OMCeO, Enti e Territori 23 maggio 2018

Ulcera del piede diabetico: ecco il trattamento innovativo

Lo studio clinico europeo EXPLORER è il primo studio a dimostrare l’efficacia di una medicazione (UrgoStart®) nella guarigione dell’ulcera del piede diabetico. UrgoStart® aumenta del 60% il numero di ulcere cicatrizzate rispetto a un trattamento standard realizzato correttamente e riduce il tempo di guarigione di 60 giorni in confronto a una durata media di 180 giorni […]

Lo studio clinico europeo EXPLORER è il primo studio a dimostrare l’efficacia di una medicazione (UrgoStart®) nella guarigione dell’ulcera del piede diabetico. UrgoStart® aumenta del 60% il numero di ulcere cicatrizzate rispetto a un trattamento standard realizzato correttamente e riduce il tempo di guarigione di 60 giorni in confronto a una durata media di 180 giorni con un protocollo standard (gruppo di controllo).

Rappresenta quindi un progresso terapeutico di cruciale importanza per i pazienti affetti da ulcera del piede diabetico e per i professionisti della salute che trattano questa patologia.

L’ulcera del piede diabetico è una della principali complicanze del diabete. Il 19-34% dei pazienti diabetici svilupperà un’ulcera del piede nel corso della vita. Questa frequenza molto elevata desta preoccupazione, tanto più che si stima che, entro il 2040, le persone affette da diabete nel mondo saranno circa 640 milioni. Il diabete è la prima causa di amputazione nel mondo con un’amputazione ogni 20 secondi. Nella popolazione di pazienti diabetici italiana, si registrano 8.000 amputazioni l’anno. L’aspettativa di vita dei pazienti sottoposti a amputazione non supera i 5 anni nel 70% circa dei casi. Questo tasso di sopravvivenza è di molto inferiore a quello di alcuni tumori.

Cifre allarmanti indice di un autentico problema di salute pubblica, sia per i pazienti, a causa delle complicanze potenzialmente fatali, sia per i sistemi sanitari, a causa dei costi che devono sostenere. Secondo le stime dell’Assicurazione malattia francese il costo di questa patologia (amputazione o lesione del piede nei pazienti ospedalizzati) è pari a 660 milioni di euro all’anno. Fino ad oggi non esistevano trattamenti locali che si fossero dimostrati efficaci nella cura di queste lesioni dalla prognosi infausta.

Realizzato in cinque paesi europei su 240 pazienti, lo studio Explorer è una novità nella ricerca clinica nel campo dell’ulcera del piede diabetico. Questo studio randomizzato e in doppio cieco (né il paziente né il medico sanno con quale medicazione viene trattata la lesione) paragona l’efficacia e la tolleranza della medicazione UrgoStart® (matrice TLC-NOSF*) con quelle di una medicazione neutra su ulcere neuroischemiche del piede diabetico. Queste ulcere sono le lesioni che presentano la prognosi più infausta a causa della loro componente al tempo stesso neuropatica e vascolare (lesione dei nervi periferici e delle arterie). Lo studio ha dimostato:

 –   Tasso di guarigione significativamente più alto rispetto a un trattamento standard realizzato correttamente, il che significa un 60% in più di ulcere cicatrizzate.

–   Un tempo di guarigione significativamente inferiore: 60 giorni in meno rispetto al tempo medio di guarigione del gruppo di controllo, pari a 180 giorni.

–   L’inizio precoce del trattamento aumenta significativamente le probabilità di guarigione del paziente rispetto ad un trattamento standard realizzato correttamente.

«La sfida, per questo tipo di lesione, consiste nell’ottenere una guarigione migliore e in tempi più rapidi. La presenza di una lesione espone infatti quotidianamente il paziente diabetico a un rischio potenziale di infezione e quindi di ospedalizzazione e amputazione. 60 giorni guadagnati significano due mesi durante i quali il paziente non è esposto a questo rischio, con un miglioramento reale della qualità della vita e anche due mesi di risparmio in termini di spesa sanitaria» dichiara il Professor Alberto Piaggesi, responsabile del Centro Interdipartimentale di cura del Piede Diabetico dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana e coordinatore italiano dello studio EXPLORER.

«The Lancet Diabetes & Endocrinology è una delle riviste scientifiche più riconosciute a livello internazionale. La pubblicazione dello studio EXPLORER su una rivista così prestigiosa sottolinea la qualità dello studio e la portata dei suoi risultati – precisa Sauro Vecchi, Country Manager di Urgo Medical Italia. – Più che di una medicazione si tratta di un vero e proprio trattamento che ha un ruolo legittimo nell’attuale protocollo terapeutico delle lesioni croniche del piede nei pazienti diabetici» conclude.

Articoli correlati
Linfoma di Burkitt, Istituto Pasteur Italia: «Identificata nei bambini iracheni una terza forma della malattia correlata all’infezione da Epstein Barr Virus»
I Linfomi sono tumori causati dalla proliferazione incontrollata dei linfociti, le cellule del sistema immunitario che contribuiscono a difenderci dagli agenti esterni. Più della metà dei linfomi infantili è rappresentata dal Linfoma di Burkitt, un tumore molto aggressivo di cui esistono due varianti cliniche principali: quella endemica, presente nell’Africa equatoriale (dove questo tipo di linfoma […]
“Al cuore del diabete”: a Roma la campagna di informazione ai cittadini
Il 19 dicembre 2018, alle ore 11.00, presso la Sala della Presidenza dell’ANCI (2° piano – via dei Prefetti 46) si terrà l’incontro “Al cuore del diabete”, la campagna di informazione ai cittadini sulla prevenzione del rischio cardiovascolare nelle persone con diabete. Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte nelle persone con diabete di tipo 2: […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
Diabete, 12mila gli under 14 colpiti. Cabras (FDG): «Occorre una legge che prepari la scuola ad assistenza»
La Federazione Diabete Giovanile promuove formazione per famiglie e insegnanti per gestire la malattia. Il presidente: «La consapevolezza aiuta la gestione»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Verona, il Diaday di Federfarma durerà un’altra settimana
È stata prorogata per un’altra settimana, fino a sabato 24 novembre, la campagna sanitaria “DiaDay” contro il diabete in 157 farmacie di Federfarma Verona. I cittadini potranno, in questo modo, continuare ad usufruire gratuitamente della misurazione gratuita della glicemia e conoscere qual è il proprio rischio di contrarre il diabete nei prossimi dieci anni. LEGGI ANCHE: […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano