Salute 5 Dicembre 2023 16:33

Protesi: infezioni post impianto per il 2% dei pazienti

Attala (Simit): “Sono difficili da trattare, con una mortalità che arriva al 26% nella prima revisione, e qualora si sbagli l’approccio iniziale, potrebbe aumentare progressivamente il rischio di mortalità”

di I.F.
Protesi: infezioni post impianto per il 2% dei pazienti

Il 2% dei pazienti a cui viene impiantata una protesi contraggono un infezione, nonostante dopo l’intervento si proceda ad una terapia antibiotica almeno per i tre mesi successivi. “Le infezioni protesiche sono centinaia di migliaia ogni anno – dice Letizia Attala, dell’ospedale Santa Maria Annunziata di Firenze, intervenuta al XXII Congresso nazionale della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit), in corso a Firenze -. Il primo problema è che sono difficili da trattare, con una mortalità che arriva al 26% nella prima revisione, e qualora si sbagli l’approccio iniziale, potrebbe aumentare progressivamente il rischio di mortalità. L’altro aspetto è quello dei patogeni sempre più resistenti, che richiedono terapie antibiotiche complicate o non disponibili”.

Il decorso post operatorio

“Generalmente l’impianto della protesi e il successivo decorso durano circa tre mesi, sottoponendo così il paziente a una terapia antibiotica di almeno 12 settimane – prosegue Attala – che si aggiungono agli anni pregressi di trattamenti già somministrati. Spesso il paziente viene colonizzato da germi resistenti agli antibiotici che provocano l’infezione anche dopo alcuni anni, come in alcuni casi rilevati nel nostro centro negli ultimi due mesi, in cui abbiamo visto pazienti con infezioni protesiche dovute a Klebsiella Pneumoniae – avverte – Serve pertanto un approccio multidisciplinare che veda lavorare assieme l’infettivologo e il chirurgo ortopedico. Il nostro ospedale, insieme a Savona, Vercelli, e Napoli, è uno dei quattro in Italia ad aver avviato un lavoro concertato per ogni reimpianto protesico. L’altra strada da seguire può essere quella di terapie alternative: in alcuni casi stiamo usando virus batteriofagi, sebbene restino alcuni ostacoli burocratici da superare”.

Resistimit

L’antibiotico-resistenza è un fenomeno ormai stanziale in Italia, che si associa a un significativo incremento della mortalità in ospedale, a un aumento dei costi di ospedalizzazione e dei farmaci. “La ricerca sta sviluppando nuove molecole, ma l’obiettivo non è quello di preparare nuovi antibiotici – evidenzia Marco Falcone, professore ordinario di Malattie infettive, Università Pisa e segretario Simit -. Si devono prevenire le infezioni con strategie di infection control che ne riducano l’impatto. La Simit è molto impegnata su questo fronte con progetti come Resistimit, che ha permesso di creare una rete per studiare le infezioni dovute a microorganismi antibiotico-resistenti e di identificare i fattori che si associano ad migliore sopravvivenza o ad aumentata mortalità utilizzando anche algoritmi di intelligenza artificiale”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...