Salute 28 luglio 2015

«Dottore, chiami un dottore». Medici sempre più stressati per i carichi di lavoro.Ecco quando chiedere aiuto e a chi

Arrivano i corsi in gestione dello stress. Intervista alla dott.ssa Monica Martelli, dello Sportello Disadattamento Europeo

Immagine articolo

I medici inglesi non lavorano durante il fine settimana (ma presto lo faranno). I colleghi italiani non solo lavorano ogni giorno, ma i turni a cui sono costretti comportano orari così improponibili che, insieme al pericolo di denunce spesso infondate, viene minata alle fondamenta la loro salute sia fisica che mentale.

Uno stress che mal si accompagna alle responsabilità che derivano da un intervento in sala operatoria, dalla preparazione di un piano terapeutico, o dall’esito di una visita di controllo. In questi casi chiedere un sostegno o semplicemente ascolto può giovare molto al professionista e, di riflesso, ai suoi pazienti. Sanità informazione ha intervistato la dott.ssa Monica Martelli, consulente dello Sportello Disadattamento Europeo ed esperta nella gestione dello stress medico.

Dott.ssa Martelli, quali sono i segnali per riconoscere questo tipo di stress?
«Sia i sintomi che le conseguenze dello stress medico sono estremamente variabili. In generale, però, possiamo identificare tre stadi. Il primo è quello dell’iperattività: in un anestesista alle prese con un caso urgente, ad esempio, abbiamo verificato che la pressione sanguigna può salire fino a 300 per tutta la durata della prestazione. Contemporaneamente, si attiva un aumento del glucosio, diminuisce la sensibilità al dolore e alla stanchezza, si bloccano i processi digestivi e perfino lo stato di fertilità. Ora, un conto è se questo processo dura un’ora. Ben diverso è invece il caso di un reale sovraccarico lavorativo. In questa eventualità si entra nel secondo stadio: quello della resistenza o, in gergo, del “soldato in trincea”. Qui avviene che l’organismo tenta di resistere con tutte le sue forze fino a quando non cede. A questo punto subentra la terza fase: quella dell’esaurimento, che comporta perdita della convergenza, possibili alterazioni tiroidee, riduzione della fertilità, disturbi di tipo muscolo-scheletrico».

A cosa può portare tutto questo?
«Questi disordini possono, col tempo, sfociare nella sindrome di “burn out”, che letteralmente significa bruciatura. I sintomi sono ipertensione, insonnia e aggressività. È importante che il medico riconosca questi fattori come indici di vulnerabilità, così da crearsi le necessarie e più efficaci strategie di autodifesa».

Le conseguenze di un sovraccarico di lavoro per il medico possono essere rischiose anche per i pazienti?
«Di certo possono verificarsi situazioni di sovraccarico che influiscono sulle prestazioni del medico, alterandole. Generalmente il professionista se ne accorge in tempo, ma è anche vero che il mancato turn over, e quindi i turni massacranti, possono dar luogo ad incidenti di questo tipo».

Quali sono i benefici arrecati dagli appositi corsi in gestione dello stress?
«L’attività dello Sportello del disadattamento europeo mi consente di intercettare questi disordini prima che diventino una vera e propria patologia, e di attivare un percorso di riabilitazione specifica. Lo sportello è formato da un gruppo di medici aziendalisti e psicologi del lavoro, impegnati nell’intercettare queste perdite di adattamento, studiare la capacità di recupero più efficiente e far sì che l’intero sistema sviluppi la cosiddetta “resilienza” alle crisi».

Articoli correlati
Anziani e salute: volontariato, nipoti e lavoro fanno bene
Lavoro, volontariato e cura dei nipoti fanno bene alla salute degli anziani. Infatti, si sentono e sono oggettivamente più sani gli anziani attivi rispetto ai coetanei che lo sono meno, specie se all’invecchiamento attivo si associa anche un buon livello di istruzione. È il risultato di uno studio condotto da Bruno Arpino del Dipartimento di Scienze politiche […]
Barbara Cittadini, Vicepresidente AIOP: «La sanità driver di uno sviluppo economico e sociale del Paese»
«La sanità, nelle sue componenti pubblica e privata, che nel nostro paese rappresenta l’11% del PIL e dà lavoro a 2 milioni e mezzo di persone, rappresenta un fattore di sviluppo, sia per il contributo dei settori economici coinvolti sia per il suo impatto sociale». Così il Vice presidente nazionale Aiop – Associazione italiana ospedalità […]
Lecco, infermiera sviene per troppo lavoro. A Merate un’altra aggressione
Stress da lavoro e ancora aggressioni per i camici bianchi. Le notizie degli ultimi giorni parlano di un’infermiera dell’ospedale di Merate aggredita dai parenti dei pazienti in fila al pronto soccorso e di un’operatrice socio sanitaria del’ospedale di Lecco svenuta nei giorni scorsi al culmine di un turno estenuante di lavoro. I motivi? Non pochi. […]
Il movimento aumenta la produttività fino al 50%. Ecco perché le aziende aprono palestre per i dipendenti
Tra i nuovi propositi dell’anno che si svolge davanti ​a noi c’è spesso quello​ di muoversi di più e imparare qualcosa di nuovo: “Mens sana in corpore sano”. Questo è assodato ma gli effetti del movimento con il suo corollario di ossigenazione cerebrale, endorfine e neurotrofine da alcuni anni è indagato anche come potenziatore sul […]
La depressione ha origine nell’infanzia: la ricerca dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia
Una ricerca dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia dimostra il legame tra geni ed eventi traumatici dell’età evolutiva nel successivo sviluppo della depressione. Annamaria Cattaneo, ricercatrice dell’Istituto, ha pubblicato su Molecular Psychiatry un articolo intitolato “FoxO1, A2M e TGFB1: tre nuovi geni che predicono la depressione come conseguenza dell’interazione tra geni di vulnerabilità’ e condizioni ambientali avverse”. Si tratta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...