Diritto 31 marzo 2015

Ex specializzandi, Lala (OMCeO Roma): “L’accordo con lo Stato è improrogabile”

Altri 60 milioni consegnati nella capitale. Sentenze favorevoli e rimborsi milionari: è un’onda senza fine

Immagine articolo

Una vera e propria patata bollente, che rischia di “scottare” seriamente le casse dello Stato: è la questione dei medici ex specializzandi ’82 – 2006, che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico nel corso degli anni di scuola post-laurea frequentati, e che ora stanno avendo la loro rivincita.

Continuano infatti a piovere dai Tribunali di tutta Italia sentenze favorevoli nei loro confronti, che sfociano in rimborsi da capogiro. Pochi giorni fa, nella sede dell’OMCeO di Roma, c’è stata “l’ultima ondata” – in ordine cronologico – di altri 60 milioni di euro consegnati ai medici tutelati da Consulcesi, e l’annuncio di altri 10 in arrivo. Ad oggi, ai medici Consulcesi sono stati già riconosciuti oltre 373 milioni di euro. Una cifra record destinata a salire ancora e in fretta, considerando la grande mole di ricorsi presentati e la straordinaria velocità alla quale arrivano ormai le sentenze.

Lo Stato, infatti, mai come adesso paga spontaneamente e subito già dopo la notifica della sentenza positiva, per risparmiare su spese e interessi. Il rischio concreto per le casse pubbliche è di dover sborsare oltre 4 miliardi di euro. Sul tema, Consulcesi ha già ottenuto la presentazione di tre Ddl, ad un passo dall’approvazione, volti a garantire il diritto dei medici ed evitare allo Stato un esborso eccessivo. “E’ diventata un’esigenza improrogabile per lo Stato raggiungere un accordo con i medici specialisti, per riportare la giustizia e l’equità nel sistema.” commenta perentorio Roberto Lala, presidente dell’OMCeO di Roma, e aggiunge: “Ormai è un continuo di sentenze positive per i medici che fanno ricorso: è un’onda, cresciuta piano piano ma che ora è inarrestabile. Si avverte l’esigenza per lo Stato – conclude il presidente – di trovare una transazione sia per ridurre l’esborso economico sia per liberare le aule dei Tribunali, ormai ingolfate”.

Gli fa eco Marco Tortorella, legale Consulcesi ed esperto del tema rimborsi: “È necessario che la questione esca dai Tribunali per tornare nella sua sede più congeniale: quella legislativa. Magari approvando i Ddl al momento presenti in Parlamento per trovare un accordo transattivo”. “La prossima azione di rimborso è prevista per il 10 aprile. Sono già tanti gli OMCeO, gli Enti e le Società scientifiche che hanno aderito – ha affermato l’Avv. Sara Saurini, responsabile dell’Area Legale di Consulcesi Group – ma sono migliaia i professionisti ancora in attesa di vedersi rimborsare ciò che è loro diritto ricevere”. Ma è ormai evidente che la strada è ben spianata, e che nessun medico resterà a bocca asciutta.

Per ulteriori informazioni Consulcesi mette a disposizione il numero verde 800.122.777 ed il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Link Campus University: «Oltre 200 borse di studio per il futuro dei figli dei medici e non solo…»
«Professori insieme a professionisti, la teoria insieme alla pratica: per questo la collaborazione con aziende come Consulcesi è preziosa per un’offerta formativa completa» l’intervista a Cristiana D’Attorre, Direttore della Scuola Post Graduate Link Campus University di Roma che lancia il bando per oltre 200 borse di studio finanziate dall'Inps e dall'Ateneo
Specializzazioni, SIGM: bene miglioramento scuole ma ora accelerare. Il 5 scatta il #GiovaniMediciDay
Segretariato Italiano dei Giovani Medici (SIGM): situazione andava affrontata, ci sono specializzandi di area chirurgica costretti a sola attività ambulatoriale perché iscritti a scuole mancanti di sale operatorie o sale parto
Ex specializzandi, slitta data azione collettiva: ricorsi possibili fino al 25 luglio
Boom di adesioni alla nuova azione collettiva di Consulcesi sulla scia della campagna "37 milioni in 37 giorni", con il quale sono stati rimborsati oltre 1.100 camici bianchi di tutta Italia. «Ricevute oltre 5mila richieste in meno di un mese»
Epatite C, OMCeO Roma denuncia un’organizzazione ucraina per turismo sanitario
Il  fenomeno  del  cosiddetto  “turismo  sanitario”  che  spinge  molti  pazienti  a  cercare  cure  e procurarsi  farmaci  in  altri  Paesi  desta  forte  preoccupazione  nel  mondo  medico,  sia  per  gli  aspetti  strettamente  connessi  alla  sicurezza  e  adeguatezza  dei trattamenti  e  dei  medicinali proposti, sia per le implicazioni commerciali e speculative. Per tali motivi l’Ordine provinciale di  Roma  dei Medici‐Chirurghi  e  degli  Odontoiatri (OMCeO)  ha  presentato  nei  giorni  scorsi denuncia‐querela  alla  competente  Procura  della  Repubblica  […]
Responsabilità professionale, Fineschi (“La Sapienza”): «Nuova normativa ha fatto maturare il sistema»
Limiti ai risarcimenti per i professionisti sanitari e un fondo di garanzia per i pazienti. La Legge Gelli-Bianco ha rivoluzionato la gestione del rischio, la sicurezza delle cure e gli obblighi assicurativi. Pietro Di Tosto, Consigliere Segretario dell'Ordine degli avvocati di Roma: «Certezze per un settore che non ne aveva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...