Salute 11 ottobre 2017

Nove medici di base su dieci vorrebbero prescrivere farmaci appannaggio di specialisti. Ecco perché…

«L’assistenza ai pazienti cronici è condizionata in maniera negativa dal fatto di non poter prescrivere farmaci innovativi. Ma per poter fare questo, è necessaria maggiore formazione e informazione dei MMG». La ricerca del Centro Studi FIMMG e l’intervista al responsabile Paolo Misericordia

Immagine articolo

L’88% dei medici di medicina generale ritiene che sia utile impegnarsi per recuperare la possibilità di prescrivere direttamente farmaci che adesso possono essere prescritti solo dagli specialisti. Il 46% è favorevole anche se il Piano Terapeutico dovesse essere compilato dallo stesso MMG. Tra le condizioni per le quali il MMG auspica maggiormente l’abolizione dei piani terapeutici c’è il diabete mellito (per il 39,2% del campione), la terapia anticoagulante orale (per il 31,8%) e la BPCO (per il 20%). È quanto emerge dal questionario “Il medico di medicina generale e la prescrizione dei farmaci innovativi”, sottoposto ad un campione rappresentativo di oltre 500 medici di famiglia e realizzato dal Centro studi della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale in occasione del suo 74° Congresso nazionale.

«Da tempo – dichiara Paolo Misericordia, responsabile del Centro Studi della Fimmg – avevamo la percezione che una parte importante dell’assistenza fosse condizionata in maniera negativa dal fatto che i medici di medicina generale non possano prescrivere farmaci innovativi. Abbiamo quindi voluto capire con questo questionario se in effetti questo tipo di percezione fosse condiviso con la categoria, e quello che è emerso avvalora questa ipotesi. I medici – commenta – si dicono dispiaciuti e in forte disappunto rispetto al fatto che non possono prescrivere dei farmaci importanti destinati all’assistenza delle patologie croniche prevalenti che adesso in maniera illogica e quasi anacronistica, direi, sono assegnati ad altri».

«Non è possibile – prosegue il dottor Misericordia – che il medico di base debba semplicemente ricopiare delle prescrizioni fatte dal mondo specialistico e poi pretendere che prenda sostanzialmente in carico una patologia cronica. Quindi è decisamente necessario che il medico sia messo nelle condizioni di poter gestire a fondo, con competenza e con tutte le possibilità prescrittive, anche le patologie croniche. Direi che il diabete rappresenta un caso paradigmatico: a noi medici di famiglia sostanzialmente rimane la possibilità di prescrivere solo la metformina e dei farmaci che sono considerati sostanzialmente separati dal punto di vista della congruità dell’assistenza».

«È un peccato che il medico debba far riferimento al mondo della specialistica per gestire problemi che dovrebbe essere in grado di poter gestire lui», è il commento amaro del dottor Misericordia. Tuttavia, per poter gestire la prescrizione di farmaci per patologie croniche, è necessario che i medici di medicina generale siano formati e aggiornati sulle novità farmaceutiche e sui farmaci innovativi. «Una delle domande che abbiamo posto ai medici – spiega Misericordia – era proprio se ritenevano utile essere informati rispetto a nuove possibilità prescrittive, come quelli del settore dei biologici e dei biosimilari. E i medici hanno risposto sostanzialmente di sì».

Quasi il 90% del campione infatti ritiene che la conoscenza sommaria e le limitazioni prescrittive rispetto ai farmaci biologici e ai loro biosimilari siano elementi penalizzanti per una corretta gestione di molte patologie croniche. L’insulina e i suoi analoghi (per il 67% del campione) e l’eparina a basso peso molecolare (per il 32,7%) sono le classi di farmaci biologici ritenute di avere maggiori ricadute sull’attività del MMG; per il 17,3% del campione ricadute importanti vengono attribuite agli anticorpi monoclonali per le malattie autoimmunitarie, per il 10,4% per i vaccini, per l’8,8% per gli anticorpi monoclonali per le patologie oncologiche. «È necessario quindi che anche l’industria farmaceutica sia disponibile ad entrare nell’assetto formativo e informativo della medicina generale su questa tipologia di nuovi farmaci. Anche perché è necessario che i medici provvedano poi alla segnalazione di eventuali reazioni avverse che derivano dalla somministrazione di questi farmaci. Ma chiaramente i medici non possono farlo con attenzione e competenza se non sono formati ed informati su quello che questi farmaci possono fare», conclude il dottor Misericordia.

Articoli correlati
Campagna nazionale prevenzione diabete, Ministro Lorenzin in farmacia per l’autoanalisi
Testimonial d’eccezione per la prima campagna di prevenzione del diabete nelle farmacie italiane, il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Cossolo (Presidente Federfarma): «Le farmacie territoriali utilizzeranno la loro capillarità per mettersi a disposizione dei cittadini per prevenire le complicanze da patologia diabetica». Pagliacci (Presidente Sunifar): «Orgogliosi di aver voluto lanciare questa campagna»
L’allarme del Presidente FIMMG Zingoni: «Ruolo del medico di famiglia deve cambiare, il Paese risponda alla categoria»
Rinnovo dell’ACN in breve tempo, misure rapide per consentire il ricambio generazionale, adeguamento professionale per un miglioramento delle performance ma anche riorganizzazione della categoria. Traccia le rotte da seguire Stefano Zingoni, Presidente nazionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG) in occasione del 74° Congresso di Chia, in Sardegna, ai microfoni di Sanità Informazione.
Forum della Leopolda: è il cancro la sfida del futuro
Il 29 e 30 settembre è andata in scena alla Leopolda di Firenze la seconda edizione del Forum della Sostenibilità e Opportunità nel Settore della Salute, lo spazio di confronto nazionale sul sistema sanitario italiano e sul suo futuro. L’evento è stato seguito da oltre 2.000 visitatori e 600 relatori in rappresentanza del settore sanitario, Istituzioni pubbliche, Associazioni di pazienti […]
Diabete, 400 mila pazienti in Campania, ma molti non lo sanno o si curano male
E’ una delle patologie croniche più diffuse al mondo, in costante aumento. In Italia ne soffrono quasi tre milioni di persone e in Campania sono stimati 400 mila pazienti. Eppure del diabete si parla poco e spesso con poca informazione, si sottostimano i problemi e le ricadute anche economiche e sociali, si arriva tardi alla […]
Misurare la glicemia senza punture? Sarà possibile con l’Apple Watch
Essere diabetico non significa solo rinunciare a dolci e zuccheri, ma anche doversi pungere più volte al giorno i polpastrelli delle dita per misurare i livelli di glucosio nel sangue. E se la tecnologia non può (ancora) far nulla per quanto riguarda l’alimentazione, può forse correre in aiuto dei 415 milioni di diabetici nel mondo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

Enpam: «Pronti da subito a pagare pensioni in cumulo. Ora il problema sono i tempi»

Prime reazioni alla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività al cumulo contributivo gratuito. «Resta il problema di quando queste pensioni saranno pagate» precisa la Fondazione