Salute 20 Aprile 2022 13:00

PRP: la “centrifuga” che guarisce traumi sportivi (e non solo) in breve tempo

A Sofia Goggia ha permesso di tornare in pista due settimane dopo l’infortunio di Cortina e vincere l’argento alle Olimpiadi di Pechino. Per chi pratica sport amatoriale il plasma ricco di piastrine combinato alla radiofrequenza permette di superare piccoli o grandi traumi muscolari, articolari o tendinei, ma è utile anche per guarire ulcere e alopecia

PRP: la “centrifuga” che guarisce traumi sportivi (e non solo) in breve tempo

Sono 22 milioni gli italiani che praticano attività fisica regolarmente e che rischiano di incorrere in piccoli o grandi infortuni come stiramenti muscolari, lesioni del menisco, dei tendini parziali o osteoarticolari. Incidenti di percorso che, se fino a ieri mettevano a dura prova la quotidianità degli atleti e potevano causare anche lunghi stop nella attività sportiva, oggi, grazie alla tecnologia applicata alla medicina, si possono risolvere più velocemente. Novità importanti arrivano infatti da una terapia con plasma ricco di piastrine opportunamente abbinato alla radiofrequenza. Ne sa qualcosa la sciatrice Sofia Goggia che proprio grazie a questa tecnica chiamata PRP è riuscita ad accorciare i tempi di recupero dall’infortunio al ginocchio di Cortina e vincere, due settimane più tardi, l’argento alle Olimpiadi di Pechino.  «È una modalità di utilizzo delle proprietà rigenerative del sangue che negli ultimi anni è stato impiegato per nuove terapie – spiega Eugenio Caradonna Presidente di SIMCRI (società italiana di medicina e chirurgia rigenerativa polispecialistica) -. È utilizzato in ortopedia e quindi per tutti i traumi correlati allo sport».

Una centrifuga ripara danni cellulari

Si preleva una dose di sangue inferiore a 60 cc, si fa confluire in un macchinario apposito dove avviene la centrifuga che permette di separare le componenti del sangue in uno strato di fluido giallo, il plasma, uno di fluido rosso dove sono presenti la maggior parte dei globuli rossi e uno strato sottile di mezzo il buffy coat che rappresenta meno dell’1% del volume totale del campione di sangue, ma contiene la maggior parte dei globuli bianchi e delle piastrine.

«La quantità prelevata non dà problemi al paziente – ammette Caradonna -. L’operazione permette di ottenere tre strati: globuli rossi, lo strato leucocitario-piastrinico che contiene la maggior parte dei globuli bianchi, e la componente mononucleata che presenta cellule staminali. Le piastrine oggi sono considerate dei veri e propri bioreattori in quanto attraverso le sostanze in esse contenute stimolano i processi rigenerativi e riparativi interagendo con le altre componenti presenti nel tessuto e deputate alla riparazione».

Tre infiltrazioni bastano per rigenerare i tessuti

Perché il trattamento dia i suoi effetti devono essere fatte più infiltrazioni, che variano a seconda della patologia. «In media servono tre inoculazioni, ma molto dipende da come reagisce l’organismo», sottolinea il Presidente di SIMCRI.

Privo di effetti collaterali, il trattamento PRP può dare al paziente dolore localizzato nella sede dell’iniezione, ma senza complicanze. «Secondo i protocolli le infiltrazioni devono essere fatte a cadenza quindicinale o mensile -spiega Caradonna – e per rendere più efficace la terapia, recentemente l’innovazione tecnologica ha mostrato che grazie alla radiofrequenza, che attiva le piastrine e incrementa la capacità riparativa, è possibile una ripresa ancora più rapida e completa».

Grande risposta nelle ulcere, alopecia e piede diabetico

La terapia PRP viene utilizzata con successo anche per il trattamento di diverse patologie croniche come il piede diabetico, l’osteoporosi e le osteoartriti, oltre che nella cura delle ulcere e per il trattamento dell’alopecia androgenetica. «Il PRP viene eseguito in strutture autorizzate per poter utilizzare il sangue ad uso non trasfusionale e certificate da SIMCRI», conclude Caradonna.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sangue, in Italia su dieci donatori solo tre sono donne. Eppure sono le candidate ideali per il plasma
Il messaggio dalla convention “Donne protagoniste in sanità”: donare è un gesto che fa del bene agli altri e a se stesse, permettendo di fare screening e prevenzione
Digiuno intermittente, la dietista: «Tagliare le calorie a periodi può aiutare a vivere più a lungo»
La nutrizionista: «Può essere praticato per due giorni alla settimana, non consecutivi, consumando meno di un quarto dell’energia abituale. Oppure si può concentrare l’assunzione di alimenti in 6-8 ore al giorno o mantenere il digiuno notturno di 12 ore»
Con la radiologia interventistica i tumori si “curano” senza bisturi
Si è appena concluso al Policlinico Gemelli di Roma il settimo congresso internazionale MIO-Live dedicato alla radiologia interventistica, procedura mininvasiva che non prevede né anestesia generale, né esposizioni chirurgiche. Il professore Roberto Iezzi spiega tipologie di trattamenti, ambiti di applicazione, pazienti eleggibili e ultime innovazioni
Il freddo può aiutare alcuni pazienti. Cos’è la crioterapia total body
Uno studio europeo guidato dall’Istituto Auxologico di Milano mira a studiare i benefici effetti della crioterapia total body su patologie invalidanti come artrosi, sclerosi multipla, morbo di Parkinson, artrite reumatoide, obesità e fibromialgia
Allattamento al seno, va garantito anche in caso di ricovero. Ecco come
L’interruzione dell’allattamento al seno nuoce alla salute di mamme e piccoli. Dal Gruppo di lavoro multiprofessionale coordinato dal Tavolo Tecnico Operativo interdisciplinare (TAS) del Ministero della Salute le linee di indirizzo per consentire alla madre di stare con il suo bambino in caso di ospedalizzazione e viceversa
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...