Professioni Sanitarie 18 Febbraio 2019

Tecnici di laboratorio, Saverio Stanziale (F.I.Te.La.B.): «Tra titoli non conformi e potenziali abilitanti albo a rischio per il 20% dei professionisti»

Il presidente della Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico: «Fondata un’associazione tecnico-scientifica per evidenziare il valore delle nostre risorse umane»

di Isabella Faggiano

La carriera di quasi 6mila Tecnici di Laboratorio Biomedicoè a rischio. Tanti sono, circa il 20% del totale, coloro che pur lavorando da diversi anni come professionisti del settore, non potranno iscriversi al nuovo albo, così come previsto dalla legge Lorenzin. «I loro titoli non sono conformi alle nuove normative – ha spiegato Saverio Stanziale, presidente F.I.Te.La.B., la Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico». Ma gli ostacoli da superare non sono gli stessi per tutti: «I professionisti non scrivibili all’albo – ha aggiunto Stanziale – possono essere divisi in tre diverse categorie: i titoli non conformi, potenziali abilitanti e gli abusivi alla luce del sole. I Tecnici di Laboratorio Biomedico con titoli non conformi sono davvero pochi: non arrivano a coprire nemmeno l’1% del totale dei professionisti che, in Italia, è stimato intorno alle 28mila unità. Sono molti di più, invece, coloro che hanno conseguito un diploma professionale, equipollente fino al 1985, poi inserito nel bando ministeriale di equivalenza del 2011. Questo decreto permetteva, e permette tutt’ora, di essere iscritti all’albo. Coloro che, in quel periodo, non ne hanno usufruito, oggi si trovano in difficoltà». Come aiutare questi professionisti ad abbandonare questa terra di mezzo non è ancora chiaro, ma ha assicurato il presidente F.I.Te.La.B., «la Federazione ha la volontà di risolvere il problema ed è già scesa in campo per affrontare la questione attraverso i canali istituzionali, così da poter trovare la formula più adeguata di risoluzione».

E sempre per affrontare questa importante fase di cambiamento la Federazione ha fondato anche un’Associazione tecnico-scientifica: «Alla luce della legge 24 del 2017 sulla responsabilità professionale ed a seguito della costituzione del nuovo albo – ha commentato Stanziale – abbiamo ipotizzato che fosse necessario creare un’associazione tecnico scientifica, da accreditare nell’elenco ministeriale specifico. Il nostro obiettivo primario è porre l’attenzione sulle competenze avanzate professionali che dovrebbero essere previste nel nuovo contratto nazionale di lavoro e, soprattutto, evidenziare il valore delle nostre risorse umane». Un potenziale che se non valorizzato rischia di sommarsi a quello di tanti altri italiani che decidono di “fuggire” all’estero in cerca di una posizione lavorativa più adeguata alle loro esigenze. «Dai dati in nostro possesso – ha sottolineato il presidente F.I.Te.La.B. – a circa due-tre anni dalla laurea il 75-80% dei nostri professionisti trova una collocazione all’interno del Sistema Sanitario Nazionale, di solito tra i posti più ambiti dalla categoria. Ma non sono pochi coloro che, nell’attesa, decidono di andare all’estero, sia per fare nuove esperienze professionali, ma anche per la necessità di trovare un lavoro immediato. I tempi in Italia – ha concluso Stanziale – sono sempre più lunghi che altrove, nonostante il Tecnico di Laboratorio Biomedico, con la sua preparazione, possa ambire anche ad un’occupazione nel privato, dai laboratori fino alle industrie tecnico-farmaceutiche».

Articoli correlati
Coronavirus, Brancaccio (Università del Sannio): «Acquisire e rendere subito pubblici i brevetti di ricerca delle aziende farmaceutiche»
Insieme ad altri colleghi, l’economista ha firmato un piano di rilancio “anti-virus”, pubblicato sul Financial Times: «Combattere i “free riders” che speculano e intervenire, con forti investimenti, sul settore sanitario e sulla ricerca»
Coronavirus: il SSN e i suoi professionisti, i nostri eroi
di Filippo Marco Tambasco, Segretario Ordine TSRM e PSTRP di Salerno
di Filippo Marco Tambasco, Segretario Ordine TSRM e PSTRP di Salerno
Fondo sanitario, Bonaccini: «Regioni danno il via al riparto di oltre 113 miliardi. 116 i miliardi previsti per il 2020»
Il Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome ha dichiarato: «Segnale importante per il Paese, di attenzione concreta in un momento così grave per la salute dei cittadini»
Coronavirus, Collina: «Epidemia è stress test per sistema. Regionalismo sanitario inadeguato ad affrontare emergenza»
Parla il Presidente della Commissione Sanità del Senato Stefano Collina (PD): «Gratitudine e sostegno a operatori in prima linea». Poi promuove le norme dell’esecutivo. Commissione per ora non convocata: «Ogni giorno salta fuori un eletto positivo, attività Parlamento non centrale in questa fase. Ma bisogna pensare alla gestione della partecipazione democratica in queste situazioni»
La sanità è ancora pubblica: una lezione dal Covid-19
La recente insorgenza pandemica del Covid-19 ha mostrato, nei Paesi più colpiti quali l’Italia, l’importanza del sistema pubblico sanitario e della ricerca. Ciò, a dispetto della recente direzione verso il servizio privatizzato, o a prestazione, che aveva messo in dubbio l’efficacia del sistema di “welfare state”
di Luca Mazzacane
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...