Salute 7 Aprile 2023 00:32

Smog «risveglia» cellule mutate responsabili del tumore ai polmoni

Basta respirare aria inquinata dai fumi emessi dalle automobili anche solo per tre anni per «risvegliare» cellule mutate silenti che possono causare il tumore ai polmoni. A dimostrarlo è uno studio pubblicato sulla rivista Nature

Smog «risveglia» cellule mutate responsabili del tumore ai polmoni

Basta respirare aria inquinata dai fumi emessi dalle automobili anche solo per tre anni per «risvegliare» cellule mutate silenti che possono causare il tumore ai polmoni. A dimostrarlo è uno studio condotto dal Francis Crick Institute, pubblicato sulla rivista Nature, secondo il quale potremmo essere vicini a spiegare il perché ci sono così tanti non fumatori che si ammalano lo stesso di cancro ai polmoni. Non solo. I ricercatori sono convinti che le loro scoperte possano portare allo sviluppo di nuovi farmaci in grado di impedire il «risveglio» di queste cellule dormienti.

Una possibile spiegazione del perché il tumore ai polmoni colpisce anche i non fumatori

«Il nostro studio ha cambiato radicalmente il modo in cui vediamo il cancro ai polmoni nelle persone che non hanno mai fumato», spiega Charles Swanton, del Francis Crick Institute e tra gli autori dello studio. «Le cellule con mutazioni che causano il cancro si accumulano naturalmente con l’avanzare dell’età, ma normalmente sono inattive. Abbiamo dimostrato – cont-inua – che l’inquinamento atmosferico risveglia queste cellule nei polmoni, incoraggiandole a crescere e potenzialmente a formare tumori. Il meccanismo che abbiamo identificato potrebbe in definitiva aiutarci a trovare modi migliori per prevenire e curare il cancro ai polmoni nei non fumatori». Se infatti saremo in grado di fermare la risposta delle cellule all’inquinamento atmosferico, secondo i ricercatori, possiamo ridurre il rischio di cancro ai polmoni.

Solo tre anni di esposizione favorisce sviluppo del tumore ai polmoni

Nello studio sono stati analizzati i dati relativi a 407.509 persone, 32.957 delle quali avevano sviluppato cancro al polmone. Il particolato PM2,5, spiegano gli esperti, può viaggiare in profondità negli alveoli e all’interno dei polmoni. Alcuni fattori ambientali, come l’esposizione a questo inquinante, risultano associati alla presenza di mutazioni di geni EGFR o KRAS, che svolgono un ruolo chiave nella replicazione delle cellule cancerose. Gli scienziati hanno considerato le informazioni relative a pazienti provenienti da Inghilterra, Taiwan, Corea del Sud e Canada, riscontrando una correlazione tra il PM2,5 e una specifica mutazione del gene EGFR. Attraverso i dati raccolti da 228 individui canadesi con cancro al polmone, gli scienziati hanno identificato una maggiore frequenza di casi di tumore al polmone a seguito di tre anni di esposizione agli inquinanti atmosferici. Questo suggerisce che tre anni di alti livelli di inquinamento potrebbero essere sufficienti a favorire lo sviluppo del cancro.

Scienziati svelano i processi cellulari della progressione tumorale

Inoltre, in una serie di test condotti sui topi, gli studiosi hanno valutato i processi cellulari che potrebbero essere alla base della progressione dei tumori in relazione all’inquinamento atmosferico. Stando a quanto emerge da queste analisi, il PM2,5 sembra innescare un afflusso di cellule immunitarie e il rilascio di interleuchina-1β (una molecola di segnalazione pro-infiammatoria) nelle cellule polmonari. Tali configurazioni tendono a esacerbare l’infiammazione e guidare la progressione del tumore. Gli scienziati ipotizzano che le cellule alveolari di tipo II (AT2) potrebbero rappresentare l’elemento alla base dello sviluppo del cancro. Nel complesso, concludono gli autori, questi risultati suggeriscono che il PM2.5 potrebbe agire come promotore del tumore e aggravare ulteriormente le mutazioni cancerose esistenti. Una nuova comprensione di questa relazione può aprire strade per la prevenzione e la cura di questi tipi di tumore.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Aumenta l’incidenza e la mortalità del tumore al colon-retto tra i giovani adulti, colpa di alcol e obesità
L'incidenza e la mortalità per tumore al colon-retto sono in aumento tra i giovani adulti di 25-49 anni. E' quanto emerge dai risultati, di uno studio, pubblicato sulla rivista Annals of Oncology, nel quale si prevedono i tassi di mortalità per tumore nell'Unione Europea (UE) e nel Regno Unito per il 2024. Ciononostante, la mortalità prevista per questo tipo di tumore risulta complessivamente in calo in tutta Europa
di V.A.
Con cerotto “smart” possibile monitoraggio delle dimensioni del tumore su smartphone
Un dispositivo adesivo indossabile, che si attacca alla pelle come un cerotto, può misurare costantemente le dimensioni di alcuni tumori e trasmettere le informazioni in modalità wireless a uno smartphone. Il dispositivo, sviluppato da Hsing-Wen Sung della National Tsing Hua University di Taiwan e colleghi, è stato descritto sulla rivista ACS Nano
Inquinamento: l’Emilia Romagna investe 154 milioni nel prossimo Piano dell’Aria
Malgrado le osservazioni critiche dell'opposizione, disco verde della commissione Politiche per la Salute dell'Emilia-Romagna al prossimo Piano dell'Aria (Pair 2030) proposto dalla giunta regionale per ridurre gli effetti dell'inquinamento
di V.A.
Clima pazzo e inquinamento aumentano il rischio di maculopatie senili
La crisi climatica e l’inquinamento atmosferico ad essa legato rappresentano un’urgenza anche per la salute dei nostri occhi,  che va ben oltre quella finora considerata di congiuntiviti e occhio secco. Uno studio canadese, il più ampio mai realizzato, pubblicato il mese scorso su Ophthalmic Epidemiology e condotto su 1,7 milioni di americani over 65, ha evidenziato una correlazione significativa tra maggiore probabilità di gravi problemi alla vista e temperature più elevate
di V.A.
Il traffico aumenta la pressione sanguigna, un effetto che dura fino a 24 ore
Uno studio dell'Università di Washington, pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine, ha rilevato che l'aria non filtrata proveniente dal traffico delle ore di punta aumenta significativamente la pressione sanguigna dei passeggeri, sia mentre si trovano in automobile che fino a ben 24 ore dopo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...