Salute 25 Ottobre 2018

Cure palliative, accesso solo per 5% bimbi italiani. L’appello della Fondazione Maruzza: «Applichiamo Legge contro dolore»

Presentate al Congresso internazionale sulle cure palliative pediatriche le nuove linee guida OMS, redatte dalla dottoressa Joan Marston: «Aiutano a creare una rete che possa mettersi a disposizione di ognuno dei 21 milioni di bambini che, nel mondo, ne hanno bisogno»

Immagine articolo

L’Italia ha la Legge migliore d’Europa in tema di cure palliative pediatriche, eppure solo il 5% dei bambini che ne ha diritto vi ha accesso. Gli hospice pediatrici funzionanti su tutto il territorio nazionale, poi, sono quattro, a fronte di 30mila bambini che ne avrebbero bisogno. Il messaggio lanciato dalla Fondazione Maruzza Lefebvre D’Ovidio Onlus in occasione del suo IV Congresso internazionale, in corso a Roma con esperti mondiali provenienti da oltre 55 Paesi dei 5 continenti, è quindi inequivocabile, ed è ben sintetizzato dalle parole della dottoressa Joan Marston, presente all’incontro: «I bambini non devono soffrire. Abbiamo le conoscenze e le capacità per far sì che questo non avvenga e aiutare i 21 milioni di bambini che, nel mondo, hanno bisogno di cure palliative, del tutto assenti nel 65% dei Paesi».

Per contribuire a raggiungere questo risultato, al Congresso della Fondazione Maruzza, l’appuntamento internazionale più importante nel campo, sono state presentate in anteprima mondiale le nuove linee guida dell’OMS sulle cure palliative pediatriche, che la dottoressa Marston ha contribuito a redigere. «L’obiettivo di questa guida – spiega ai nostri microfoni – è riuscire a creare una rete che possa immettersi nei sistemi sanitari già preesistenti. Non tratta di cure o terapie specifiche, ma intende proprio presentare un sistema che possa mettersi a disposizione di ogni bambino che ha bisogno di cure palliative».

L’Italia, con la Legge 38/2010, ha decretato che tutti i cittadini hanno il diritto all’accesso alla terapia del dolore e alle cure palliative, sancendo la specificità pediatrica. Purtroppo gran parte della popolazione non è al corrente di questo diritto. «Le ragioni sono anche culturali – ci spiega Franca Benini, presidente del Congresso e responsabile del Centro di riferimento Veneto di terapia del dolore e cure palliative pediatriche -. Le cure palliative fanno paura, e quindi si cerca di evitarle. C’è una grossa carenza di formazione sul tema, anche dei medici e degli operatori sanitari, le cui conoscenze in materia sono spesso scarse. E poi c’è una grande carenza di informazione».

Un’ignoranza che, forse, inizia dal significato stesso di “cure palliative”, che non sono cure di fine vita, ma hanno lo scopo di controllare i sintomi, compreso il dolore, che ogni paziente affetto da malattia cronica o inguaribile può manifestare, offrendo quindi alla persona malata la migliore qualità di vita possibile. Come spiega la Fondazione, «sono un’innovativa e sostanziale visione di cura insieme alla medicina attiva, e rappresentano una componente dell’assistenza sanitaria basata sul concetto umano della dignità, dell’autonomia, dei diritti umani, dei diritti civili, dei diritti del paziente e della percezione e concezione condivisa della solidarietà e coesione sociale».

«Per noi è un cruccio che il diritto alle cure palliative resti ancora insoddisfatto – commenta il segretario generale della Fondazione Elena Castelli -, ma continueremo a portare avanti questa battaglia. Sicuramente questi congressi a livello internazionale possono aiutarci molto: quest’anno abbiamo avuto ancora più adesioni e sono sempre di più i giovani che si interessano all’argomento. Cosa che ci riempie di gioia, perché significa che il movimento sta crescendo».

LEGGI ANCHE: GIORNATA DEL SOLLIEVO, MORGANTE (FONDAZIONE GHIROTTI): «TENDIAMO UNA MANO A CHI SOFFRE. È PER LA DIGNITÀ DEL PAESE»

Articoli correlati
Vaccini, OMS e UNICEF: «20 milioni di bambini non sono immunizzati»
Sono venti milioni i bambini che, in tutto il mondo, nel 2018 non hanno ricevuto i vaccini salvavita, come quelli contro il morbillo, la difterite o il tetano. Oltre il 10% della popolazione infantile mondiale. Secondo quanto emerso dai nuovi dati pubblicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dall’UNICEF, dal 2010 le percentuali di copertura delle […]
#UnGiornoCon | Assistente Sociale. Dentro le fragilità: il viaggio di Adelard, dalla Nigeria all’Italia fino alla diagnosi di tumore incurabile
Il lavoro di un assistente sociale all’interno di un hospice di cure palliative. Chiara Pilotti (assistente sociale): «Il nostro intervento in un contesto del genere è una corsa contro il tempo. Ce n’è pochissimo dal primo contatto al decesso del paziente: in media abbiamo a disposizione circa venti giorni per organizzare l’intera assistenza»
di Isabella Faggiano
Il 60% degli italiani non pratica attività fisica regolare. Parte la campagna di ONDA contro la sedentarietà
In Italia la sedentarietà è responsabile del 14,6% di tutti i decessi (90.000 morti all’anno) e costa al SSN 1,6 miliardi di euro. Il 60% degli italiani non pratica attività fisica corretta e regolare e quindi è a rischio. Per prevenire la sedentarietà Fondazione Onda ha stilato il Manifesto contro la sedentarietà e rende disponibile negli ospedali con i Bollini Rosa e online la brochure “Smettere di essere sedentario: è facile se sai come farlo”
D’Amato (Regione Lazio): «Potenziamo la rete delle ASL per contrastare abusi e maltrattamenti a danni dei minori»
Alessio D’Amato, l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, ha presentato il Decreto del commissario ad acta pubblicato sul BURL n° 43 del 28 maggio 2019 sulla Rete sanitaria regionale per il contrasto all’abuso, al maltrattamento e al bullismo ai danni dei minori alla presenza dell’Assessore regionale alle Pari Opportunità Lorenza Bonaccorsi, lo […]
Salute, Oms inserisce lo ‘stress da lavoro’ nell’elenco delle malattie
Lo ha stabilito l'Organizzazione mondiale della Sanità dopo decenni di studi. Il primo ad occuparsi di burnout è stato lo psicologo Herbert Freudenberger nel 1974
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...