Voci della Sanità 29 Novembre 2019

Medicina e chirurgia, all’Università Campus Bio-medico di Roma il 25 febbraio 2020 il primo test d’ammissione in Italia

L’ateneo investe sul merito: i migliori 5 studieranno gratis. Il 25 febbraio alla Nuova fiera di Roma sarà possibile concorrere per il corso in lingua italiana, il 10 marzo per quello in lingua inglese

Il 25 febbraio l’Università Campus Bio-Medico di Roma apre – prima in Italia – per l’anno accademico 2020-2021 le ammissioni al corso di laurea in Medicina e Chirurgia. In questo modo gli studenti dell’ultimo anno delle superiori possono concretamente progettare per tempo il proprio futuro, preparandosi con cura e lontani dagli impegni della Maturità. Un futuro magari in camice bianco tra le corsie di un ospedale.

La selezione per i 140 aspiranti medici si terrà il 25 febbraio alla Nuova fiera di Roma. I candidati potranno inviare la domanda d’iscrizione al test dal 2 dicembre al 7 febbraio 2020.  Per chi invece volesse iscriversi al corso di laurea in lingua inglese dell’Università Campus Bio-Medico di Roma l’appuntamento è per il 10 marzo.

Novità anche per quanto riguarda le borse di studio. A partire dall’anno accademico 2020-2021, l’Università – da sempre attenta a valorizzare i talenti dei giovani – ha deciso di investire sul futuro degli studenti che si sono classificati nei primi 5 posti della graduatoria al test d’ammissione: a loro sarà garantita la frequenza gratuita dell’intero corso di studi.

Il sistema di assegnazione delle borse si basa su criteri di merito, verificati nella selezione di accesso al corso di laurea, e su criteri di reddito attraverso l’indicatore ISEE della famiglia di origine. Il meccanismo di conferma della borsa agli anni successivi si basa sulla verifica di requisiti di merito acquisiti progressivamente nel percorso accademico.

Articoli correlati
Ospedale sicuro, Santini (Campus): «Con triage telefonico e televisita meno attese e maggiore tutela per i pazienti oncologici»
Al Campus Bio-Medico riorganizzato il Day-Hospital di oncologia. Il Responsabile Daniele Santini: «Nessun caso di covid nei nostri pazienti: attivati percorsi protetti e tutte le precauzioni necessarie per ridurre al massimo la possibilità di infezione»
La lotta al tumore al seno non conosce tregua: l’ambulatorio del Campus Bio-Medico è “open” per chi ne ha bisogno
Il Policlinico universitario romano, anche durante la pandemia, è rimasto accanto alle donne garantendo esami e cure. «Con l’ampliamento dell’attività ambulatoriale abbiamo accolto circa 70-80 donne: il 30% di queste avevano una diagnosi di tumore al seno». L’intervista a Vittorio Altomare, responsabile Breast Unit UCBM
Specializzazione medica, Tuzi (M5S): «Mio emendamento a Dl Rilancio per 2mila contratti strutturali in più»
«La riforma della laurea abilitante portata avanti dal M5S prevedeva una riforma strutturale che ancora non è avvenuta» sottolinea il deputato medico del M5S Manuel Tuzi
Covid-19, l’epidemiologo: «Virus più debole grazie al lockdown, ma non meno pericoloso»
«Il fatto che il virus sia mutato non significa che la malattia sia più lieve. Questo è un virus nuovo, di cui sappiamo ancora pochissimo. Non dobbiamo mollare la presa o i contagi riprenderanno a salire». Facciamo chiarezza con il professor Massimo Ciccozzi del Campus Bio-Medico di Roma
Pd, si insedia il Coordinamento della Formazione medico-sanitaria. Manai: «Faremo proposte a tutti i livelli»
«Il partito continua a mostrare la voglia di investire nella formazione degli operatori sanitari, proprio perché consapevoli che solo attraverso la buona formazione si potrà avere un SSN sempre più efficace ed efficiente», commenta Beatrice Lorenzin, coordinatrice del Forum Salute PD
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 16 luglio, sono 13.565.020 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 584.385 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 16 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»