Diritto 25 ottobre 2016

Ex specializzandi, il senatore Aiello: «Fughiamo i dubbi, con la transazione la cifra dei rimborsi è netta»

Chiusi in queste ore gli emendamenti e confermati gli importi netti. Intanto il Ddl 2400 avanza spedito al Senato: «L’obiettivo è arrivare alla Camera per l’approvazione entro fine anno»

Va intesa netta la cifra forfettaria che i medici specialisti riceveranno dallo Stato per la mancata remunerazione durante la scuola di specializzazione tra il 1978 ed il 2006. Nello specifico si tratta di 11mila euro per ogni anno di corso frequentato tra il 1978 ed il 1993 e 10mila per ogni annualità relativa al periodo ‘94-2006.  Man mano che il Ddl n.2400 si avvicina all’approvazione, vanno delineandosi sempre nuovi dettagli dell’accordo transattivo, come appunto quello relativo alle cifre proposte dal Disegno di Legge. L’iter del provvedimento prosegue spedito al Senato e, come anticipa il senatore Piero Aiello, primo firmatario, l’obiettivo è farlo arrivare alla Camera dei Deputati già entro la fine dell’anno per l’approvazione.

Senatore Aiello, chiusi gli emendamenti, quali sono gli elementi da porre in evidenza riguardo questo disegno di legge?

«Intanto la soddisfazione piena perché, così come avevamo promesso, l’impegno è stato totale ed in tempo relativamente breve abbiamo fatto in modo che intanto il provvedimento sia arrivato in Commissione sanità per il parere. Riguardo gli emendamenti è opportuno precisare che la proposta delle risorse, seppur attenuata di molto, non doveva andare all’ulteriore penalizzazione dei colleghi e quindi abbiamo precisato che l’ammontare della somma è al netto del contributo, non al lordo. L’ho fatto io stesso presente nel corso dei lavori in Commissione (la VII Istruzione). Ora, dopo il parere della Commissione Sanità, aspettiamo quello della commissione Bilancio. In questo caso l’iter è più lungo per dare il parere su tutte le norme».

Dunque, questa annosa questione degli ex specializzandi, è vicina alla soluzione? Quali sono i tempi?

«Ho proposto ai colleghi relatori, in qualità di primo firmatario, di chiedere il percorso privilegiato, in modo da dare alla commissione la priorità deliberante. Se così fosse, si eviterebbe anche un percorso un po’ difficile, eviteremmo di perdere altro tempo per l’aula. Ora vediamo cosa ne pensano i colleghi».

Quindi, per chiudere, una stima realistica che tempi prevede?

«Se la discussione va nei termini e modi previsti e non ci sono incidenti di percorso credo che da qui ad un mese e mezzo possiamo trasferire il provvedimento alla Camera».

Articoli correlati
Ex specializzandi, il Ddl 2400 rischia lo stop. E la prescrizione è dietro l’angolo…
Dopo il via libera in Commissione Sanità, forti perplessità sul passaggio in Commissione Bilancio per l’ipotesi allargamento. Consulcesi Group: «A prescindere di quando e cosa si deciderà in Parlamento, i medici non perdano il loro diritto e facciano ricorso»
Legge Responsabilità Professionale. Federico Gelli (Pd): «Non ci fermiamo qui… Puntare su assicurazioni e formazione ECM»
Convegno "Il diritto e la medicina legale. Il punto di equilibrio tra salute e sicurezza” alla Sapienza. I docenti Frati e Fineschi: «Basta incertezze per medici e pazienti. Riconosciuto ruolo medicina legale»
Ex specializzandi, Granaiola (PD): «Lo Stato perde, i medici vanno tutelati: ecco perché il problema va risolto»
Il segretario della Commissione Sanità conferma l’intenzione di maggioranza e Governo di accelerare sull’accordo transattivo proposto dal Ddl 2400. L’intervento a margine del convegno sulle malattie croniche intestinali della Fondazione Amici Italia Onlus, La Senatrice: «Problema sociale, si può intervenire solo con la ricerca ma bisogna lavorare su formazione e aggiornamento degli operatori sanitari»
«Ex specializzandi, entro marzo il voto del DDL». Parla il primo firmatario: «Una garanzia per chi ha fatto ricorso»
Senatore Piero Aiello: «La conclusione è vicina, entro i primi di febbraio avremo tutti i pareri necessari per votare il provvedimento in Commissione. Intanto, nell'attesa di vedersi riconoscere questo diritto, i medici possono rivolgersi ai Tribunali per fare ricorso»
Ddl n°2224: ecco tutti gli emendamenti approvati al Senato
In totale sono 6 gli articoli modificati dagli emendamenti presentati nel corso della discussione di Palazzo Madama, tra cui la modifica del titolo del documento. Cambia anche il limite alla misura di rivalsa e la tutela del professionista che opera in una struttura in regime libero professionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...