Salute 25 Ottobre 2018 10:16

Cure palliative, accesso solo per 5% bimbi italiani. L’appello della Fondazione Maruzza: «Applichiamo Legge contro dolore»

Presentate al Congresso internazionale sulle cure palliative pediatriche le nuove linee guida OMS, redatte dalla dottoressa Joan Marston: «Aiutano a creare una rete che possa mettersi a disposizione di ognuno dei 21 milioni di bambini che, nel mondo, ne hanno bisogno»

Cure palliative, accesso solo per 5% bimbi italiani. L’appello della Fondazione Maruzza: «Applichiamo Legge contro dolore»

L’Italia ha la Legge migliore d’Europa in tema di cure palliative pediatriche, eppure solo il 5% dei bambini che ne ha diritto vi ha accesso. Gli hospice pediatrici funzionanti su tutto il territorio nazionale, poi, sono quattro, a fronte di 30mila bambini che ne avrebbero bisogno. Il messaggio lanciato dalla Fondazione Maruzza Lefebvre D’Ovidio Onlus in occasione del suo IV Congresso internazionale, in corso a Roma con esperti mondiali provenienti da oltre 55 Paesi dei 5 continenti, è quindi inequivocabile, ed è ben sintetizzato dalle parole della dottoressa Joan Marston, presente all’incontro: «I bambini non devono soffrire. Abbiamo le conoscenze e le capacità per far sì che questo non avvenga e aiutare i 21 milioni di bambini che, nel mondo, hanno bisogno di cure palliative, del tutto assenti nel 65% dei Paesi».

Per contribuire a raggiungere questo risultato, al Congresso della Fondazione Maruzza, l’appuntamento internazionale più importante nel campo, sono state presentate in anteprima mondiale le nuove linee guida dell’OMS sulle cure palliative pediatriche, che la dottoressa Marston ha contribuito a redigere. «L’obiettivo di questa guida – spiega ai nostri microfoni – è riuscire a creare una rete che possa immettersi nei sistemi sanitari già preesistenti. Non tratta di cure o terapie specifiche, ma intende proprio presentare un sistema che possa mettersi a disposizione di ogni bambino che ha bisogno di cure palliative».

L’Italia, con la Legge 38/2010, ha decretato che tutti i cittadini hanno il diritto all’accesso alla terapia del dolore e alle cure palliative, sancendo la specificità pediatrica. Purtroppo gran parte della popolazione non è al corrente di questo diritto. «Le ragioni sono anche culturali – ci spiega Franca Benini, presidente del Congresso e responsabile del Centro di riferimento Veneto di terapia del dolore e cure palliative pediatriche -. Le cure palliative fanno paura, e quindi si cerca di evitarle. C’è una grossa carenza di formazione sul tema, anche dei medici e degli operatori sanitari, le cui conoscenze in materia sono spesso scarse. E poi c’è una grande carenza di informazione».

Un’ignoranza che, forse, inizia dal significato stesso di “cure palliative”, che non sono cure di fine vita, ma hanno lo scopo di controllare i sintomi, compreso il dolore, che ogni paziente affetto da malattia cronica o inguaribile può manifestare, offrendo quindi alla persona malata la migliore qualità di vita possibile. Come spiega la Fondazione, «sono un’innovativa e sostanziale visione di cura insieme alla medicina attiva, e rappresentano una componente dell’assistenza sanitaria basata sul concetto umano della dignità, dell’autonomia, dei diritti umani, dei diritti civili, dei diritti del paziente e della percezione e concezione condivisa della solidarietà e coesione sociale».

«Per noi è un cruccio che il diritto alle cure palliative resti ancora insoddisfatto – commenta il segretario generale della Fondazione Elena Castelli -, ma continueremo a portare avanti questa battaglia. Sicuramente questi congressi a livello internazionale possono aiutarci molto: quest’anno abbiamo avuto ancora più adesioni e sono sempre di più i giovani che si interessano all’argomento. Cosa che ci riempie di gioia, perché significa che il movimento sta crescendo».

LEGGI ANCHE: GIORNATA DEL SOLLIEVO, MORGANTE (FONDAZIONE GHIROTTI): «TENDIAMO UNA MANO A CHI SOFFRE. È PER LA DIGNITÀ DEL PAESE»

Articoli correlati
Vaccini, Oms e Unicef: “Oltre 120mila bambini a ‘dose zero” tra Europa e Asia Centrale”
La specialista regionale dell'UNICEF per le vaccinazioni in Europa e Asia Centrale: "Non c’è ragione per cui i bambini debbano correre il rischio di morire per malattie prevenibili con un vaccino. Dare priorità ai finanziamenti e investimenti sui programmi di immunizzazione e sistemi sanitari”
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Oms: «Da diete malsane 8 milioni di morti». Schillaci: «Alimentazione mediterranea va studiata a scuola»
In occasione della sessione «Healthy Diets, Cultures and Tradition: Lessons from the Mediterranean Diet», prevista nell'ambito del vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite, il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus sottolinea l'importanza di seguire una dieta sana
Covid, Oms Europa: sono 36 milioni i cittadini con Long Covid, continuare con vaccini
La pandemia è stata ufficialmente dichiarata conclusa, ma ancora oggi ci sono ben mille morti a settimana in Europa. Nel frattempo, sale anche il conteggio delle vittime del Long Covid, la sindrome post-infezione, che in 3 anni è arrivata a colpire 36 milioni di persone, sempre in Europa, 1 persona su 30. Questi sono alcuni dei dati presentati questa mattina da Hans Kluge, direttore dell'Ufficio regionale europeo dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms)
Covid: Oms, Acrux diventa variante sotto monitoraggio
L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha inserito dal 18 maggio la variante XBB.2.3 di Sars-CoV-2, battezzata Acrux dagli esperti sui social, fra le varianti sotto monitoraggio (Vum), dopo che questo mutante è cresciuto nell’arco di 5 settimane, da 1,8% del totale sequenze rilevate nel mondo a 4,64% (ultimo dato, relativo al 24-30 aprile). E’ quanto […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...