Salute 29 Novembre 2023 15:47

Diabete: si controlla con le app. I diabetologi: “Possono avere un ruolo anche nella prevenzione del diabete di tipo 2”

Boscari (diabetologo): “Giocare è un modo efficace per educare al controllo del diabete, permette di stabilire degli obiettivi da raggiungere e rendere l’esperienza più coinvolgente”

Diabete: si controlla con le app. I diabetologi: “Possono avere un ruolo anche nella prevenzione del diabete di tipo 2”

Con 46,5 milioni di smartphone e il 77% della popolazione che ne possiede uno (quinto stato al mondo), l’Italia si presta favorevolmente ad un utilizzo diffuso delle app in medicina e in particolare nel controllo e nel trattamento del diabete.  “Si tratta di un terreno particolarmente fertile – sottolinea il dottor Federico Boscari, diabetologo presso l’azienda Ospedale-Università di Padova – e negli ultimi anni sono fiorite numerose soluzioni per affiancare i pazienti (e i loro medici) nella gestione della malattia. Le app possono registrare dati, orari dei pasti, incrociarli con l’attività fisica, rilevare parametri come la glicemia e monitorare l’aderenza alle terapie con messaggi di promemoria, e la possibilità di contatto con i curanti. In altri casi si sono rilevati efficaci interventi di ‘gamification’ in cui le attività hanno un aspetto ludico con interazioni sociali virtuali”.

Giocando s’impara

“Giocare è un modo efficace per educare al controllo del diabete, permette di stabilire degli obiettivi da raggiungere e rendere l’esperienza più coinvolgente – prosegue Boscari -. Sfruttano in maniera pratica tecniche di psicologia cognitiva per aiutare a motivare le persone a modificare alcuni stili di vita, come ad esempio il rispetto di una corretta alimentazione e lo svolgimento di regolare attività fisica”. Una ricerca internazionale (Meltwater 2023) ha indicato tra le principali ragioni suggerite dagli utenti per usare internet c’è la ‘ricerca di informazioni sulla salute’ per il 34%. Un trend iniziato già nel 2021 quando app e device erano usati da due italiani su 3 con l’obiettivo di monitorare la dieta, la pressione, il battito cardiaco e il ciclo mestruale.

App di salute: ecco quanto le utilizziamo

L’utilizzo del telefonino per monitorare aspetti legati alla salute tramite app era dell’8% nel 2019, balzato al 67% nel 2021 complice la pandemia. Anticipato dagli standard italiani per la cura del diabete mellito del 2018 che già sostenevano la necessità di counseling per il calo ponderale e l’avvento dell’attività fisica anche attraverso supporti tecnologici (social network, DVD e app). Le app possono avere un ruolo nella prevenzione primaria, rivolgendosi sia alla popolazione generale che a quella a rischio. Ma sono di valido aiuto anche nella prevenzione secondaria in termini di prevenzione delle complicanze.

App per prevenire il diabete di tipo 2

“Un’indagine presentata al Congresso Panorama Diabete ha indicato che l’87.9% dei diabetologi ritiene che le app possano avere un ruolo nella prevenzione del diabete di tipo 2 – ricorda il Professore Angelo Avogaro, Presidente SID – ma solo al 14% capita di utilizzarle nei pazienti a rischio. Perché così pochi? Il 25.9% del campione non conosce app dedicate, il 23.5% ritiene che le app siano troppe e non certificate e il 38.8% ha difficoltà a valutare l’efficacia. Più diffuso invece l’uso delle app nei pazienti che hanno ricevuto una diagnosi: il 72.7% e consiglia nei pazienti con diabete di tipo 1, il 23.2% in quelli con diabete di tipo 2, l’11% solo se è il paziente a chiederlo”.

Le criticità

Esistono ancora difficoltà di tipo gestionale, burocratico o logistiche, ma le app hanno ampi margini di diffusione anche perché economiche, flessibili e personalizzabili. Si sta però lavorando per superare i limiti come la certificazione delle app, i problemi della privacy e l’accesso da parte dei soggetti meno dotati di risorse cognitivi, di istruzione ed economiche che non godono di una connessione internet tra cui la popolazione anziana che ancora conta il ‘digital divide’, ossia l’accesso alla banda ultra larga, pari a circa il 20-40% della popolazione. Secondo l’Istat più del 67% degli anziani infatti non saprebbe usare internet. L’impossibilità o la difficoltà ad accedere a questi strumenti determina un danno socio-economico che aumenta povertà ed esclusione. Fattori sociali che già premono negativamente su molti pazienti penalizzati da determinanti sociali negativi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...