Salute 28 luglio 2015

«Dottore, chiami un dottore». Medici sempre più stressati per i carichi di lavoro.Ecco quando chiedere aiuto e a chi

Arrivano i corsi in gestione dello stress. Intervista alla dott.ssa Monica Martelli, dello Sportello Disadattamento Europeo

Immagine articolo

I medici inglesi non lavorano durante il fine settimana (ma presto lo faranno). I colleghi italiani non solo lavorano ogni giorno, ma i turni a cui sono costretti comportano orari così improponibili che, insieme al pericolo di denunce spesso infondate, viene minata alle fondamenta la loro salute sia fisica che mentale.


Uno stress che mal si accompagna alle responsabilità che derivano da un intervento in sala operatoria, dalla preparazione di un piano terapeutico, o dall’esito di una visita di controllo. In questi casi chiedere un sostegno o semplicemente ascolto può giovare molto al professionista e, di riflesso, ai suoi pazienti. Sanità informazione ha intervistato la dott.ssa Monica Martelli, consulente dello Sportello Disadattamento Europeo ed esperta nella gestione dello stress medico. 

Dott.ssa Martelli, quali sono i segnali per riconoscere questo tipo di stress?
«Sia i sintomi che le conseguenze dello stress medico sono estremamente variabili. In generale, però, possiamo identificare tre stadi. Il primo è quello dell’iperattività: in un anestesista alle prese con un caso urgente, ad esempio, abbiamo verificato che la pressione sanguigna può salire fino a 300 per tutta la durata della prestazione. Contemporaneamente, si attiva un aumento del glucosio, diminuisce la sensibilità al dolore e alla stanchezza, si bloccano i processi digestivi e perfino lo stato di fertilità. Ora, un conto è se questo processo dura un’ora. Ben diverso è invece il caso di un reale sovraccarico lavorativo. In questa eventualità si entra nel secondo stadio: quello della resistenza o, in gergo, del “soldato in trincea”. Qui avviene che l’organismo tenta di resistere con tutte le sue forze fino a quando non cede. A questo punto subentra la terza fase: quella dell’esaurimento, che comporta perdita della convergenza, possibili alterazioni tiroidee, riduzione della fertilità, disturbi di tipo muscolo-scheletrico».

A cosa può portare tutto questo?
«Questi disordini possono, col tempo, sfociare nella sindrome di “burn out”, che letteralmente significa bruciatura. I sintomi sono ipertensione, insonnia e aggressività. È importante che il medico riconosca questi fattori come indici di vulnerabilità, così da crearsi le necessarie e più efficaci strategie di autodifesa». 

Le conseguenze di un sovraccarico di lavoro per il medico possono essere rischiose anche per i pazienti?
«Di certo possono verificarsi situazioni di sovraccarico che influiscono sulle prestazioni del medico, alterandole. Generalmente il professionista se ne accorge in tempo, ma è anche vero che il mancato turn over, e quindi i turni massacranti, possono dar luogo ad incidenti di questo tipo».

Quali sono i benefici arrecati dagli appositi corsi in gestione dello stress?
«L’attività dello Sportello del disadattamento europeo mi consente di intercettare questi disordini prima che diventino una vera e propria patologia, e di attivare un percorso di riabilitazione specifica. Lo sportello è formato da un gruppo di medici aziendalisti e psicologi del lavoro, impegnati nell’intercettare queste perdite di adattamento, studiare la capacità di recupero più efficiente e far sì che l’intero sistema sviluppi la cosiddetta “resilienza” alle crisi».

Articoli correlati
ECM, camici bianchi in ritardo: ecco i rischi. De Franco (CoGeAPS): «Probabile stop concorsi e assunzioni»
Formazione professionale, scade il triennio e un’alta percentuale di medici non è in regola con gli obblighi formativi. Dal CoGeAPS il monito: «Per chi non è in regola ci saranno problemi per partecipare ai concorsi e per lavorare in strutture sanitarie accreditate»
ECM, cosa cambia dal 2017. Bovenga: «Ecco dossier formativo e bonus per i virtuosi»
Il 31 dicembre scade il triennio formativo, tante le novità in programma. Il presidente del CoGeAPS: «Superati i numeri di un tempo ma si può ancora migliorare. Per i più bravi possibilità di riduzioni e bonus»
ECM, no all’assunzione e carriera bloccata per chi non si mette in regola
Tutti i chiarimenti: certificazione ECM requisito anche per impiego nel privato e in enti pubblici. Il triennio formativo sta per terminare e sono tanti i medici ancora in ritardo. Stella (OMCeO Varese): «Formazione a macchia di leopardo, solo il 40-43% dei medici ha completato appieno il proprio percorso». Orlandi (Chimici): «Aggiornarsi per la salute della collettività»
Svizzera, il referendum non ferma (per ora) il boom di giovani medici italiani
Dall’Italia con furore i camici bianchi si trasferiscono in Ticino. In otto anni il numero si è quadruplicato e continua a incrementarsi. Luraschi, responsabile Ente Ospedaliero Ticino: «Dieci anni fa il numero di italiani impiegati negli ospedali del Ticino era inferiore al 20% e ora supera il 40%»
Esiste un modo per vedersi riconosciuti crediti ECM in caso di docenza in corsi formativi?
  In caso di docenza, relativa in particolare ad eventi residenziali, gli ECM possono essere riconosciuti. Di solito vengono attribuiti sempre, ma spesso e volentieri non viene fatto perché non esplicitamente richiesti dal docente o relatore. Il consiglio è che, a chiusura di un evento residenziale, si chieda al Provider di essere inseriti nel documento […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...