Salute 30 Gennaio 2024 16:15

Giornata mondiale delle malattie tropicali neglette, nel mondo sono 21. I cambiamenti climatici mettono a rischio anche l’Italia

Le malattie tropicali neglette sono patologie molto diverse tra loro e causate soprattutto da parassiti, ma anche da batteri, virus, funghi e da avvelenamento da morso di serpente. Ne sono un esempio: la malattia di Chagas, la lebbra, a leishmaniasi, la schistosomiasi, la Dengue e l’echinoccocosi cistica

Giornata mondiale delle malattie tropicali neglette, nel mondo sono 21. I cambiamenti climatici mettono a rischio anche l’Italia

Nel mondo sono 21 le malattie tropicali neglette (o Ntds) e la popolazione interessata arriva a 1,7 miliardi di persone. “In Italia abbiano due di queste patologie autoctone, leishmaniasi e l’echinoccosi cistica, ma il nostro è un Paese a rischio per le Ntds per il cambiamento climatico e per l’introduzione del vettore potenzialmente suscettibile per alcune di queste patologie dovute ad arbovirosi, ad esempio la Dengue e Chikungunya”. A scattare la fotografia della situazione attuale, in occasione della Giornata mondiale delle malattie tropicali neglette, è Emanuele Nicastri, direttore Uoc Malattie infettive ad alta intensità di cura (Miaic) dell’Inmi Spallanzani, in un’intervista all’Adnkronos Salute

Quali sono le malattie tropicali neglette

Le malattie tropicali neglette sono patologie molto diverse tra loro e causate soprattutto da parassiti, ma anche da batteri, virus, funghi e da avvelenamento da morso di serpente. Ne sono un esempio: la malattia di Chagas, la lebbra, a leishmaniasi, la schistosomiasi, la Dengue e l’echinoccocosi cistica. Secondo i dati dell’Istituto superiore di sanità, dal primo gennaio al 31 dicembre 2023, in Italia sono stati registrati

  • 362 casi confermati di Dengue (82 casi autoctoni e 280 casi associati a viaggi all’estero, età mediana di 37 anni, 52% di sesso maschile e 1 decesso),
  • 9 casi confermati di Zika Virus (tutti associati a viaggi all’estero, età mediana di 30 anni, 44% di sesso maschile, nessun decesso)
  • 7 casi confermati di Chikungunya (tutti associati a viaggi all’estero, età mediana di 42 anni, 71% di sesso maschile, nessun decesso)”.

Perché in Italia stanno prendendo sempre più piede malattie sconosciute alle nostre latitudini?

“L’introduzione del vettore è la ‘condicio sine qua non’, in Italia non c’era la zanzare tigre fino a 20 anni fa – precisa Nicastri – oggi è presente in tutta la penisola dalle Alpi alla Sicilia, se c’è il vettore è solo una questione di tempo la trasmissione di patologie come la Dengue o la Chikungunya, come è avvenuto. Ma è un fenomeno non solo italiano ma dell’area del Mediterraneo. C’è il caso emblematico del Lazio che in estate ha avuto tre focolai distinti registrati in contemporanea, ma non sarà più un caso fortuito – avverte – E’ il segnale di un cambiamento che ci deve mettere in allerta nel futuro”.

Tripanosomiasi americana

La malattia di Chagas, conosciuta anche come tripanosomiasi americana, è una malattia infettiva causata dal protozoo Trypanosoma cruzi. La malattia è diffusa in Centro e Sud America ed è trasmessa principalmente dalla puntura di insetti simili a cimici ed è la terza malattia parassitaria più frequente al mondo. “Questa patologia qualche anno fa era confinata nell’America Latina – ricorda Fabrizio Bruschi, presidente della Società italiana di parassitologia, tra i relatori del seminario -. Oggi è entrata negli screening dei donatori di sangue e di organi perché in Italia sono stati registrati casi d’importazione dovuti a italiani che sono stati in zone endemiche. Questo ci fa capire come malattie così lontane un tempo, oggi non lo sono più e si pone il tema della prevenzione”.
Quello delle malattie tropicali neglette è una  tema talmente attuale che Adriano Casulli, del dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto superiore di sanità, spera possa essere affrontato in occasione del prossimo G7 Salute: “Durante il Summit, che sarà guidato dall’Italia, auspichiamo si possa arrivare a un documento unico sulle malattie tropicali neglette, condiviso con il nostro network internazionale”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...