Diritto 19 maggio 2015

Medici di base, interviene il governo: revocato lo sciopero

Ma il fronte dei giovani resta una polveriera: in arrivo il bando

Prendiamo impegni e li rispettiamo, grazie a tutti per il buon senso. I pazienti prima di tutto”. Con questo tweet il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin ha annunciato nella tarda serata di lunedì l’accordo raggiunto dal Governo con la Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale (FIMMG) per la revoca dello sciopero di medici di base e pediatri di libera scelta annunciato per oggi.  Già alla vigilia dell’incontro voluto dal premier Renzi, il sindacato aveva lanciato segnali di distensione, chiarendo però che la protesta sarebbe stata annunciata solo di fronte a misure concrete. “Abbiamo apprezzato – ha affermato il segretario della Fimmg, Giacomo Milillo – l’attenzione ai problemi che abbiamo posto, pur nei limiti degli spazi che leggi e Costituzione rimettono al governo. Nel merito – ha chiarito – ci sono state date assicurazioni sul rispetto dell’autonomia professionale del medico di famiglia e dei livelli retributivi. E soprattutto c’è l’impegno a vigilare che vada avanti la trattativa per il rinnovo della convenzione”.

La giornata di sciopero  era stata indetta, nell’ambito di una protesta più organica nata con lo slogan “Io non vado con il primo che capita” che prendeva le mosse dallo stallo delle trattative con le Regioni per la riorganizzazione della professione attraverso  la creazione degli Aft, Aggregazioni funzionali territoriali, ambulatori dove gli specialisti assisteranno a turno i pazienti. Si riaprono, dunque, le trattative con la FIMMG che apprezza che “dal governo sia venuto un impegno forte a difesa della professionalità e del ruolo dei medici di famiglia”. Più in dettaglio, il Governo e il Comitato di settore si sono impegnati a vigilare affinché nelle trattative “venga confermato e rispettato – si legge nel testo dell’accordo – il profilo giuridico dei medici convenzionati; a far mantenere a medici di famiglia e pediatri la loro autonomia organizzativa nell’ambito delle scelte di indirizzo e programmazione sanitaria di stato e Regioni. E a ricercare meccanismi che, rispettando gli attuali livelli retributivi, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, sviluppino la capacità di lavoro d’equipe e le specificità della medicina generale e della pediatria di libera scelta nel rispetto del rapporto fiduciario”.

Seppur in extremis si è riusciti, dunque, a scongiurare la “serrata” di ambulatori e studi medici, che avrebbe di certo comportato pesanti disagi. Resta invece una polveriera il fronte dei giovani medici. Che si ricorra a cori, striscioni e flashmob sotto al MIUR oppure si opti per braccia incrociate e petizioni, cambia ben poco: i medici sono in palese difficoltà. Lo sono quelli che già esercitano la professione, figuriamoci chi vorrebbe farlo.

L’assenza di prospettive in un Paese in difficoltà con un Ssn in apnea è solo la punta dell’iceberg delle difficoltà che deve affrontare chi studia per avere un futuro con il camice bianco. Si parte dai test d’ingresso all’Università e se si riesce ad arrivare al Giuramento di Ippocrate, poi cominciano i guai veri con la scuola di specializzazione, indispensabile per poter lavorare.  Proprio mentre il Ministero dell’Economia autorizzava la copertura economica per le 6mila borse annunciate dal ministro della Pubblica Istruzione, Stefania Giannini, il Coordinamento Mondo Medico andava ad urlare la sua rabbia sotto al MIUR.

Solo qualche settimana fa, sempre a viale Trastevere, il flashmob dei giovani medici del SIGM era riuscito ad ottenere, appunto, l’aumento – seppur solo di qualche migliaia di unità – delle borse di specializzazione. In attesa della pubblicazione della Bando per le prove di accesso, però, Mondo Medico ha ritenuto insufficiente quel risultato. Cristiano Di Gioia, coordinatore nazionale del Coordinamento Mondo Medico ha spiegato con i numeri il loro disappunto: “Servono almeno 10mila borse perché o saranno almeno 15mila i candidati contro i 12 mila del 2014: lo scorso anno gli esclusi furono più di 6mila ed ora, nonostante l’incremento di posti, ne rimarranno fuori 9mila”.  Mondo Medico al Miur ha anche chiesto di rivedere il sistema d’accesso: “trasformando l’attuale imbuto in un cilindro – ha concluso Di Gioia – cercando di far specializzare tutti per evitare che scoppi quella che è una bomba sociale e si argini il fenomeno della fuga all’estero che provoca la doppia beffa di perdere professionisti e sprecare soldi per la loro formazione, che costa 10mila euro l’anno per ogni specialisti”.

Articoli correlati
Lombardia, FIMMG CA: «Aumentano le aggressioni ai medici. Sicurezza come priorità»
La sicurezza sul lavoro è una priorità assoluta. Per questo, fa sapere la FIMMG in una nota stampa, parte dalla Lombardia una rilevazione per fotografare l’operatività delle sedi  di Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica). «In Lombardia, come nel resto del Paese, negli ultimi mesi sono esponenzialmente aumentate le segnalazioni dei nostri iscritti che testimoniano un […]
Sciopero medici, Filippi (Cgil): «Non servono bonus, ma strategie di ristrutturazione del SSN e legittimazione professionisti»
Zampetti (Cisl Medici): «È stato un anno deludente per la sanità, e il 2018 si preannuncia caratterizzato da bagarre tra partiti in campagna elettorale mentre il SSN si deteriorerà sempre di più». In vista dello sciopero di febbraio, le dichiarazioni dei rappresentanti di Fp Cgil Medici e Cisl Medici
Sciopero medici: «La sanità sarà decisiva in campagna elettorale e noi diremo la nostra…»
I sindacati dei camici bianchi: «Alta l’adesione alla protesta. Manifestazioni in tutta Italia. Difendere i medici per tutelare la salute dei cittadini». In piazza anche i giovani medici pagati “pizza e birra”…
Sciopero, Federico Gelli (Pd): «Una vertenza che spero si possa risolvere presto»
«Dopo un incontro al Ministero con tutti gli stakeholder della sanità, siamo riusciti a strappare una promessa…», così ai nostri microfoni l’esperto della riforma della Responsabilità professionale in sanità
Sciopero medici: «Cittadini e camici bianchi insieme contro lo ‘smagrimento’ del SSN» l’intervista al Presidente Quici (Cimo)
«Il Sistema Sanitario Nazionale è come un acquedotto che perde acqua: a voler riempire il bicchiere ci sono i cittadini e i sanitari che rimangono a bocca asciutta» così Guido Quici, Presidente Cimo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...