Salute 11 gennaio 2018

Farmaci innovativi e oncologici, al via il monitoraggio degli effetti sul costo del percorso terapeutico-assistenziale

Da gennaio ad agosto 2017, spesi circa 1 miliardo e 200 milioni di euro. Fasola: «Anche se finora ce l’abbiamo fatta, dobbiamo definire un livello di sostenibilità accettabile per il SSN e riorientare su questo le negoziazioni dei prezzi»

Immagine articolo

Un farmaco è innovativo se ha un valore terapeutico aggiunto, rispetto alle altre terapie disponibili, nel trattamento di una patologia grave. Sono questi i criteri che l’Agenzia Italiana del Farmaco segue per attribuire il carattere di innovatività ai farmaci. Come riporta il documento recentemente adottato dalla Conferenza Stato-Regioni, il riconoscimento del requisito dell’innovatività dei farmaci ha una durata massima di trentasei mesi, ma l’AIFA predispone e aggiorna mensilmente gli elenchi di riferimento dei medicinali innovativi e oncologici innovativi.

Ma quanto pesano sulla spesa farmaceutica? Secondo quanto riportato dal Rapporto dell’AIFA sul monitoraggio della spesa farmaceutica nel periodo gennaio-agosto 2017 (l’ultimo disponibile), l’Italia ha speso quasi 950 milioni di euro per i farmaci innovativi non oncologici e oltre 250 milioni per gli innovativi oncologici. Sempre il documento della Stato-Regioni decreta, poi, che «con cadenza trimestrale ed entro i 15 giorni successivi alla scadenza dei primi tre trimestri di ogni anno, tenuto anche conto della possibilità data al paziente di effettuare il trattamento in una o più regioni e province autonome diverse da quella di residenza, l’AIFA fornisce al Ministero della Salute – Direzione Generale della Programmazione sanitaria – i dati relativi alla spesa di competenza di ciascuna regione e provincia autonoma, distinti per i residenti e per i non residenti».

La Legge di Bilancio 2018 ha inoltre introdotto il monitoraggio degli effetti dell’utilizzo dei farmaci innovativi e innovativi oncologici sul costo del percorso terapeutico-assistenziale complessivo. Il Ministero della salute, in collaborazione con il Ministero dell’economia, avvierà infatti per il triennio 2018-2020 il monitoraggio sperimentale in tal senso, che farà capo al Comitato permanente per la verifica dell’erogazione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea). «L’obiettivo – si legge nella relazione illustrativa – è documentare gli effetti economico-assistenziali dell’introduzione dei farmaci innovativi, al fine di calcolare i relativi costi sanitari risparmiati per ogni voce di attività assistenziale sanitaria». Il monitoraggio sarà poi funzionale ad una migliore allocazione delle risorse e al dimensionamento dei fondi per i farmaci innovativi e farmaci innovativi oncologici.

«Anche se il tema di una migliore allocazione delle risorse programmate per il Ssn è sicuramente uno degli obiettivi da perseguire da parte di ciascun sistema sanitario – ricorda il XII Rapporto Meridiano Sanità di The European House-Ambrosetti -, l’obiettivo prioritario deve rimanere il miglioramento degli outcome di salute dei cittadini».

E questo è il concetto ribadito anche da Gianpiero Fasola, Direttore del Dipartimento di Oncologia presso l’Azienda ospedaliera universitaria di Udine, intervistato da Sanità Informazione: «Negli ultimi dieci anni alcuni farmaci hanno rappresentato davvero un cambiamento radicale delle prospettive dei pazienti, ma non tutti, purtroppo. In ogni caso però si tratta di farmaci che hanno costi molto elevati, quindi credo che sia legittimo che i servizi sanitari si interroghino su quale sia il giusto valore da pagare e quali siano le aree meno meritevoli di investimento. In sanità infatti dobbiamo sempre ricordarci che ogni euro che spendiamo lo togliamo a qualche altra cosa potenzialmente molto utile».

«Finora – prosegue – in qualche modo siamo riusciti a mantenere un buon rapporto tra la sostenibilità del SSN e i farmaci oncologici, anche se abbiamo pagato il prezzo del ritardo dell’introduzione, in Italia, di alcuni farmaci che avevano un elevato valore. Ed è proprio ‘valore’, secondo me, la parola chiave alla quale legarsi per il futuro, perché, anche se finora ce l’abbiamo fatta, la dinamica dei costi resta insostenibile e quindi qualche provvedimento per affrontare questo tema bisognerà prenderlo. Io credo che dovremmo partire dal definire quale sia un livello di sostenibilità accettabile per il nostro servizio sanitario e riorientare su questo le negoziazioni dei prezzi», conclude.

Articoli correlati
Salute, 4,5 mln colpiti da osteoporosi. Ogni 3 secondi una frattura
In Italia circa 3,5 milioni di donne e 1 milione di uomini sono affetti da osteoporosi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità a causa di questa malattia ogni 3 secondi si verifica una frattura di femore, polso o vertebra: nel nostro Paese, ogni anno, negli over 50 quelle di femore sono più di 90mila mentre sono […]
Giornata mondiale della malattia di Alzheimer: nuove speranze per la prevenzione della patologia
La diagnosi della malattia di Alzheimer cambia la vita delle persone, non solo di quelle colpite ma anche dei loro cari. In tutto il mondo, più di 44 milioni di persone soffrono di demenza: la Malattia di Alzheimer ne rappresenta la forma più comune e costituisce una delle sfide sanitarie più grandi da affrontare. Ogni […]
La medicina incontra il futuro: alla Sapienza nasce il Centro di ricerca STITCH
Nasce STITCH – Sapienza Information-Based Technology InnovaTion Center for Health – il primo centro di ricerca targato Sapienza che coniuga la medicina con le più innovative tecnologie dell’informazione, come la network medicine, i big data, la realtà virtuale, l’intelligenza artificiale e la robotica. Il nuovo Centro, frutto della collaborazione tra dipartimenti di area ingegneristica, informatica […]
Regno Unito, effetto Brexit sulla farmaceutica: Ema taglia fuori GB da contratti futuri
L’Agenzia europea del farmaco spiega di aver preso questa decisione perché non sa se la Gran Bretagna continuerà a lavorare con i Paesi Ue nel settore farmaceutico dopo il marzo 2019
Aifa senza vertici a settembre? Il ministero della Salute: «Presto indicazione nuovo Dg. Operatività Agenzia garantita»
Dopo le dimissioni del presidente Stefano Vella e l'imminente scadenza del mandato dell'attuale Direttore generale Mario Melazzini, le associazioni di pazienti temono l'impossibilità di ottenere autorizzazioni necessarie per alcuni farmaci. Ma il ministero le tranquillizza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...