Salute 23 Gennaio 2024 18:13

Energy drink, a rischio il sonno dei giovani. Lo studio

I ricercatori hanno utilizzato dati provenienti da 53.266 partecipanti tra i 18 e i 35 anni. Sia gli uomini che le donne che hanno dichiarato un consumo giornaliero dormivano circa mezz’ora in meno rispetto a coloro che dichiaravano solo un consumo occasionale o nullo. Lo stesso vale per il tempo impiegato per addormentarsi

Energy drink, a rischio il sonno dei giovani. Lo studio

Il consumo di bevande energetiche o energy drink, contenenti caffeina e altre sostanze stimolanti, stando ai risultati di un ampio studio norvegese pubblicato sulla rivista BMJ Open, è legato ad una scarsa qualità del sonno e all’insonnia tra i giovani. Maggiore è il consumo, minore è il numero di ore di sonno notturno, anche se pure una sola lattina occasionale – tre volte al mese – è  legata ad un rischio maggiore di sonno disturbato. Dallo studio condotto da Siri Kaldenbach, dell’Innlandet Hospital Trust, a Lillehammer è emerso che rispetto a coloro che dichiaravano un consumo nullo o solo occasionale di bevande energetiche, gli uomini che avevano un consumo giornaliero presentavano un rischio più che raddoppiato di dormire meno di sei ore a notte. Per le donne il medesimo rischio subiva un ulteriore raddoppio.

Lo studio

Le bevande annoverate tra le  ‘energetiche’ contengono una media di 150 mg di caffeina per litro, oltre a zuccheri, vitamine, minerali e aminoacidi in quantità variabili. I ricercatori hanno utilizzato dati provenienti da 53.266 partecipanti tra i 18 e i 35 anni. Gli esperti hanno chiesto agli studenti con quale frequenza consumassero energy drink,  quando andavano a letto e a che ora si alzavano. Ancora, quanto tempo impiegavano ad addormentarsi (latenza del sonno). Gli esperti hanno così calcolato per ciascuno la cosiddetta efficienza del sonno, confrontando le ore totali di sonno notturno con il tempo totale trascorso a letto (svegli e addormentati). È emersa un’associazione chiara tra il consumo e un minor numero di ore di sonno, con effetti che aumentano in maniera proporzionale alla quantità di energy drink consumati.

I risultati

Sia gli uomini che le donne che hanno dichiarato un consumo giornaliero dormivano circa mezz’ora in meno rispetto a coloro che dichiaravano solo un consumo occasionale o nullo. Lo stesso vale per il tempo impiegato per addormentarsi. Inoltre, un aumento del consumo si associa a un aumento corrispondente sia del tempo di veglia notturna che del tempo impiegato per addormentarsi, quindi a una minore efficienza del sonno. Anche l‘insonnia è più diffusa tra quanti hanno un consumo giornaliero: 51% contro 33% (donne) e 37% contro 22% (uomini). Nel complesso, quindi, un maggiore consumo di bevande energetiche era associato a un aumento del rischio di problemi di sonno in tutti gli aspetti studiati.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...