Diritto 25 ottobre 2016

Ex specializzandi, il senatore Aiello: «Fughiamo i dubbi, con la transazione la cifra dei rimborsi è netta»

Chiusi in queste ore gli emendamenti e confermati gli importi netti. Intanto il Ddl 2400 avanza spedito al Senato: «L’obiettivo è arrivare alla Camera per l’approvazione entro fine anno»

Va intesa netta la cifra forfettaria che i medici specialisti riceveranno dallo Stato per la mancata remunerazione durante la scuola di specializzazione tra il 1978 ed il 2006. Nello specifico si tratta di 11mila euro per ogni anno di corso frequentato tra il 1978 ed il 1993 e 10mila per ogni annualità relativa al periodo ‘94-2006.  Man mano che il Ddl n.2400 si avvicina all’approvazione, vanno delineandosi sempre nuovi dettagli dell’accordo transattivo, come appunto quello relativo alle cifre proposte dal Disegno di Legge. L’iter del provvedimento prosegue spedito al Senato e, come anticipa il senatore Piero Aiello, primo firmatario, l’obiettivo è farlo arrivare alla Camera dei Deputati già entro la fine dell’anno per l’approvazione.

Senatore Aiello, chiusi gli emendamenti, quali sono gli elementi da porre in evidenza riguardo questo disegno di legge?

«Intanto la soddisfazione piena perché, così come avevamo promesso, l’impegno è stato totale ed in tempo relativamente breve abbiamo fatto in modo che intanto il provvedimento sia arrivato in Commissione sanità per il parere. Riguardo gli emendamenti è opportuno precisare che la proposta delle risorse, seppur attenuata di molto, non doveva andare all’ulteriore penalizzazione dei colleghi e quindi abbiamo precisato che l’ammontare della somma è al netto del contributo, non al lordo. L’ho fatto io stesso presente nel corso dei lavori in Commissione (la VII Istruzione). Ora, dopo il parere della Commissione Sanità, aspettiamo quello della commissione Bilancio. In questo caso l’iter è più lungo per dare il parere su tutte le norme».

Dunque, questa annosa questione degli ex specializzandi, è vicina alla soluzione? Quali sono i tempi?

«Ho proposto ai colleghi relatori, in qualità di primo firmatario, di chiedere il percorso privilegiato, in modo da dare alla commissione la priorità deliberante. Se così fosse, si eviterebbe anche un percorso un po’ difficile, eviteremmo di perdere altro tempo per l’aula. Ora vediamo cosa ne pensano i colleghi».

Quindi, per chiudere, una stima realistica che tempi prevede?

«Se la discussione va nei termini e modi previsti e non ci sono incidenti di percorso credo che da qui ad un mese e mezzo possiamo trasferire il provvedimento alla Camera».

Articoli correlati
Testamento Biologico, torna in Aula. Binetti (Udc): «Legge ostacolo ai medici». Cicchitto (Ap): «Agire secondo coscienza»
La parola al Parlamento. Altissimo il pressing per colmare il vuoto normativo sul tema fine vita. Paola Binetti, deputata Udc: «Nutrizione e idratazione rappresentano una garanzia per la salute». Fabrizio Cicchitto, deputato dell’Area Popolare: «Dovrebbe essere consentita anche l’eutanasia, diritto pieno su gestione della nostra esistenza»
I medici: eutanasia da legalizzare per il 71%, ma solo il 54% la praticherebbe
L’indagine di Sanità Informazione ha raccolto le risposte di 1609 camici bianchi. Per il 70% eutanasia (attiva e passiva) e suicidio assistito dovrebbero essere consentite nelle strutture del Sistema Sanitario Nazionale
Ex specializzandi, Cosimo Ferri, Sottosegretario alla Giustizia: «Difendere i diritti di chi ha investito tanto nel SSN»
«Il rimborso è un diritto» chiarisce il Sottosegretario Ferri. «Noi lavoriamo per eliminare questo contenzioso, mi auguro che si possa trovare una soluzione a livello governativo»
Ex specializzandi, nessuna prescrizione. Consulcesi: «Scatterà il 2 novembre»
I legali del gruppo leader nella tutela degli ex specializzandi spiegano: «La prescrizione scatterà a 10 anni dal Dpcm del 2 novembre 2007. Senza questo atto i due precedenti decreti del 7 marzo e del 6 luglio sarebbero stati inapplicabili». È dunque ancora possibile attivarsi per mantenere il diritto al rimborso attraverso un atto interruttivo o un ricorso
La Responsabilità professionale diventa Legge: ecco cosa cambierà
Con 255 voti favorevoli, 113 contrari e 22 astenuti il Ddl Gelli sulla Responsabilità professionale è legge. Dopo il via libera alla Camera, ecco cosa cambia. Il relatore Federico Gelli: «Una data che resterà nella storia della sanità italiana, aumentano le tutele per i professionisti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...