Lavoro 17 novembre 2015

Sentenza del Tribunale di Bologna. Vincono gli specializzandi ‘78-‘83

I giudici si allineano all’orientamento della Cassazione sugli “ante ’83”La politica: «Subito accordo transattivo per evitare nuova voragine»

Immagine articolo

Sempre più urgente una soluzione al problema dei medici ex specializzandi. Una nuova recentissima sentenza (n.3063/2015), emessa dal Tribunale di Bologna, espone lo Stato al pericolo di un salasso ancora più ampio di quello stimato, già superiore ai 4 miliardi.


In linea con quanto disposto dalla Cassazione, che ha esteso i rimborsi anche a ciascun anno di specializzazione tra il 1978 e il 1983, Palazzo Chigi è stato condannato a pagare oltre tre milioni ai medici tutelati da Consulcesi. Proprio il Gruppo, che da oltre 20 anni tutela i camici bianchi, farà partire in questi giorni l’ultima azione collettiva del 2015. Con la platea dei potenziali ricorrenti sempre più ampia, aumenta anche il pressing del mondo politico, che spinge all’ accordo transattivo, proposto dai tre Ddl all’attenzione del Parlamento.

Lo evidenzia anche il senatore del Gruppo Misto, Maurizio Romani: « La Cassazione ha confermato il diritto, estendendolo anche a chi ha avviato la specializzazione prima del 1983. Il diritto – afferma – è comunque un costo per lo Stato. È stato proposto un accordo transattivo sostenuto da tutto l’arco costituzionale. Questo permetterebbe di risolvere il problema alla base visto che i medici riceverebbero quanto dovuto e lo Stato risparmierebbe». Anche perché ormai la giurisprudenza è consolidata ed i ricorsi vanno sempre a buon fine. «Il ricorso – conclude il senatore Romani –  è un diritto giustamente esercitato. Ma la situazione va regolamentata al più presto. La Cassazione si è espressa chiaramente tutte le volte che si è andati in tribunale: i medici hanno ragione».

Secondo Federico Gelli, deputato e responsabile della Sanità del Pd, però: «Non è più possibile andare avanti a colpi di sentenze e credo che una modalità corretta per affrontare la situazione sia che il governo se ne faccia carico avvalendosi dei ministeri competenti, cioè il Mef, il Ministero della Salute e quello dell’Università, perché si possa trovare una soluzione normativa: una transazione che chiuda definitivamente la partita. In caso contrario, si profilerebbe davvero un danno enorme al bilancio dello Stato».

L’accordo transattivo appare, ad ogni modo, una soluzione a portata di mano, proposta in ben tre Ddl, due dei quali portano la firma del senatore NCD, Piero Aiello, soddisfatto per il pronunciamento della Cassazione: «Era ora – dice – perché si era creata una discriminazione tra medici che avevano svolto la scuola post laurea nello stesso periodo con la medesima violazione della direttiva europea». Riguardo i Disegni di legge non ha dubbi: «È giunto il momento che il governo intervenga perché si rischia di mandare in default il bilancio dello Stato. Non si può sopportare una marea di ricorsi che andranno a sommarsi a quelli in itinere. Questo porterà finalmente a trovare una soluzione e quindi una transazione, sia per chi ha fatto, sia per chi lo farà, prima della procedura transattiva».

Dai banchi dell’opposizione la Lega Nord sta pungolando da tempo il governo a trovare una soluzione, attraverso interrogazioni e mozioni. Particolarmente battagliero il consigliere leghista della Regione Lombardia Fabio Rizzi che sta spingendo colleghi in Parlamento a fare pressing sul Governo attraverso mozioni e interrogazioni: «Ci aspettiamo – spiega – che il governo prenda in mano la questione e dia una risposta legislativa. Il nostro Paese, a distanza di 25 anni, continua a non dare risposte su diritti acquisiti. È arrivato il momento di andare a sanare questa situazione per evitare di pagare tutti quei ricorsi che vanno avanti, che colpiscono le casse dello Stato». Questo avviene attraverso i ricorsi. «Fanno benissimo a farli gli ex specializzandi – conclude Rizzi – mentre non condivido lo sciopero. Semmai bisogna mettere in crisi le strutture a monte, facendo in modo che il problema emerga, mettendo alle strette chi deve risolverlo».

Articoli correlati
La privacy dei pazienti nei certificati di malattia al datore di lavoro va tutelata?
In linea di principio il medico non deve specificare nel certificato di malattia indicazioni diagnostiche e/o specifiche sulla patologia, trattandosi di dati sensibili. Recentemente la Suprema Corte di Cassazione ha affrontato la tematica nell’ordinanza n. 2367 del 31/1/18 e in quella sede ha ritenuto che il medico non fosse responsabile per aver indicato sul certificato […]
Il medico risponde anche delle negligenze dell’infermiere che lo supporta nella cura del paziente?
La Corte di Cassazione si è pronunciata diverse volte su questo punto (vedi sez. IV 9638/00; 24573/11; 2541/15) precisando che l’infermiere svolge una specifica posizione di garanzia nei confronti del paziente. Recentemente, tale tematica è stata ripresa nella sentenza n. 5/18 della IV sez. della Corte di Cassazione, nell’ambito della quale si è ribadita la […]
Ex specializzandi, parla l’esperto della vertenza: «Rimborsi anche a chi si è iscritto prima del 1983 e importi da rivedere al rialzo»
L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, con oltre 530 milioni di euro fatti riconoscere dai tribunali in favore dei medici tutelati dal network legale Consulcesi, spiega cosa cambia con la recente pronuncia della Corte di Giustizia Europea. Nel frattempo una sentenza del Tribunale di Roma conferma i rimborsi a chi ha interrotto la prescrizione prima del 20 ottobre 2017
E’ corretto che i rimborsi per le spese di viaggio dovuti agli specialisti ambulatoriali siano tassati?
La Suprema Corte di Cassazione con l’ordinanza 6793/15 ha chiarito la natura risarcitoria, e non retributiva, delle spese di viaggio sostenute dagli specialisti ambulatoriali, cui vengono assegnati incarichi al di fuori del comune di residenza. Dunque, se i rimborsi sono mere reintegrazioni patrimoniali non possono essere tassati ai fini IRPEF. Recentemente tale interpretazione è stata […]
Caos liste elettorali, Anaao all’attacco: «Sanità espulsa. Incredibile esclusione Gelli»
Il segretario del sindacato dei medici Troise attacca le scelte dei partiti. «Persone serie e competenti sostitute spesso con amici di e figli di». Nel mirino i nomi del Partito democratico e la scelta di non confermare il responsabile del Dipartimento salute: «O non interessa la materia o non si ha fiducia in chi è stato chiamato a prepararla»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...