Voci della Sanità 24 Giugno 2022 09:16

Sangue, in Italia su dieci donatori solo tre sono donne. Eppure sono le candidate ideali per il plasma

Il messaggio dalla convention “Donne protagoniste in sanità”: donare è un gesto che fa del bene agli altri e a se stesse, permettendo di fare screening e prevenzione

«In Italia solo il 33% di chi dona sangue è donna, mentre per esempio in Spagna è il 51%», e anche negli altri paesi europei il numero delle donatrici è largamente superiore. Alla base, spiega il direttore del Centro Nazionale Sangue, Vincenzo De Angelis, a margine della convention “Donne protagoniste in sanità” c’è il fatto che la donazione del sangue nelle donne porta via un patrimonio di ferro che nel sesso femminile è già più basso a causa delle mestruazioni.

Nell’età fertile, peraltro, alla donna serve un patrimonio di ferro superiore rispetto agli uomini anche per la gravidanza e l’allattamento. Questa differenza di fisiologia può spiegare dunque la minore tendenza femminile a donare, analizza De Angelis. Però c’è una donazione che sembra “fatta apposta” per il sesso femminile, precisa, perché le donne hanno più plasma rispetto all’uomo. Non va poi dimenticato che la donazione di plasma è strategica per produrre farmaci ed emoderivati, per questo il direttore del Centro nazionale sangue ammette che forse questo tipo di donazione non è stato sufficientemente comunicato e propagandato alle donne. “Uno dei messaggi che può nascere dalla convention, quindi, è quanto le donne siano fuori da questo mondo, mentre hanno tutto il titolo per entrarci”, è l’auspicio che lancia il dottor De Angelis. «Ci sono moltissime donne direttore dei servizi trasfusionali, quindi è bene pensare che così come dirigono i centri trasfusionali possono anche mandarli avanti, riempiendo le nostre emoteche», conclude.

L’appello alla donazione è condiviso e rilanciato dalla direttrice della Medicina trasfusionale del Policlinico San Martino di Genova e del Centro Regionale Sangue Liguria, Vanessa Agostini: «Abbiamo necessità di colmare questo divario tra uomini e donne nella donazione facendo campagne differenziate di genere per sensibilizzare di più la donna, specie per quanto riguarda il plasma». La dottoressa Agostini ricorda poi che la donazione è anche un momento di screening e prevenzione, quindi «il messaggio che deve passare è che si tratta di un gesto sia per gli altri che per se stesse». Per farlo, prosegue, sarebbero necessarie campagne non solo stagionali. «L’estate è il momento in cui le donazioni sono più in crisi – ricorda – ma questo tipo di comunicazione va fatta tutto l’anno».

I luoghi ideali per le campagne? «Le scuole prima di tutto e le Università, specie le scuole di medicina e delle professioni infermieristiche e tecniche, dove forse più facile coinvolgere», suggerisce Agostini. Una cosa è certa: «Siamo indietro rispetto al resto d’Europa e dobbiamo correre per raggiungere gli altri Paesi. Avere più sangue e più plasma ci renderebbe più autosufficienti e porterebbe anche una riduzione di alcune spese». Basti pensare che le immunoglobuline, che derivano dal plasma, annualmente costano all’Italia 117 milioni di euro. «Attualmente l’Indice donazionale in Italia è 1,7 per il sangue, 2 per il plasma se ci spostassimo a 2 e 3 già recupereremmo una buona fetta di autosufficienza», conclude.

Articoli correlati
PRP: la “centrifuga” che guarisce traumi sportivi (e non solo) in breve tempo
A Sofia Goggia ha permesso di tornare in pista due settimane dopo l’infortunio di Cortina e vincere l’argento alle Olimpiadi di Pechino. Per chi pratica sport amatoriale il plasma ricco di piastrine combinato alla radiofrequenza permette di superare piccoli o grandi traumi muscolari, articolari o tendinei, ma è utile anche per guarire ulcere e alopecia
Mi sono vaccinato contro il Covid-19, posso donare il sangue?
Una persona che si è appena vaccinata contro il Covid-19 può donare il sangue? E se si è positivizzato da poco, quanto deve aspettare per farlo? A queste e altre domande risponde il sito istituzionale del Governo italiano con una serie di faq apposite.
Immunoglobuline, l’allarme: «Prevedibile carenza per ridotta raccolta plasma a livello globale»
Il calo della raccolta ha sfiorato il 20% in ottobre rispetto all’anno precedente. A rischio terapie essenziali per alcuni pazienti
Covid-19, Boldi-Cavandoli-Murelli (Lega): «Governo sblocchi terapie ferme per burocrazia»
Le tre deputate della Lega chiedono di sbloccare le terapie a base di idrossiclorochina e plasma iperimmune
Ricerca scientifica e donazione del sangue, firmato protocollo tra AVIS e AIL
L’accordo prevede incontri di sensibilizzazione nelle scuole e partecipazione alle reciproche iniziative. Briola (AVIS): «Oltre 1.800 pazienti ogni giorno effettuano trasfusioni salvavita grazie all’attività dei nostri donatori». Amadori (AIL): «Siamo molto lieti sia stato firmato un protocollo d’intesa che ci vedrà fianco a fianco, con le nostre migliaia di volontari, nel promuovere reciprocamente iniziative a favore dei pazienti ematologici» 
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...