Salute 7 Novembre 2022 12:31

In Gb prima trasfusione di sangue artificiale su esseri umani

Il sangue è stato coltivato in laboratorio e trasfuso a due volontari sani in piccole quantità. L’obiettivo è di sopperire alla carenza di sangue ultra-raro

In Gb prima trasfusione di sangue artificiale su esseri umani

Per la prima volta al mondo il sangue coltivato in laboratorio è stato trasfuso negli esseri umani. Ad annunciarlo è stato un gruppo di ricercatori di Bristol, Cambridge, Londra e del NHS Blood and Transplant. Ai volontari che hanno preso parte al progetto britannico sono state trasfuse solo piccole quantità di sangue artificiale, equivalenti a circa due cucchiaini, con lo scopo di osservare la reazione dell’organismo. L’obiettivo finale è di produrre gruppi sanguigni vitali, ma ultra-rari, che non sono di facile reperimento, ma che sono necessari per i pazienti che dipendono da regolari trasfusioni sanguigne per malattie come l’anemia falciforme.

Alcuni tipi di sangue sono ultra-rari

In una trasfusione il sangue deve essere perfettamente compatibile con il ricevente. In caso contrario l’organismo inizierebbe a rifiutarlo. Questo livello di corrispondenza tissutale va oltre i noti gruppi sanguigni A, B, AB e O. Ashley Toye dell’Università di Bristol spiega che alcuni gruppi sono «davvero, davvero rari» tanto che «potrebbero esserci solo 10 persone nel paese» in grado di donare. Ad esempio, in tutto il Regno Unito ci sarebbero in stock solo tre unità del gruppo sanguigno «Bombay», identificato per la prima volta in India.

Il sangue artificiale viene creato a partire da una sacca donata normalmente

Il progetto si focalizza sui globuli rossi che trasportano l’ossigeno dai polmoni al resto del corpo. Il sangue artificiale viene prodotto a partire da una normale donazione. Qualcosa di simile a sfere magnetiche vengono utilizzate per estrarre cellule staminali che sono in grado di diventare un globulo rosso. Queste cellule staminali vengono «incoraggiate» a crescere in gran numero nei laboratori e vengono successivamente guidati a diventare globuli rossi. Il processo richiede circa tre settimane e un pool iniziale di circa mezzo milione di cellule staminali si traduce in 50 miliardi di globuli rossi. Questi vengono filtrati per ottenere circa 15 miliardi di globuli rossi che sono nella giusta fase di sviluppo per la trasfusione.

Le prime trasfusioni sono state fatte su 2 volontari sani

«Vogliamo produrre più sangue possibile in futuro, quindi la visione nella mia testa è una stanza piena di macchine che lo producono continuamente da una normale donazione di sangue», dice Toye. Al momento il test è stato condotto su due persone, ma la sperimentazione mira a testare il sangue in almeno 10 volontari sani. I soggetti riceveranno due donazioni di 5-10 ml a distanza di almeno quattro mesi: una di sangue normale e una di sangue coltivato in laboratorio. Il sangue è stato etichettato con una sostanza radioattiva, spesso usata nelle procedure mediche, così gli scienziati possono vedere quanto tempo dura nel corpo. Si spera che il sangue creato in laboratorio sia più potente del normale.

Il sangue artificiale è molto più costoso di quello donato

I globuli rossi normalmente durano circa 120 giorni prima di dover essere sostituiti. Una tipica donazione di sangue contiene un mix di globuli rossi giovani e vecchi, mentre il sangue creato in laboratorio dovrebbe durare tutto 120 giorni. Secondo i ricercatori, questo consentirebbe donazioni più piccole e meno frequenti in futuro. Tuttavia, ci sono notevoli sfide finanziarie e tecnologiche. Il sangue donato è meno costoso di quello creato in laboratorio. Un’altra sfida riguarda le cellule staminali raccolte che alla fine si esauriscono, il che limita la quantità di sangue che può essere creata. Ci vorranno più ricerche per produrre volumi clinicamente sufficienti.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terapie avanzate, necessario un nuovo sistema di finanziamento pubblico
A livello globale entro il 2030 saranno trattati oltre 500.000 pazienti terapie innovative (genica, cellulare e dei tessuti) con costi che si aggirano tra 1 e 3 milioni di euro a dose. Presentata una nuova proposta di finanziamento per i farmaci di domani, in anteprima europea dal gruppo di lavoro dell’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari (ALTEMS) - Facoltà di Economia dell’Università Cattolica, campus di Roma, insieme a LS CUBE Studio Legale
di V.A.
Sclerosi multipla: trapianto di staminali cerebrali sicuro e duraturo
Il trapianto di cellule staminali cerebrali in pazienti affetti da sclerosi multipla secondaria progressiva è sicuro, molto ben tollerato e con possibili effetti duraturi e protettivi da ulteriori danni al cervello dei pazienti. È questo quanto emerge dallo studio coordinato dall’Ospedale IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo e ideato da Angelo Vescovi dell’Università di Milano – Bicocca. I risultati di questa sperimentazione clinica di fase 1 sono stati pubblicati in copertina sulla rivista Cell Stem Cell
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Midollo osseo, la guerra non ferma i trapianti: 5 donazioni tra Italia, Israele e Ucraina
I conflitti in Medio Oriente e in Ucraina non fermano le donazioni e i trapianti di midollo osseo. Sono stati ben cinque i prelievi di cellule-salva vita coordinati dal nostro paese nonostante le difficoltà logistiche connesse alle crisi internazionali
di V.A.
Un trapianto di cellule polmonari potrebbe «curare» la BPCO
Per la prima volta, i ricercatori hanno dimostrato che è possibile riparare il tessuto polmonare danneggiato nei pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) utilizzando le cellule polmonari degli stessi pazienti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...