Salute 26 Marzo 2024 15:38

Gravidanza, le donne in dolce attesa invecchiano di due anni in nove mesi

Dopo il parto il processo di invecchiamento biologico si inverte: nel giro di tre mesi è possibile ringiovanire anche di otto anni, soprattutto se si allatta al seno. Lo studio

Gravidanza, le donne in dolce attesa invecchiano di due anni in nove mesi

Se sei incinta e guardandoti allo specchio hai l’impressione di essere ‘invecchiata’ potrebbe non essere frutto solo della tua immaginazione. Durante la gravidanza le lancette dell’orologio biologico dell’organismo corrono più veloci, tanto che è possibile arrivare a vedere aumentata la propria età  biologica anche di due anni. Ma niente paura: si tratta di un invecchiamento temporaneo e, soprattutto, reversibile. Dopo  il parto, infatti, questo processo si inverte, soprattutto se si allatta al seno. A dare la cattiva ed anche la successiva buona notizia sono i ricercatori della Yale School of Medicine in uno studio appena pubblicato su Cell Metabolism.

Due anni in più in nove mesi

Gli scienziati si sono concentrati su alcune modifiche chimiche a cui va incontro il Dna e che rientrano nel campo dell’epigenomica, vale a dire modulazioni del Dna che cambiano l’attività dei geni senza alterarne le componenti costitutive. Si ritiene che alcune di queste siano un indicatore dell’invecchiamento. Il team è andato alla ricerca di tali indicatori nei campioni di sangue di 120 donne durante la gravidanza e, per circa la metà di esse, anche dopo il parto. Dall’inizio alla tarda gravidanza, nell’arco di circa 20 settimane, l’età biologica è aumentata pressappoco di due anni.

Dopo il parto si ringiovanisce

Tuttavia, quando i ricercatori hanno esaminato l’età biologica nelle stesse donne alcuni mesi dopo il parto, hanno fatto una piacevole scoperta . “Tre mesi dopo il parto abbiamo visto una grande diminuzione dell’età biologica, fino a otto anni per alcuni individui – spiega il coordinatore dello studio Kieran O’Donnell -. Quindi, mentre la gravidanza aumenta l’età  biologica, c’è un chiaro (e pronunciato) recupero nel postpartum”. Lo studio ha anche mostrato che ci sono alcuni fattori che influenzano il recupero dell’età biologica: un alto indice di massa corporea prima della gravidanza sembra rendere più difficile mandare indietro le lancette dell’orologio biologico. Al contrario, l’allattamento al seno comporta un calo più ripido dell’età biologica della mamma nei tre mesi dopo il parto.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Patologie reumatologiche, Celano (APMARR): “Senza una corretta transizione dalle cure pediatriche a quelle dell’adulto, la metà dei giovani pazienti rischia danni irreversibili agli organi”

In un’intervista a Sanità Informazione, Antonella Celano, presidente APMARR, descrive le principali criticità con cui devono fare quotidianamente i conti i pazienti affetti da...
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...