Formazione 8 marzo 2016

Formazione ECM, il Ministro Lorenzin tira dritto«Nessun tentennamento, l’aggiornamento è un valore» 

Rigorosa applicazione delle regole con la nuova commissione nazionale. I medici competenti dovranno dimezzare il debito entro giugno: «ECM elemento di valore per il successo del Ssn»

Immagine articolo

La formazione ECM è un elemento di valore per i medici italiani perché permette una formazione costante che è il segreto del successo del Sistema sanitario nazionale». Per il ministro alla salute Beatrice Lorenzin, preparazione e aggiornamento degli operatori sanitari continuano a rappresentare elementi chiave per far funzionare il Sistema sanitario nazionale.


In questo senso la rigorosa applicazione dell’ECM obbligatoria, così come nelle strategie della nuova commissione nazionale, diventa dunque un punto fondamentale per un «Paese all’avanguardia nella solidarietà». Così come ha definito l’Italia il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in visita all’INMP (Istituto Nazionale per la promozione della Salute delle popolazioni Migranti e per il contrasto delle malattie della Povertà) in occasione dell’inaugurazione degli spazi dell’antico Ospedale San Gallicano di Trastevere, ristrutturati grazie al contributo della Regione Lazio.

L’importanza della formazione ECM è stata sottolineata anche dal ministro alla Salute Beatrice Lorenzin, proprio mentre la nuova commissione nazionale prosegue il giro di vite sui medici non in regola. Nonostante da più parti si sottolineano le difficoltà dei camici bianchi nel completare l’aggiornamento anche per via dei turni massacranti, il ministero tira dritto sulle sanzioni. E, comunque, una fetta sempre più consistente di medici grazie alla Formazione a Distanza (FAD), in crescita esponenziale, come testimoniano i dati Consulcesi che registra un aumento del 30% nell’arco del 2015 sui corsi web del provider (accreditato Agenas) Sanità in-Formazione. L’attenzione – per ora – è rivolta soprattutto ai medici competenti, ai quali è stata concessa una proroga (fino a giugno) per rimettersi in pari dopo il depennamento dell’Albo di migliaia di loro con conseguente perdita di posto di lavoro.

La FNOMCeO ha di recente chiarito che: «Devono sia essere in linea con i crediti del fabbisogno formativo 2014-2016, sia totalizzare entro giugno almeno il 50% del debito Ecm maturato entro il 2013. I medici competenti, che hanno l’obbligo di acquisire il 70% dei crediti formativi nella disciplina Medicina del lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro – si legge in una nota a firma di Roberta Chersevani, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri – secondo il Decreto Ministeriale pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 10 febbraio, hanno tempo sino al 30 giugno 2016 per acquisire il 50% dei crediti Ecm mancanti al 31 dicembre 2014, oltre a dover ovviamente assolvere il debito formativo del triennio corrente».

Il reinsediamento della Commissione nazionale ECM, tornata a lavoro da novembre dello scorso anno dopo una vacatio di diversi mesi, ha impresso un’accelerata alle verifiche all’insegna da una parte del rispetto dell’obbligo e dall’altra ad un aggiornamento sempre puntuale e costante. «Questo è uno dei punti che noi abbiamo messo all’attenzione – prosegue il ministro Lorenzin – e lo facciamo ovviamente anche tramite l’attività delle regioni, e le attività internazionali che stiamo svolgendo negli altri Paesi».

Proprio prendendo spunto dall’appuntamento all’INMP, il ministro alla Salute fa notare come le nuove esigenze, nel caso specifico riferite ai migranti da assistere, portino ad un costante riaggiornamento delle modalità di formare gli operatori e offrire corrette informazioni ai cittadini: «In questi anni – aggiunge Beatrice Lorenzin – abbiamo eseguito una serie di studi sulle patologie e sul tipo di flussi migratori. Abbiamo coinvolto anche l’OMS, siamo stati promotori della carta di Roma alle Nazioni Unite, per parlare della salute dei migranti e darci anche dei protocolli di azione. Per questo – conclude il ministro – faremo una carta sanitaria europea sui migranti, la stiamo elaborando insieme all’OMS a livello regionale. Oltre al tipo di patologie di chi è sottoposto a viaggi così stressanti e lunghi e situazioni estreme, purtroppo abbiamo moltissimi traumi dal punto di vista fisico, quindi persone che hanno avuto varie fratture anche molto gravi durante il viaggio e moltissime violenze sessuali e abusi sia sulle donne che sui bambini. Questo richiede un lavoro ad hoc, non soltanto dal punto di vista strettamente medico, ma anche psicologico e di recupero di queste persone».

Articoli correlati
ECM, camici bianchi in ritardo: ecco i rischi. De Franco (CoGeAPS): «Probabile stop concorsi e assunzioni»
Formazione professionale, scade il triennio e un’alta percentuale di medici non è in regola con gli obblighi formativi. Dal CoGeAPS il monito: «Per chi non è in regola ci saranno problemi per partecipare ai concorsi e per lavorare in strutture sanitarie accreditate»
ECM, cosa cambia dal 2017. Bovenga: «Ecco dossier formativo e bonus per i virtuosi»
Il 31 dicembre scade il triennio formativo, tante le novità in programma. Il presidente del CoGeAPS: «Superati i numeri di un tempo ma si può ancora migliorare. Per i più bravi possibilità di riduzioni e bonus»
ECM, no all’assunzione e carriera bloccata per chi non si mette in regola
Tutti i chiarimenti: certificazione ECM requisito anche per impiego nel privato e in enti pubblici. Il triennio formativo sta per terminare e sono tanti i medici ancora in ritardo. Stella (OMCeO Varese): «Formazione a macchia di leopardo, solo il 40-43% dei medici ha completato appieno il proprio percorso». Orlandi (Chimici): «Aggiornarsi per la salute della collettività»
«I nostri giovani chirurghi scappano all’estero». SIC spiega perché e come evitare la “fuga”
Risorse, formazione, aggiornamento ECM le note dolenti. Ma le iniziative delle Società Scientifica e le partnership per gli under 35 possono finalmente segnare una svolta. Intervista al Segretario/Tesoriere di Sic, il dottor Luciano Landa.
OMCeO mobilitati, Anelli (Bari): «Formazione necessaria, pazienti chiedono certezze»
Istituzioni e cittadini chiedono trasparenza sulla formazione dei camici bianchi. Dall’OMCeO Brindisi lettera agli iscritti. Giustetto (OMCeo Torino): «Fondamentale riqualificarci e rinformarci»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...