Salute 7 gennaio 2015

La solidarietà riporta a casa gli alluvionati di Genova

Dopo un solo mese trovati nuovi alloggi a Voltri per diverse famiglie grazie all’assessorato ai servizi sociali ed al Municipio Ponente. Progetto realizzato insieme a Ikea e alla Consulcesi Onlus

Immagine articolo

La furia del torrente Cerusa li aveva privati delle loro abitazioni, ma il loro Natale è stato addolcito da una bella operazione di solidarietà.

Nel giro di un mese quattro famiglie di Fabbriche (Voltri) hanno perso tutto e poi riconquistato una speranza grazie alle case messe a disposizione del Comune di Genova. La consegna delle chiavi è avvenuta nel corso di una conferenza stampa presso la sede del Municipio Ponente in piazza Gaggero alla presenza del presidente Mauro Avvenente e l’assessore ai Servizi Sociali Emanuela Fracassi.

Gli alloggi – situati a Voltri, in via Pastore – fanno parte del contratto di quartiere e possono essere assegnati temporaneamente per situazioni di emergenza abitativa. “Ci eravamo posti l’obiettivo – ha detto il presidente del Municipio Ponente – di dare un tetto a coloro che avevano perso la casa. Abbiamo consegnato le chiavi di quattro alloggi sociali che abbiamo ottenuto grazie alla collaborazione dei servizi sociali del Comune. Queste persone – ha concluso Mauro Avvenente – hanno così potuto lasciare l’albergo dove erano stati sistemati provvisoriamente e ritornare alla normalità”.

Il Comune di Genova ha trovato due alleati in questa operazione di solidarietà. “I quattro appartamenti, dedicati all’emergenza abitativa, ora ospiteranno temporaneamente questi nuclei familiari. Grazie all’importante donazione di Consulcesi Onlus e di Ikea  – ha spiegato l’assessore Emanuela Fracassi – abbiamo potuto arredarli di tutto punto, consentendo alle famiglie una sistemazione dignitosa”. In rappresentanza di Consulcesi Onlus, protagonista di diverse iniziative benefiche in Africa ed in tanti altri Paesi del mondo, oltre ovviamente che in Italia, era presente Andrea Tortorella. “Per noi è stato importante essere presenti – ha spiegato – ma ancor di più lo è stato aver accolto la richiesta del comune: abbiamo fatto tutto con il cuore, tutto con emozione”. E forte emozione è stata espressa dalla famiglia cui è stato assegnato uno dei nuovi appartamenti in cui la coppia di genitori vivrà con i suoi tre figli: “Dopo quello che ci è successo non ci speravamo minimamente – ha spiegato la mamma – ed ancora adesso non riusciamo a capacitarci”.

Tags

Articoli correlati
Salute, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre l’80% dei deficit visivi può essere prevenuto o curato. E secondo le stime dell’Oms senza interventi decisi, l’84% di tutti i casi di cecità e ipovisione riguarderà gli ultracinquantenni. Eppure, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista e tra il 30% che ha effettuato negli ultimi 12 […]
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...