeria che ha provocato il ritiro di alcuni prodotti surgelati in via precauzionale. Al momento, nessun focolaio di infezione in Italia
Malattia di Lyme: tutta colpa di una zecca. L’intervista a Giusto Trevisan (Presidente GISML)
«Rimuovere l'animale dalla cute, ed iniziare la terapia antibiotica. Se non diagnosticata correttamente, può cronicizzarsi e causare danni a livello neurologico, cardiaco e articolare». Queste le indicazioni del Presidente del Gruppo Italiano di Studio sulla Malattia di Lyme per affrontare una patologia insidiosa di cui si parla poco
Giornata mondiale sclerosi multipla: la SIN fa il punto sulle terapie
Buone notizie per la cura della fase iniziale infiammatoria della Sclerosi Multipla, mentre risultano ancora limitate le risorse terapeutiche per la fase progressiva della malattia, sebbene attualmente siano disponibili le prime terapie efficaci nel rallentare l’avanzamento della SM. E’ questa la fotografia delle opportunità terapeutiche per la lotta alla SM della Società Italiana di Neurologia […]
Standard di cura del diabete: le novità dell’edizione 2018
L’edizione 2018 degli Standard italiani per la cura del diabete, elaborati congiuntamente dall’Associazione Medici Diabetologi (AMD) e della Società Italiana di Diabetologia (SID), contiene vari elementi di novità ed i segienti obiettivi: Trattare per obiettivi “flessibili”, tenendo presente il rischio di ipoglicemia. L’obiettivo di cura prevede il raggiungimento di target glicemici ben definiti, poiché il […]
Giornata nazionale mal di testa, OMS: «Tra le dieci cause al mondo di disabilità»
“Dai una spallata al tuo dolore”. È questo il tema della Giornata nazionale del mal di testa 2018, dedicata a tutti i pazienti che soffrono di una delle tante forme di cefalea, che si terrà il prossimo sabato 19 maggio in tutta Italia. Inserita dall’OMS fra le prime 10 cause al mondo di disabilità, il mal […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...