Salute 22 Agosto 2018

Cure palliative, terapie innovative e progressi della scienza: tutto questo al Meeting di Rimini

Ben 148 incontri, 14 mostre, 2.500 volontari all’opera e 397 relatori. Sono solo alcuni dei numeri del festival romagnolo in corso dal 19 al 25 agosto

Immagine articolo

Ben 148 incontri, 14 mostre, 2.500 volontari all’opera e 397 relatori. Sono solo alcuni dei numeri del Meeting di Rimini in corso dal 19 al 25 agosto organizzato da Comunione e liberazione e giunto alla 39ma edizione. Nell’ambito del festival uno spazio d’eccezione è dedicato all’Arena salute, momento di approfondimento e dibattito su temi caldi medico-scientifici come l’accesso ai farmaci, la cronicità in aumento, vaccini, nutrizione, ricerca, tecnologie e nuove scoperte.

Da segnalare l’incontro ‘Carità e scienza: il mistero della relazione di cura’, moderato da Felice Achilli, presidente di Medicina e Persona, responsabile di Cardiologia Clinica all’Ospedale San Gerardo di Monza. Oggetto del dibattito l’importanza da parte del medico di mantenere un approccio professionale serio ma allo stesso tempo umano e solidale nei confronti del paziente. Sul tema quattro testimoni hanno raccontato le proprie esperienza personali e professionali: Andrea Mariani, professor in Obstetric and Gynecologic Division of Gynecologic Surgery, Chair for Research, Department for Obstetrics and Gynecology, Mayo Clinic Rochester, Minnesota; Roberto Bernabei, presidente di Italialongeva; Mariella Enoc, presidente dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù; Rose Busingye, infermiera e responsabile del Meeting Point International di Kampala.

Altro spazio seguitissimo l’incontro sulle cure palliative ‘Curare il dolore o la persona sofferente?’, introdotto da Paola Marenco, dell’Associazione Medicina e Persona che si è focalizzato sulla figura di Cicely Saunders – di cui il Meeting ospita una mostra –, infermiera britannica che, alla luce della sua poliedrica esperienza in campo medico-assistenziale, ha favorito un approccio globale al dolore del paziente, così come al suo bisogno.

Altro personaggio chiave nell’ambito della medicina italiana e mondiale, Giancarlo Rastelli, cardiochirurgo e scienziato italiano – operativo nella seconda metà del XX secolo – inventore di sofisticate tecniche d’intervento cardiaco-pediatriche su cui si è incentrato il dibattito moderato da Giorgio Bordin, Responsabile Medico di Reumatologia all’Hospital Piccole Figlie di Parma. Ad intervenire anche Paolo Ciliberti, Cardiologo Pediatra all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù; Fiore Salvatore Iorio, Direttore del Dipartimento Medico Chirurgico di Cardiologia Pediatrica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e Giovanni Lucertini, Studente di Medicina all’Università degli Studi di Bologna.

Articoli correlati
#UnGiornoCon | Assistente Sociale. Dentro le fragilità: il viaggio di Adelard, dalla Nigeria all’Italia fino alla diagnosi di tumore incurabile
Il lavoro di un assistente sociale all’interno di un hospice di cure palliative. Chiara Pilotti (assistente sociale): «Il nostro intervento in un contesto del genere è una corsa contro il tempo. Ce n’è pochissimo dal primo contatto al decesso del paziente: in media abbiamo a disposizione circa venti giorni per organizzare l’intera assistenza»
di Isabella Faggiano
Piano nazionale cronicità, Fnopi: «Manca in 5 Regioni, ancora troppe differenze territoriali»
«Le malattie croniche nel 2020 si stima che rappresenteranno l’80% di tutte le patologie nel mondo. Impegnano il 70-80% delle risorse sanitarie a livello mondiale. In Europa sono responsabili dell’86% di tutti i decessi e di una spesa sanitaria annua valutabile in 700 miliardi di euro; 24 milioni le persone che in Italia nel 2017 […]
Anziani cronici, Bernabei (Italia Longeva): «Un oliato percorso di continuità assistenziale è una forma di efficientamento del sistema e un servizio concreto per il cittadino»
La rete dell’assistenza a lungo termine agli anziani, per funzionare bene, deve disporre di servizi di assistenza domiciliare (ADI) e residenzialità assistita (RSA) adeguati e diffusi sul territorio. Essi rappresentano uno dei pilastri su cui si fondano sostegno e cure offerte agli anziani, eppure risultano ancora carenti rispetto ai 14 milioni di anziani residenti in […]
Lombardia, dal Governo 672 mln per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Riorganizzazione Pronto soccorso e più medici, aspettando l’autonomia»   
Il presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia, Emanuele Monti, spiega come saranno utilizzate le risorse stabilite con l’intesa governo-regioni: «Un collegamento più vicino alle persone, all’ospedale-territorio, la presa in carico della cronicità, quel 30% dei pazienti che assorbono il 70/80% delle risorse economiche». Sulla carenza di medici: «Autonomia differenziata potrebbe aiutarci»
di Federica Bosco
Fine vita, Penco (Sicp): «La legge sull’eutanasia non è una priorità. Prima occorre incrementare le cure palliative»
Il presidente della Società italiana di cure palliative: «Solo quando le leggi già approvate saranno pienamente attuate e il cittadino avrà a disposizione tutti i servizi a cui ha diritto, allora sarà possibile fare un’analisi delle reali richieste di eutanasia»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...