Salute 6 Giugno 2024 15:48

Antidepressivi, astinenza solo per il 15% dei pazienti che interrompe la terapia

I ricercatori hanno condotto una revisione e una meta-analisi di 79 studi che includevano dati provenienti da 21.002 pazienti: si sono verificati sintomi gravi in circa il 3% dei partecipanti, ovvero in un caso su 35

di I.F.
Antidepressivi, astinenza solo per il 15% dei pazienti che interrompe la terapia

Chi fa uso di antidepressivi, interrompendo la terapia, potrà trovarsi a fare i conti con i sintomi dell’astinenza. A rivelarlo una meta-analisi su oltre 20 mila pazienti, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Lancet Psychiatry. Ma accanto a questa ‘cattiva notizia’, ce n’è anche una buona: questa reazione riguarda una netta minoranza di individui. Sperimenterà l’astinenza il 15% dei pazienti che interrompe un trattamento a basi di antidepressivi e in casi ancora più rari, uno su 35 circa, la sintomatologia sarà grave. Vertigini, mal di testa, nausea, insonnia e irritabilità sono tra i sintomi più frequentemente riscontrati.

Studi precedenti

I risultati ottenuti da questa recente meta-analisi si distaccano molto da quelli ottenuti con precedenti studi, secondo i quali oltre la metà dei pazienti sperimenterebbe questi sintomi d’astinenza interrompendo l’assunzione degli antidepressivi con una gravità di manifestazione che riguarderebbe ben un caso su due. Tuttavia, i ricercatori hanno ritenuto “non affidabili”  la maggior parte di queste stime. Per questo hanno ritenuto di dover condurre un’ulteriore ricerca, più ampia, che passasse al setaccio tutte le evidenze disponibili e stabilisse l’incidenza più probabile dei sintomi di sospensione causati direttamente dall’interruzione dell’uso di antidepressivi e quella dei sintomi gravi, valutando anche le differenze di reazione a seconda dell’antidepressivo usato.

Metodo di ricerca

I ricercatori hanno condotto una revisione e una meta-analisi di 79 studi, 44 trial clinici e 35 studi osservazionali, che includevano dati provenienti da 21.002 pazienti, 16.532 dei quali interrompevano l’uso di antidepressivi e 4.470 interrompevano l’uso di placebo, con un’età media di 45 anni e con il 72% di donne. Nel complesso, l’analisi ha rilevato che un terzo (31%) delle persone che hanno smesso di prendere un antidepressivo ha sperimentato almeno un sintomo. Sintomi gravi si sono verificati in circa il 3%, ovvero uno su 35.

Risultati

Guardando specificamente ai risultati degli studi randomizzati controllati, uno su sei pazienti (17%) ha sperimentato sintomi simili a quelli d’astinenza quando ha smesso di prendere un placebo. Questo suggerisce che circa metà di tutti i sintomi sperimentati da coloro che interrompono gli antidepressivi potrebbero essere dovuti a aspettative negative (l’effetto ‘nocebo’) o a sintomi non specifici che possono verificarsi in qualsiasi momento nella popolazione generale. In conclusione, gli autori stimano che uno su sei o sette (15%) dei pazienti sperimenterà uno o più  sintomi di sospensione causati direttamente dall’interruzione degli antidepressivi. L’analisi non ha trovato differenze tra studi che hanno applicato la riduzione graduale dell’antidepressivo e studi con una sospensione improvvisa del farmaco.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...