Voci della Sanità 6 Luglio 2022 13:59

«Donate il plasma prima di partire in vacanza», l’appello di Fidas

Fida lancia un appello per aumentare le donazioni di plasma prima delle vacanze. A causa di un calo nella raccolta, i malati rischiano di rimanere senza farmaci plasmaderivati che sono salvavita

«Donate il plasma prima di partire in vacanza», l’appello di Fidas

Con un calo nella raccolta del plasma per la produzione di medicinali plasmaderivati del 5,4% nei primi cinque mesi dell’anno e l’estate appena iniziata, i pazienti che hanno bisogno di questi farmaci salvavita sono molto preoccupanti. A rendere più complesso il quadro generale si deve tener conto della diminuzione di raccolta del plasma negli Stati Uniti, da cui l’Europa dipende per l’importazione di medicinali plasmaderivati, con conseguente incremento dei prezzi degli stessi medicinali. Da qui nasce l’esigenza di Fidas di lanciare un appello ai donatori, affinché facciano uno sforzo in più prima di partire per le vacanze. L’invito a stringere un‘alleanza tra donatori e pazienti sarà al centro di una conferenza stampa, che si terrà oggi pomeriggio alla Camera, su iniziativa dell’onorevole Angela Ianaro.

Molti i pazienti che necessitano di medicinali plasmaderivati

«Voglio lanciare un invito a tutti i donatori perché prendano in considerazione la possibilità di donare una volta di più», dice Giovanni Musso, presidente nazionale FIDAS. «Ricordo infatti che, secondo la legge italiana, è possibile donare il plasma ogni 15 giorni, mentre l’intervallo di tempo tra una donazione di sangue intero ed una di plasma è di soli 30 giorni. Al contempo – continua – invito chi ancora non ha scoperto la bellezza di donare a non lasciarsi sfuggire questa occasione per fare veramente la differenza nella vita di qualcuno che in questo momento ha bisogno di noi. Sono molti i pazienti che necessitano di medicinali plasmaderivati: immunodeficienze primitive, neuropatie disimmuni, emofilia, sono solo alcune delle patologie che richiedono medicinali plasmaderivati».

La scarsa raccolta di plasma avrà conseguenze a medio e lungo termine

Sono diversi i fattori che stanno influenzando negativamente la raccolta di sangue e plasma nel nostro Paese: l’onda lunga della pandemia, lo scarso ricambio generazionale dei donatori, l’imminente partenza per le vacanze, la carenza di personale medico e la riduzione degli orari di apertura dei Servizi Trasfusionali per le chiusure estive. Un insieme di fattori, secondo Fidas, che rischia di avere un effetto sommatorio dalle conseguenze molto serie per tutti i pazienti con malattia rara la cui esistenza dipende proprio dalle donazioni di plasma. Le conseguenze della crisi della raccolta sono sia a breve che a medio termine, dato che la fase di lavorazione per la produzione dei medicinali prevede tempistiche comprese tra gli 8 e i 12 mesi.

Onorevole Ianaro: «Allo studio una cabina di regia per acquisti»

La programmazione del 2022 prevede di raccogliere 14,5 kg di plasma ogni mille abitanti. Mentre la sfida più grande, che consentirebbe l’autosufficienza nazionale, consiste nel tagliare il traguardo dei 18 kg ogni mille abitanti. Un obiettivo alla portata del Sistema Trasfusionale italiano, raggiungibile promuovendo la consapevolezza dell’importanza della donazione del plasma. «Ai donatori noi dobbiamo dire grazie ma anche garantire che il loro dono sia utilizzato in maniera corretta, appropriata ed efficiente», dice l’on. Ianaro. «Stiamo studiando la possibilità di una cabina di regia per gli acquisti e riteniamo che sia necessario ragionare in una prospettiva europea, creando un coordinamento europeo. Infine, dobbiamo lavorare ad una gestione dei centri che permetta di migliorare la raccolta», aggiunge.

Raccolta plasma in calo del 5,4% da gennaio a maggio

Nel mese di maggio sono stati 74.199 i kg di plasma conferiti alle aziende per la produzione di medicinali plasmaderivati (registrando così un +2,9% rispetto al mese di maggio 2021). Le Regioni ad aver contribuito a raggiungere il segno positivo sono state: Abruzzo, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Sicilia, Toscana. Se ampliamo lo sguardo al periodo gennaio-maggio, tuttavia, il bilancio non è positivo ma si chiude con un –5,4% rispetto allo stesso periodo del precedente anno. Complessivamente sono 345.143 i kg di plasma conferiti alle aziende in questo arco temporale, a fronte dei 364.955 kg conferiti nel 2021 nello stesso periodo.

De Angelis (Cns): «Bisogna puntare all’autosufficienza del plasma»

«L’autosufficienza del plasma è un obiettivo strategico per tutto il sistema sangue italiano, che garantirà le terapie salvavita per centinaia di migliaia di pazienti senza doversi preoccupare delle fluttuazioni del mercato internazionale», dice Vincenzo De Angelis, direttore del Centro Nazionale Sangue. «Ma se questo obiettivo, solo qualche anno fa, pareva a un passo, oggi la situazione è peggiorata a causa del Covid, che forse non fa più così paura ma sta ancora facendo sentire il suo peso sulla raccolta di sangue e plasma. Fortunatamente la generosità dei donatori – continua – non è mai venuta meno, neanche nei momenti più bui, e alla fine credo che basti solo un piccolo sforzo in più da parte di tutti gli attori in campo per tornare a muovere i passi nella giusta direzione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medicina senza sangue: perché oggi molti la scelgono
Negli anni ’80 era la tecnica utilizzata per curare i Testimoni di Geova, oggi è in aumento in diverse parti del mondo perché costa meno e comporta meno rischi di infezione
Trauma cranico, test sul sangue per diagnosi veloci e precise
Le situazioni in cui si può verificare un trauma cranico sono molteplici. Ma la priorità è sempre la stessa: riconoscerlo tempestivamente, prima che possa creare danni irreversibili
di Valentina Arcovio
Sangue, in Italia su dieci donatori solo tre sono donne. Eppure sono le candidate ideali per il plasma
Il messaggio dalla convention “Donne protagoniste in sanità”: donare è un gesto che fa del bene agli altri e a se stesse, permettendo di fare screening e prevenzione
Tumori del sangue, gli ematologi alla Giornata AIL: traguardi impensabili con le nuove terapie
Si è celebrata a Roma la 17esima Giornata Nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma promossa dall’AIL. Il presidente Pino Toro: «Lavoriamo per promuovere la ricerca indipendente e per identificare i migliori standard diagnostici e terapeutici per le malattie ematologiche». Locatelli: «Ricerca fondamentale, risultati straordinari nella medicina di precisione»
di Francesco Torre
Giornata mondiale donazione latte umano, l’allarme di AIBLUD e SIN: «Calo del 12% nel 2021»
Il dato emerge dalla terza indagine dell’Associazione Italiana Banche del Latte Umano Donato (AIBLUD) sull’attività delle Banche del Latte Umano Donato (BLUD) in Italia nell’anno 2021
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale