Formazione 1 marzo 2016

Emergenza vaccini, Iss: «Ancora troppe lacune nella formazione di medici e operatori sanitari»

Intervista a Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità: «Con il web informare meglio genitori e camici bianchi anche su Ebola e Zika»

Immagine articolo

Le prime linee guida europee sulle vaccinazioni per adulti ed anziani presentate nei giorni scorsi al congresso Waidid 2016 (World Association for Infectious Diseases and Immunological Disorders), non hanno ancora messo un punto al dibattito sull’importanza dei vaccini, non solo per i bambini, ma per persone di tutte le età.


In un paese in cui l’invecchiamento demografico inizia a far preoccupare, l’invito a vaccinarsi e a non sottovalutare i vantaggi che ne derivano rimane forte. Ad affrontare il tema sempre caldo, ai microfoni di Sanità informazione, è Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità ed epidemiologo: «In Italia e in Europa, c’è ancora una scarsa cultura vaccinale. Di fatto, anche nel curriculum accademico si parla poco di vaccini. E purtroppo, ci sono sfiducia e scetticismo anche da parte di medici e operatori sanitari che invece dovrebbero dare informazioni soprattutto ai genitori dei bambini che vanno vaccinati. È vero che i vaccini sono farmaci, e quindi non del tutto esenti da effetti collaterali, ma andando a fare un calcolo dei costi e dei benefici delle vaccinazioni, questi ultimi superano di gran lunga i primi. Grazie ai vaccini abbiamo debellato malattie terribili come il vaiolo, un vero e proprio flagello dell’umanità».

Fino a poco tempo fa si affrontava l’Ebola, mentre ora c’è Zika a fare paura. Una buona notizia arriva con la creazione di squadre e procedure internazionali per affrontare le pandemie, mentre cresce la necessità di un coordinamento internazionale sulla formazione come ricetta per sconfiggerle.
«L’OMS cerca di coordinare gli sforzi sul campo in caso di gravi crisi di sanità pubblica a livello internazionale: con Ebola – sebbene criticata per essersi mossa in ritardo – ha lanciato un allarme globale e lo stesso sta facendo con Zika. Con la SARS, ad esempio, fu grazie al coordinamento dell’OMS che si riuscirono a controllare il dilagare dell’infezione e i focolai epidemici nel giro di poco tempo. Stessa cosa fu fatta per il virus pandemico H1N1. Meglio prevenire e rischiare di arrivare in anticipo che sottovalutare e rischiare danni irreparabili».
Prevenzione e formazione quindi, anche attraverso canali innovativi per raggiungere in modo più efficace e veloce i destinatari. È il caso dei film formazione, un filone inaugurato con il lungometraggio “e-bola”.
«Certo, la formazione e l’informazione anche a distanza, con la FAD, e l’e-learning grazie alla quale non è più necessario far spostare fisicamente docenti e discenti potendo fare tutto per via informatica. Oggi possiamo avvalerci di strumenti innovativi che fanno sì che il mondo sia sempre più legato da un network che favorisce una diffusione internazionale dell’informazione».
Articoli correlati
Piano Vaccini, Ricciardi (ISS) conferma: «I medici che li sconsigliano saranno rimossi»
«I medici che sconsigliano i vaccini saranno rimossi». Lo ha confermato Walter Ricciardi, il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), a margine del convegno dal titolo “Ricerca e Informazione sulle malattie infiammatorie croniche dell’intestino”, promosso al Senato dalla Fondazione Amici Italia Onlus. Commentando ai microfoni di Sanità Informazione l’approvazione in Conferenza Stato-Regioni del “Piano Nazionale […]
INCHIESTA | Vaccini e code: «Vergognoso, siamo in fila dalle 4… Serve più informazione»
La paura del meningococco continua ad ingolfare le Asl di tutta Italia: siamo andati a visitarle con le nostre telecamere. Festività natalizie, ferie del personale sanitario e grande rilievo mediatico per i casi di meningite: «Anche gli anni scorsi c’era folla, ma mai come in questi giorni»
Incubo influenza, ecco perché quest’anno è molto più aggressiva. Cricelli (SIMG): «Vaccini per bambini e adulti»
Un’epidemia in crescita con mezzo milione di italiani a letto. Il Presidente della Società Italiana Medicina Generale e Cure Primarie: «Non sottovalutare virus, a metà gennaio il picco massimo»
Allarme meningite: Toscana, dal 2015 ad oggi 60 casi e 13 decessi. È corsa ai vaccini
Incubo Meningite, continuano a verificarsi casi di meningocco in tutta la Penisola. Negli ultimi giorni confermato il caso di Agerola (nel Napoletano) dove è deceduto un ragazzo di 18 anni, morto anche il bambino di 22 mesi ricoverato al Meyer a Firenze. Un nuovo episodio viene registrato a Chiavari, in provincia di Genova, mentre sempre nel […]
ECM, per Natale la formazione diventa social e sbarca su facebook
Un modo originale e divertente per sdrammatizzare una delle tematiche più attuali e sentite dal mondo medico. Tre clip per conoscere tutti i servizi forniti per la professione sanitaria e il tempo libero. Consulcesi Group: «Da sempre a fianco dei medici, con i social strizziamo l’occhio anche ai più giovani»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...