Salute 3 Giugno 2024 12:28

Mangiare in compagnia riduce lo stress e allunga la vita

A dimostrare che consumare pasti in compagnia sia un vero e proprio elisir di benessere sono due diversi studi, pubblicati su ‘Family, System and Health’ e ‘Nutrition Research’

Mangiare in compagnia riduce lo stress e allunga la vita

Mangiare in compagnia fa bene alla salute, riduce lo stress e rafforza i legami familiari. A dimostrare che questi siano gli ingredienti giusti per un vero e proprio elisir del benessere sono due diverse ricerche. La prima, realizzata dall’Università del Minnesota e pubblicata sulla rivista ‘Family, System and Health’ mostra come mangiare il più possibile in compagnia abbassi i livelli di stress e contribuisca a tenere l’umore alto per l’intera giornata. A notare questi benefici dopo aver consumato un pasto tra amici sono soprattutto i tedeschi e gli italiani. Ma non è tutto: dai dati dello stesso studio emerge pure che maggiore è la frequenza di pranzi e cene in compagnia e più forti sono i legami sociali. D’altro canto però, le ‘riunioni’ attorno alla tavola sono sempre meno intime: dalla stessa ricerca emerge, infatti, che il 20% degli italiani condivide sui social media le foto del pasto un attimo prima di consumarlo. Stessa abitudine tra gli americani e ancor di più tra i tedeschi, a patto che chi pubblica le foto sui vari social non si intrattenga in videocall o telefonate, ritardando l’inizio del pranzo o della cena.

L’incidenza sulle malattie cardiovascolari

Un’altra ricerca ha, invece, dimostrato il legame tra una positiva convivialità a tavola e un’inferiore prevalenza di malattie cronico-degenerative, maggiore benessere psicologico e longevità. “Tra le caratteristiche spesso trascurate delle diete sane, come la dieta mediterranea, c’è la preparazione e la condivisione del cibo – scrivono i ricercatori nell’abstract della ricerca, pubblicata sulla rivista ‘Nutrition Research‘ -. L’atto di mangiare è una pratica umana quotidiana che non si limita a soddisfare i bisogni nutrizionali ed energetici, ma coinvolge anche una dimensione sociale costruita di condivisione dei pasti che è parte del processo di civiltà umana e delle culture alimentari in tutto il mondo”.

 

Il ‘circuito’ del benessere

Convivialità e alimentazione sono, dunque, dei pilastri sui cui si fondano i corretti stili di vita sani, cosi mostrato nel seguente grafico, pubblicato dagli autori della ricerca:

L’analisi clinica dei partecipanti

Partendo da questo presupposto gli autori dello studio hanno voluto dimostrare come iniziative di sanità pubblica, che riducano la solitudine e promuovano la condivisione dei pasti, siano in grado di migliorare la salute generale della popolazione. Lo studio in questione è stato realizzato dalla nutrizionista dell’Università di Bari, Elisabetta Bernardi, e il professore associato di Nutrizione umana dell’Università di Padova, Francesco Visioli. La ricerca ha analizzato le risposte infiammatorie degli individui partecipanti, i livelli di pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e i livelli di cortisolo. I risultati ottenuti provano l’esistenza di un legame diretto tra felicità, salute e longevità, seppure i meccanismi che regolano una tale relazione non siano ancora del tutto chiari.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...