Professioni Sanitarie 18 Febbraio 2019 14:16

Tecnici di laboratorio, Saverio Stanziale (F.I.Te.La.B.): «Tra titoli non conformi e potenziali abilitanti albo a rischio per il 20% dei professionisti»

Il presidente della Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico: «Fondata un’associazione tecnico-scientifica per evidenziare il valore delle nostre risorse umane»

di Isabella Faggiano

La carriera di quasi 6mila Tecnici di Laboratorio Biomedicoè a rischio. Tanti sono, circa il 20% del totale, coloro che pur lavorando da diversi anni come professionisti del settore, non potranno iscriversi al nuovo albo, così come previsto dalla legge Lorenzin. «I loro titoli non sono conformi alle nuove normative – ha spiegato Saverio Stanziale, presidente F.I.Te.La.B., la Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico». Ma gli ostacoli da superare non sono gli stessi per tutti: «I professionisti non scrivibili all’albo – ha aggiunto Stanziale – possono essere divisi in tre diverse categorie: i titoli non conformi, potenziali abilitanti e gli abusivi alla luce del sole. I Tecnici di Laboratorio Biomedico con titoli non conformi sono davvero pochi: non arrivano a coprire nemmeno l’1% del totale dei professionisti che, in Italia, è stimato intorno alle 28mila unità. Sono molti di più, invece, coloro che hanno conseguito un diploma professionale, equipollente fino al 1985, poi inserito nel bando ministeriale di equivalenza del 2011. Questo decreto permetteva, e permette tutt’ora, di essere iscritti all’albo. Coloro che, in quel periodo, non ne hanno usufruito, oggi si trovano in difficoltà». Come aiutare questi professionisti ad abbandonare questa terra di mezzo non è ancora chiaro, ma ha assicurato il presidente F.I.Te.La.B., «la Federazione ha la volontà di risolvere il problema ed è già scesa in campo per affrontare la questione attraverso i canali istituzionali, così da poter trovare la formula più adeguata di risoluzione».

E sempre per affrontare questa importante fase di cambiamento la Federazione ha fondato anche un’Associazione tecnico-scientifica: «Alla luce della legge 24 del 2017 sulla responsabilità professionale ed a seguito della costituzione del nuovo albo – ha commentato Stanziale – abbiamo ipotizzato che fosse necessario creare un’associazione tecnico scientifica, da accreditare nell’elenco ministeriale specifico. Il nostro obiettivo primario è porre l’attenzione sulle competenze avanzate professionali che dovrebbero essere previste nel nuovo contratto nazionale di lavoro e, soprattutto, evidenziare il valore delle nostre risorse umane». Un potenziale che se non valorizzato rischia di sommarsi a quello di tanti altri italiani che decidono di “fuggire” all’estero in cerca di una posizione lavorativa più adeguata alle loro esigenze. «Dai dati in nostro possesso – ha sottolineato il presidente F.I.Te.La.B. – a circa due-tre anni dalla laurea il 75-80% dei nostri professionisti trova una collocazione all’interno del Sistema Sanitario Nazionale, di solito tra i posti più ambiti dalla categoria. Ma non sono pochi coloro che, nell’attesa, decidono di andare all’estero, sia per fare nuove esperienze professionali, ma anche per la necessità di trovare un lavoro immediato. I tempi in Italia – ha concluso Stanziale – sono sempre più lunghi che altrove, nonostante il Tecnico di Laboratorio Biomedico, con la sua preparazione, possa ambire anche ad un’occupazione nel privato, dai laboratori fino alle industrie tecnico-farmaceutiche».

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
Sanità, Cittadini (Aiop): «SSN pilastro fondamentale, Governo lo tuteli»
Secondo la presidente Aiop Cittadini «oltre ai problemi strutturali che affliggono il sistema da anni, la pandemia, la guerra russo-ucraina e la crisi energetica stanno mettendo in grande difficoltà il SSN e più volte abbiamo evidenziato il pericolo che si debba ricorrere al blocco delle prestazioni sanitarie a causa del caro bollette e di una crisi che investe a catena l’intero indotto del settore»
Oltre il 37% dei medici è pronto a lasciare il SSN per lavorare a gettone
Circa 4 medici su 10 sono pronti a lasciare il posto fisso in ospedale per lavorare come gettonisti. È il risultato emerso da un sondaggio flash proposto dalla Federazione CIMO-FESMED ad un campione di 1000 medici. Si rischia di dover celebrare presto il funerale del nostro Servizio sanitario nazionale
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...