Formazione 19 dicembre 2016

Sanità di Frontiera a Lampedusa, il primo corso ECM. Bartolo: «Insegnare consapevolezza»

Immigrazione, ennesimo sbarco sulle coste della Sicilia. Sull’isola il corso ECM rivolto ai medici per insegnare a curare senza confini. Pietro Bartolo, il medico simbolo dell’emergenza: «C’è bisogno di consapevolezza e competenza per fronteggiare la tragedia. Prima di tutto occorre un approccio umano prima che scientifico»

Un corso che insegna agli operatori sanitari a gestire l’emergenza immigrazione. Questa l’iniziativa che si è svolta a  Lampedusa nell’ambito del progetto “Sanità di Frontiera”, realizzata dal Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e promosso dall’Osservatorio Internazionale della Salute grazie al sostegno di Consulcesi Onlus. Il corso di Educazione Continua in Medicina “Salute e migrazione: curare le persone oltre i confini” ha visto confrontarsi i massimi rappresentati di tutte le realtà coinvolte sui temi della migrazione, oltre 30 professionisti sanitari che hanno partecipato a lezioni tenute da docenti provenienti dalle più rilevanti realtà connesse al mondo della medicina, della psicologia e della mediazione culturale delle migrazioni. Docente d’eccezione Pietro Bartolo, Dirigente Medico Responsabile del Presidio Sanitario di Lampedusa, che con il sostegno di esperti dell’Istituto Superiore di Sanità, OMS e OIM, Marina Militare, MSF-Medici Senza Frontiere, Emergency e altre realtà connesse al fenomeno migratorio, ha raccontato esperienze e illustrato best practice sul tema dell’immigrazione.

«Questo è il primo dei corsi di formazione fatto a Lampedusa ma io spero se ne facciano altri anche in altri luoghi – spiega il medico simbolo di Lampedusa -. Ritengo che sia indispensabile che tutti conoscano questa realtà e nel caso specifico dei medici sappiano affrontarla nel migliore dei modi.  È necessario che questi corsi di formazione e informazione abbiano una divulgazione quanto più estesa possibile in moda tale da poter affrontare con più serenità e consapevolezza l’emergenza. Ovviamente l’approccio più importante è quello umano, prima dell’approccio medico è necessario un approccio umanitario».

A corredare il corso, della durata di 5 giorni, anche visite alle strutture di accoglienza dell’isola, al poliambulatorio di Lampedusa diretto dal dottor Bartolo, al Centro di Primo Soccorso Accoglienza CPSA e alle navi della Marina Militare e della Capitaneria di Porto. «Se gli operatori saranno sempre più consapevoli e formati possono combattere le paure – interviene Giusy Nicolini sindaco di Lampedusa -. Lampedusa deve diventare luogo di studio, di analisi e confronto per migliorare, cambiare e rendere sempre più umano il nostro sistema di accoglienza».

«Non meno importante – spiega Francesco Aureli Presidente dell’Osservatorio Internazionale della Salute – riempire un vuoto che oggi esistente nel nostro sistema formativo, c’è una carenza di informazione e formazione per gli operatori sanitari che si occupano di immigrati, questo il significato più importante del corso». Inoltre, prosegue Aureli «un altro valore aggiunto di questa iniziativa è proprio quello di scambi di pratiche fra le varie Regioni, ognuna affronta la questione immigrazione a suo modo, così forse si uniformerà la modalità d’intervento».

Il corso, gratuito per tutti i discenti e aperto a medici di tutte le discipline, infermieri e psicologi, è accreditato dal Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e permette ai partecipanti di conseguire un totale di 50,5 ECM per il personale sanitario. Importante segnalare che il progetto “Sanità di Frontiera” non si esaurisce qui. Oltre agli altri corsi che saranno replicati durante il 2017, si articolerà in altre tre fasi: l’istituzione di un’alta scuola di formazione per medici, dipendenti ASL e organizzazioni del settore, anche grazie al supporto di Pietro Bartolo. Inoltre la realizzazione di una piattaforma digitale finalizzata alla condivisione dei dati sanitari relativi ai migranti con una cartella clinica condivisa, accessibile da remoto, in modo tale che anche altri medici siano sempre informati sul loro stato di salute. Infine la creazione di Child Friendly Spaces a Lampedusa e a Roma per ricreare spazi a misura di bambino, dove i piccoli migranti possano sentirsi a casa e vivere serenamente la loro infanzia. È possibile sostenere il progetto effettuando una donazione ad Associazione OIS Osservatorio sul c/c IT 03 L 01030 03283 000002115302 – Codice BIC PASCITM1A25. Nel caso di medici disposti a dare un contributo direttamente sul campo, è possibile scrivere a sanitadifrontiera@osservatorio-ois.com oppure compilare la scheda per diventare volontari da inviare allo stesso indirizzo. A partire dall’anno 2017, verranno organizzati altri corsi di cui sarà data comunicazione sul sito www.sanitadifrontiera.it.

Sanità di Frontiera, ecco la Gallery dell’evento:

 

Articoli correlati
Stefano Vella racconta la sua “rabbia”: «Lasciare Aifa scelta dolorosa, ma difendere salute globale del futuro inizia dalla cura dei migranti»
VIDEO INTERVISTA | L’ormai ex presidente dell’Agenzia del Farmaco a qualche giorno di distanza dalla sua irrevocabile lettera di addio ad una delle cariche più prestigiose e ambite della sanità italiana ha ritrovato il filo dei pensieri e accetta di parlare della sua esperienza in AIFA e delle prospettive dell'agenzia e della scelta delle dimissioni come di una pagina dolorosa da superare in fretta per tornare a dedicarsi alla ricerca.
Osservatorio Ois, Bartolo: «Migranti e poveri, tanti progetti in cantiere. Il Papa ci segue passo passo»
Il medico, membro del direttivo della onlus, spiega i progetti futuri: «Saremo vicini agli ultimi, ai più deboli». Tra i progetti realizzati “Il Giardino” a Palermo, che coinvolge 60 bambini e 30 ragazzi, pensato per ridurre la povertà educativa dei minori coinvolti attraverso sport, arte e musica
Assistenza migranti, minori e soggetti vulnerabili: cresce la rete di OIS Onlus e Sanità di Frontiera
Pietro Bartolo, medico simbolo di Lampedusa: «Tanti i progetti che Ois sta portando avanti per l’assistenza, sanitaria e non, nei confronti di chi arriva dall’altra parte del Mediterraneo, dedicandosi agli ultimi, ai più deboli: anche i nostri poveri hanno bisogno del nostro sguardo e della nostra attenzione»
Sanità e Immigrazione: al via il Congresso Amsi. Foad Aodi: «Ai muri rispondiamo con ponti e diritti universali»
Nell’occasione della giornata mondiale del rifugiato, l’Associazione Medici di origine straniera in Italia (Amsi) è lieta di annunciare la data del suo prossimo Congresso sul 19° corso di aggiornamento internazionale ed interdisciplinare, che si terrà a Roma sabato 23 giugno presso l’ A.R.S. medica in via Cesare Ferrero di Cambiano 29. Al convegno parteciperanno autorità […]
Foad Aodi: «Lavorare alla creazione d’un Ospedale nel III Municipio»
La crescita dei servizi sanitari e sociali in uno stretto rapporto col territorio e la popolazione, il rapporto con gli immigrati, la cooperazione internazionale, la collaborazione tra medici e altri professionisti della sanità, giornalisti  e altre figure professionali: questi i temi dibattuti nella riunione, tenutasi a Roma, del Direttivo del Movimento internazionale “Uniti per Unire”, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...