Politica 30 Ottobre 2019 18:00

Oncologia, Sileri: «Rinnovati fondi per farmaci innovativi e oncologici per il prossimo triennio»

Al Congresso Aiom il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri ha aperto ai farmaci biosimilari in oncologia: «Sì all’inizio del trattamento, da valutare con lo specialista per i pazienti più difficili. Hanno la stessa efficacia e sicurezza con un risparmio maggiore»

Oncologia, Sileri: «Rinnovati fondi per farmaci innovativi e oncologici per il prossimo triennio»

«Sia il Fondo per i farmaci oncologici innovativi sia quello per gli innovativi non oncologici saranno rinnovati per il triennio 2021-2023». Lo ha annunciato il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri intervenendo al Congresso Aiom (Associazione italiana oncologia medica) che si è svolto al Marriott Hotel di Roma, ha confermato lo stanziamento di 500 milioni di euro all’anno per rifinanziare nei prossimi tre anni sia il Fondo destinato ai farmaci oncologici sia quello per i farmaci innovativi.

Sileri ha tracciato, nell’intervista a Sanità Informazione, la linea da seguire per garantire al maggior numero di pazienti l’accesso alle terapie più innovative: «Porre attenzione a tutto il percorso oncologico, puntare sulla prevenzione primaria e secondaria e sui corretti stili di vita, investire in screening su tutto il territorio nazionale».

Senatore Sileri, quali sono i punti critici, ancora, del percorso oncologico e su cosa bisogna lavorare?

«Bisogna lavorare su tutti i punti, anche quelli non critici, affinché non diventino critici in futuro. È necessario diffondere la cultura della prevenzione primaria attraverso corretti stili di vita e lotta al tabagismo, che è responsabile di gran parte dei tumori. Va fatto un controllo del territorio, del clima e dell’ambiente. Con la cosiddetta prevenzione secondaria si mira a individuare la malattia quando è più facilmente curabile e si raggiunge attraverso campagne di screening più efficaci e più compartecipate soprattutto al sud. Spesso, infatti, in queste zone vengono fatte a macchia di leopardo e i pazienti non vanno a fare i controlli che vengono proposti. Dobbiamo invogliare i pazienti a farli e ampliare le campagne di screening. E poi, bisogna lavorare su tutto il percorso della cura e della terapia: più innovazione tecnologiche, più disponibilità di farmaci con un uso corretto dei farmaci stessi e tutti i percorsi a valle della dimissione del paziente. Questo significa aiutare le famiglie che sborsano soldi per aiutarsi o aiutare chi in casa è malato, migliorare l’accesso alle cure palliative e palliative pediatriche e la terapia del dolore. Bisognerà potenziare a ogni livello le risorse destinate alla cura del paziente oncologico così come sarà necessario allocare risorse per il controllo adeguato dei pazienti che sono sopravvissuti al tumore e individuare i fattori di rischio nelle famiglie».

Il fondo per i farmaci innovativi sarà confermato?

«Sì. Stiamo parlando di 500 milioni di euro per i farmaci innovativi e 500 milioni di euro l’anno per i farmaci oncologici per il triennio 2021-2023».

Sì ai farmaci biosimilari?

«Certamente sì. I farmaci che hanno un’equivalenza dal punto di vista terapeutico e di sicurezza e hanno un costo inferiore devono far parte dell’armamentario terapeutico dei nostri medici, almeno come primo trattamento. Per i pazienti più difficili o che hanno già fatto switches farmacologici o in remissione, i biosimilari sono una possibilità da valutare insieme allo specialista. Questo verrà valutato poi da chi segue il paziente, ma avere a disposizione farmaci a un costo inferiore con medesima efficacia consente di ampliare la platea di soggetti che possono beneficiare di quelle terapie».

LEGGI: CONGRESSO AIOM, FOCUS SUL TUMORE AL SENO. LUCA GIANNI (SAN RAFFAELE): «L’IMMUNOTERAPIA HA RISULTATI SU CANCRO METASTATICO»

Articoli correlati
Recupero interventi chirurgici, ecco cosa prevede il documento al vaglio del Ministero della Salute
Il Ministero della Salute sta valutando il piano di recupero degli interventi chirurgici saltati a causa della pandemia, prodotto dal Tavolo tecnico sulla chirurgia generale istituito dal Sottosegretario Sileri. Tra i punti elencati: nuove risorse per assunzioni, retribuzioni degli straordinari, sale operatorie sempre aperte e deroga ai tetti che limitano le prestazioni delle strutture private convenzionate
Mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2, nasce il registro italiano dei portatori
Assegnata a Francesca Doyle giovane studentessa di biologia la prima borsa di studio in ricordo di Fabiana Gregori socia fondatrice dell’associazione aBRCAdabra che per prima ha avuto l’intuizione di mappare i soggetti con queste caratteristiche. Il registro nazionale sarà seguito dai medici: Alberta Ferrari del Policlinico San Matteo di Pavia, Domenica Lorusso del Policlinico Gemelli di Roma e Matteo Lambertini del San Martino di Genova
Sileri risponde all’appello dei chirurghi: «Stiamo lavorando per recupero degli interventi chirurgici saltati»
«La riduzione degli interventi chirurgici in Italia è drammatica - spiega Francesco Basile, presidente della Società italiana di chirurgia -. Posti letto di chirurgia dimezzati, blocco dei ricoveri, infermieri e anestesisti trasferiti ai reparti Covid. Spesso non è possibile operare neanche i pazienti con tumore»
«Quel neo può essere un melanoma, per favore fatti controllare». Tifosa salva la vita all’assistente dei Canucks
Durante una partita di NHL, una futura dottoressa nota un neo sospetto sul collo di Brian Hamilton, uno degli assistenti dei Vancouver Canucks e lo avverte dagli spalti. Era un melanoma. Per lei una borsa di studio di Medicina dalle due squadre
Prevenzione andrologica, gli uomini ne fanno poca. In loro aiuto arriva “Wikipene” con tutto ciò che c’è da sapere
Il volume, pensato per uomini di tutte le età, è stato presentato in Senato. Annamaria Parente (Presidente Commissione Igiene e Sanità): «Un ragazzo su tre può avere problemi andrologici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre