Salute 28 Marzo 2023 12:10

Viaggi sanitari: apre a Milano la casa accoglienza per bambini oncologici nel ricordo di Fabrizio Frizzi

Realizzata da Unitalsi Lombardia nell’ambito del progetto dei piccoli, casa Frizzi, la palazzina di 250 metri quadri che può ospitare fino a sei nuclei famigliari, fa subito il tutto esaurito

Viaggi sanitari: apre a Milano la casa accoglienza per bambini oncologici nel ricordo di Fabrizio Frizzi

A cinque anni dalla scomparsa di Fabrizio Frizzi, un suo grande desiderio è diventato realtà. A Milano, infatti, è stata inaugurata  lo scorso 24 marzo casa Frizzi, una palazzina di 250 metri quadri con sei miniappartamenti in grado di ospitare gratuitamente famiglie di bambini costretti a lunghi viaggi sanitari per affrontare interventi e cure oncologiche. Ed è subito tutto esaurito. «Abbiamo ricevuto migliaia di richiesta sul nostro sito www.unitalsi.it», ha detto Vittore De Carli, ideatore del progetto  a margine della cerimonia inaugurale – , segno che nell’ambito dei viaggi sanitari c’è un gran bisogno di solidarietà e ospitalità».

Casa Frizzi una piccola goccia nel grande “mare” dei viaggi sanitari

Sono oltre 71mila, secondo le stime di Censis, i bambini costretti a lasciare la propria terra ogni anno in cerca di cure migliori. Le mete sono soprattutto le regioni del nord e in questo Milano è una delle più richieste. Un dramma che si dilata nel momento in cui alla necessità di compiere viaggi fuori regione si aggiunge una lunga permanenza e una disponibilità economica limitata. Una equazione che diventa insostenibile per la maggior parte delle famiglie con bambini oncologici.

Il desiderio di Frizzi incontra la generosità di Vittore De Carli

Il sogno di dare una casa per accogliere con il sorriso quanti hanno a che fare con la malattia, soprattutto mamme e papà che lottano accanto ai loro figli malati, spesso molto piccoli, è stato il motore di un progetto fortemente voluto proprio da Fabrizio Frizzi. Un messaggio raccolto e condiviso da Vittore De Carli giornalista e storico presidente di Unitalsi Lombardia che ha impegnato tutte le sue forze affinché il sogno di Fabrizio Frizzi, da sempre vicino a Unitalsi, diventasse realtà. «Per quasi vent’anni Fabrizio è stato nostro barelliere durante i viaggi a Lourdes – ha ricordato De Carli – e in più circostanze mi ha stimolato a mettere in cantiere un progetto che potesse portare alla realizzazione  di una casa di accoglienza per le famiglie di bambini oncologici anche a Milano».

Cresce il progetto dei piccoli di Unitalsi nel ricordo di Frizzi

L’occasione è arrivata quando  Vittore De Carli scrive il libro “Dal buio alla luce con la forza della preghiera” i cui proventi sono stati destinati proprio alla realizzazione della casa di accoglienza per bambini oncologici a Milano. Al libro, diventato da subito un volano, si è aggiunta la generosità di tanti benefattori,  tra cui BCC Milano. «I soci hanno deciso di devolvere il regalo di Natale per la realizzazione di questo progetto» ha fatto notare Giuseppe Maino, presidente di BCC Milano.

Casa Frizzi quarta sfida vinta da Unitalsi

Dopo Roma, Napoli e Genova, anche Unitalsi Milano ha oggi la casa di accoglienza per le famiglie di bambini oncologici. Una palazzina di 250 metri quadri su tre livelli in via Giovanni Amadeo, 90. Sei miniappartamenti attrezzati di ogni confort per ospitare a titolo gratuito i bambini oncologici e i  loro famigliari durante il difficile percorso delle cure da affrontare. «I nostri volontari accoglieranno i piccoli e le loro famiglie sempre con il sorriso per lenire, per quanto possibile, il dolore e alimentare la speranza di guarigione», ha sottolineato Luciano Pivetti, presidente Unitalsi Lombardia.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...