Salute 13 Febbraio 2024 09:37

Demenza, quattro proteine ematiche svelano chi si ammalerà nei prossimi dieci anni

Gli scienziati cinesi hanno esaminato oltre 52mila individui, inizialmente tutti sani. Nel corso del periodo di monitoraggio, circa 14 anni, oltre mille hanno  ricevuto una diagnosi di demenza. Delle 1.463 proteine plasmatiche analizzate, Gfap, Nefl, Gdf15 e Ltbp2 sono state  costantemente associate all’insorgenza dei diversi tipi di demenza

di I.F.
Demenza, quattro proteine ematiche svelano chi si ammalerà nei prossimi dieci anni

Un semplice prelievo del sangue potrebbe permettere di individuare le persone a rischio di ammalarsi di Alzheimer (Ad) o di demenza vascolare (Vad) ben 10 anni prima che si manifestino i primi sintomi. In particolare la possibilità potrebbe essere rilevata dalla presenza di quattro specifiche proteine nel sangue: Gfap, Nefl, Gdf15 e Ltbp2. Ad individuarle sono stati i ricercatori cinesi della Università Futan a Shanghai. La ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Aging, fa seguito ad altri studi che hanno già esaminato il ruolo delle proteine plasmatiche come biomarcatori in grado di predire il rischio di demenza a lungo termine in adulti sani. Tuttavia, molti di questi lavori si sono concentrati su una o un numero limitato di proteine e di individui.

Uno studio durato oltre 14 anni

La ricerca cinese, invece, sfruttando i dati della Biobanca del Regno Unito, è tutt’altro che ridotta. Il gruppo di ricerca di Jin-Tai Yu e Jian-Feng Feng ha condotto uno studio dettagliato sui dati dell’insieme di proteine (proteoma) di un vasto campione di persone, per identificare biomarcatori plasmatici associati alla possibilità di sviluppo dei diversi tipi di demenza. Gli autori hanno incluso dati relativi a 52.645 partecipanti tutti sani all’inizio dello studio. Nel corso del periodo di monitoraggio, durato circa 14,1 anni, 1.417 partecipanti hanno  ricevuto una diagnosi di demenza: 833 entro 10 anni, di cui 219 entro 5 anni, e 584 oltre 10 anni. Delle 1.463 proteine plasmatiche incluse nell’analisi, gli autori hanno trovato che Gfap, Nefl, Gdf15 e Ltbp2 erano costantemente associate all’insorgenza dei diversi tipi di demenza.

Il ruolo predittivo della proteina Gfap

Quindi gli scienziati hanno prodotto un modello predittivo per il rischio di demenza nel corso di 10 anni. Proteine, come Gfap, precedentemente note per essere associate alla demenza, sono risultate avere un alto valore predittivo. Gli autori sottolineano anche che i livelli di Gfap nel sangue iniziano a cambiare circa 10 anni prima della diagnosi, il che indica la possibilità che Gfap possa essere un biomarcatore potenziale per la valutazione precoce del rischio. I risultati di questa ricerca, comunque, andranno confermati su un campione indipendente di individui, concludono gli esperti cinesi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.