Dalla Redazione 4 Febbraio 2021 18:14

Anticorpi monoclonali, Regimenti (Lega): «Bene AIFA ma pesa colpevole ritardo Governo»

Secondo Regimenti «Gli Stati dell’Ue, tra cui l’Italia, sono stati condizionati dalle scelte della Commissione europea, che ha puntato tutto sulla vaccinazione, non tenendo in considerazione che il Coronavirus è una malattia e può essere trattata con profilassi domiciliari e cure specifiche»

«Il via libera dell’AIFA, l’Agenzia Italiana del Farmaco, all’utilizzo degli anticorpi monoclonali prodotti dalle case farmaceutiche Regeneron ed Eli Lilly è una buona notizia, perché si tratta di farmaci in grado non solo di ridurre il rischio di contrarre l’infezione da Covid-19 ma anche quello di ospedalizzazione. Possono prevenire, inoltre, circa l’80 per cento dei casi Covid-19 tra i residenti e il personale delle case di cura». Così l’europarlamentare della Lega Luisa Regimenti, medico legale e responsabile Sanità per il partito nel Lazio, che aggiunge: «Resta però il grave e colpevole ritardo con il quale questa cura arriva nel nostro Paese. Il premier uscente Giuseppe Conte e il ministro della Salute Roberto Speranza non hanno ascoltato scienziati e medici che da mesi chiedevano il riconoscimento ufficiale della terapia, quando altrove, come in Germania, già da tempo è disponibile negli ospedali. Un ritardo che riguarda anche l’EMA, l’Agenzia europea per i medicinali, a dimostrazione del fatto di come a livello di ricerca medica sia necessario aumentare gli investimenti e basarsi sui dati scientifici dei laboratori».

«Gli anticorpi monoclonali sono risultati efficaci – continua l’eurodeputata– con una immunizzazione che difende istantaneamente un soggetto dall’attacco del virus. Contro il Covid-19 ci sono circa 11 anticorpi di questo tipo in fase di sperimentazione sull’uomo e 150 in fase di ricerca».

Secondo l’esponente leghista «gli Stati dell’Ue, tra cui l’Italia, sono stati condizionati dalle scelte della Commissione europea, che ha puntato tutto sulla vaccinazione, non tenendo in considerazione che il Coronavirus è una malattia e può essere trattata con profilassi domiciliari e cure specifiche. È necessario, quindi, che l’ambito sanitario rimanga prerogativa degli Stati membri, come dimostra la disorganizzazione e la poca trasparenza della Commissione europea nella gestione della pandemia».

«La posizione della Lega – sottolinea Regimenti– è stata chiara sin dall’inizio: accanto alla ricerca di uno o più vaccini, per fronteggiare la pandemia è necessario adottare anche un sistema organico di cure di supporto, sulle quali però sono mancate finora attenzione, fiducia e interesse. Oggi gli anticorpi monoclonali, già utilizzati nell’ambito di diverse patologie e nel quadro della terapia oncologica, diventano finalmente importanti contro il Covid-19 e si trovano subito i fondi per acquistarli, anche se probabilmente si dovrà aspettare marzo o aprile. Troppo tempo sprecato, tante morti si sarebbero potute evitare».

Articoli correlati
Salute, Regimenti (FI-PPE): «La sanità del futuro si progetta e nasce al Parlamento europeo»
«Occorre una politica della salute europea che superi i confini nazionali» ribadisce l'europarlamentare azzurra nel corso di un convegno a Strasburgo nel corso del quale hanno partecipato anche la presidente del Parlamento Ue, Roberta Metsola, il vicepresidente del Ppe, Antonio Tajani e il presidente nazionale dell’ordine dei medici e chirurghi, Filippo Anelli
Risarcimento danno per vittime incidenti, Regimenti (FI): «Necessaria normativa europea per la fissazione di standard precisi per i macrodanni»
«Il risarcimento del danno per le vittime di gravi incidenti deve assicurare, oltre al ristoro previsto per il danno biologico, specifiche e chiare risposte in termini di cura, assistenza a lungo termine e liquidazione in rendita, non tramite una mera dazione di denaro. Nei macrodanni che rendono le vittime non autosufficienti, l’Italia è un passo […]
Energia, Regimenti (FI): «L’Europa deve tener conto delle ripercussioni sul mondo della sanità»
Secondo l'eurodeputata azzurra «l’Europa deve assolutamente dar vita a un nuovo Recovery fund, a tutela delle aziende, delle famiglie ma anche del fragile e vulnerabile mondo della salute dei malati»
Covid, Regimenti (FI): «Non più obbligo vaccini, ma forte raccomandazione»
Secondo l'europarlamentare azzurra «i vaccini hanno avuto, hanno e avranno un ruolo fondamentale nella guerra al Covid, ma ora è il momento per far cadere ogni obbligo»
Covid, Regimenti (FI): «Nasce il Cts europeo per contribuire al rinnovo della sanità e prepararla a nuove crisi»
«Il Comitato tecnico scientifico europeo, composto da oltre 300 specialisti ed esperti del settore, darà risposte alle singole problematiche e renderanno le istituzioni in grado di realizzare l’Unione europea della salute» spiega l'eurodeputata azzurra
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni