Professioni Sanitarie 18 Febbraio 2019 14:16

Tecnici di laboratorio, Saverio Stanziale (F.I.Te.La.B.): «Tra titoli non conformi e potenziali abilitanti albo a rischio per il 20% dei professionisti»

Il presidente della Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico: «Fondata un’associazione tecnico-scientifica per evidenziare il valore delle nostre risorse umane»

di Isabella Faggiano

La carriera di quasi 6mila Tecnici di Laboratorio Biomedicoè a rischio. Tanti sono, circa il 20% del totale, coloro che pur lavorando da diversi anni come professionisti del settore, non potranno iscriversi al nuovo albo, così come previsto dalla legge Lorenzin. «I loro titoli non sono conformi alle nuove normative – ha spiegato Saverio Stanziale, presidente F.I.Te.La.B., la Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico». Ma gli ostacoli da superare non sono gli stessi per tutti: «I professionisti non scrivibili all’albo – ha aggiunto Stanziale – possono essere divisi in tre diverse categorie: i titoli non conformi, potenziali abilitanti e gli abusivi alla luce del sole. I Tecnici di Laboratorio Biomedico con titoli non conformi sono davvero pochi: non arrivano a coprire nemmeno l’1% del totale dei professionisti che, in Italia, è stimato intorno alle 28mila unità. Sono molti di più, invece, coloro che hanno conseguito un diploma professionale, equipollente fino al 1985, poi inserito nel bando ministeriale di equivalenza del 2011. Questo decreto permetteva, e permette tutt’ora, di essere iscritti all’albo. Coloro che, in quel periodo, non ne hanno usufruito, oggi si trovano in difficoltà». Come aiutare questi professionisti ad abbandonare questa terra di mezzo non è ancora chiaro, ma ha assicurato il presidente F.I.Te.La.B., «la Federazione ha la volontà di risolvere il problema ed è già scesa in campo per affrontare la questione attraverso i canali istituzionali, così da poter trovare la formula più adeguata di risoluzione».

E sempre per affrontare questa importante fase di cambiamento la Federazione ha fondato anche un’Associazione tecnico-scientifica: «Alla luce della legge 24 del 2017 sulla responsabilità professionale ed a seguito della costituzione del nuovo albo – ha commentato Stanziale – abbiamo ipotizzato che fosse necessario creare un’associazione tecnico scientifica, da accreditare nell’elenco ministeriale specifico. Il nostro obiettivo primario è porre l’attenzione sulle competenze avanzate professionali che dovrebbero essere previste nel nuovo contratto nazionale di lavoro e, soprattutto, evidenziare il valore delle nostre risorse umane». Un potenziale che se non valorizzato rischia di sommarsi a quello di tanti altri italiani che decidono di “fuggire” all’estero in cerca di una posizione lavorativa più adeguata alle loro esigenze. «Dai dati in nostro possesso – ha sottolineato il presidente F.I.Te.La.B. – a circa due-tre anni dalla laurea il 75-80% dei nostri professionisti trova una collocazione all’interno del Sistema Sanitario Nazionale, di solito tra i posti più ambiti dalla categoria. Ma non sono pochi coloro che, nell’attesa, decidono di andare all’estero, sia per fare nuove esperienze professionali, ma anche per la necessità di trovare un lavoro immediato. I tempi in Italia – ha concluso Stanziale – sono sempre più lunghi che altrove, nonostante il Tecnico di Laboratorio Biomedico, con la sua preparazione, possa ambire anche ad un’occupazione nel privato, dai laboratori fino alle industrie tecnico-farmaceutiche».

Articoli correlati
Nel 2040 saranno oltre 2,5 milioni le persone con Alzheimer in Italia
Costa: «Il costo medio annuo per paziente, comprensivo dei costi diretti e indiretti, sia familiari sia a carico del sistema sanitario nazionale e della collettività, è pari a 70.587 euro, cifra che, moltiplicata per la quota attuale di malati, si traduce in oltre 42 miliardi di euro»
Piano Nazionale Cronicità, Salutequità: «Sua attuazione lenta e a macchia di leopardo»
Il Piano Nazionale della Cronicità compie cinque anni. Salutequità: «Serve finanziamento specifico in prossima Legge di Bilancio, suo aggiornamento e una relazione del Ministero su stato di attuazione»
Attacco hacker, Ue preoccupata: «Sanità sempre più nel mirino». Danni a professionisti e pazienti
Quella che poteva sembrare una storia locale e di breve durata si sta dimostrando un problema molto più grosso che interessa anche l’Unione europea. In ballo ci sono dati sensibili, il lavoro degli operatori sanitari e la salute dei cittadini
Congresso Società Italiana di Igiene, il presidente: «Vaccinazione dovrebbe essere resa obbligatoria»
Tra i temi caldi i vaccini, il mantenimento delle misure di igiene e prevenzione, il nuovo ruolo dei Tecnici di Prevenzione e degli specialisti in Igiene e Medicina Preventiva
Effetto Covid, per i medici fino al 25% di guadagni in meno e aumento spese per assicurazioni
Secondo il primo rapporto Univadis Medscape in Italia, i medici hanno speso in media 1.200 euro per Dpi e 6 su 10 hanno deciso di stipulare un’assicurazione integrativa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco