Voci della Sanità 15 Giugno 2022 16:44

Endometriosi, a Vinci una panchina gialla per sensibilizzare sulla malattia

L’assessora Ciattini: «Maggioranza e opposizione coese per la salute delle donne, segnale importante»

Una panchina gialla per sensibilizzare l’intera comunità su una patologia fortemente invalidante e di cui si parla ancora troppo poco: l’endometriosi. è l’iniziativa sposata in modo coeso dal Consiglio comunale di Vinci, per lanciare un segnale di coesione totale sul tema della tutela della salute femminile. 

L’endometriosi è conosciuta come un’infiammazione cronica benigna degli organi genitali femminili e del peritoneo pelvico, causata dalla presenza anomala, in questi organi, di cellule endometriali che, in condizioni normali, si trovano solo all’interno dell’utero. Oggi, secondo gli ultimi dati, colpisce tra il 10 e il 25% delle donne in età fertile

La mozione, presentata da Paola Morini, consigliere del gruppo di opposizione “Scipioni per Vinci”, è stata approvata all’unanimità

«Un atto importante e necessario – dichiara Morini – per accendere i riflettori anche a Vinci su una tematica che rimane ancora troppo nell’ombra, ma che racchiude un problema per moltissime donne che soffrono a livello fisico e psicologico. Era fondamentale affrontare la questione con un fronte unico: la risposta del Consiglio è stata un gesto significativo e di vicinanza nei confronti di tutte le donne».

«Si tratta di un messaggio forte – commenta l’assessora alla Sanità, Chiara Ciattini – perché quando si parla di salute maggioranza e opposizione convergono decisamente sulla necessità di compattarsi per fornire risposte concrete. Oggi l’endometriosi colpisce circa 3 milioni di donne nel mondo è risulta una patologia fortemente penalizzante a causa delle conseguenze che determina. Purtroppo è ancora poco conosciuta e, anche per questo, iniziative del genere non possono che essere sostenute».

Un contributo importante, in questo senso, è giunto anche dall’assessora alle Pari opportunità Sara Iallorenzi, che in Consiglio comunale ha marcato la necessità di superare i tabù che molte donne ancora oggi mostrano. “Anche nel 2022 – osserva – le patologie legate alla sfera sessuale continuano ad essere, seppur parzialmente, motivo di ritrosia per chi dovrebbe sottoporsi a controlli preventivi. Infrangere questo genere di barriere è indispensabile per viaggiare nel giusto senso di marcia: quello di una comunità consapevole e responsabile che non può vergognarsi di tutelare la propria salute». 

L’idea è nata dall’associazione “La voce di una è la voce di tutte” ed è stata portata all’attenzione del Consiglio comunale da Morini. “Sediamoci sul giallo: endopank”, nome del progetto che prevede l’installazione di una panchina di colore giallo munita di qr code scansionabile, ha l’obiettivo di veicolare così una maggiore conoscenza della malattia.

«Una più accentuata consapevolezza – concludono le consigliere – consente di identificarne i sintomi ed è il primo passo per prevenire questa situazione, grazie ad una diagnosi precoce. Ecco perché il Consiglio comunale ha deciso di votare con decisione a favore dell’iniziativa». 

 

Articoli correlati
Salute, Ascari (M5S): «Endometriosi riconosciuta ma poco tutelata»
«L’endometriosi colpisce più di 176 milioni di donne nel mondo, di cui 3 milioni solo in Italia. Nonostante questa estrema diffusione vi è ancora una limitata consapevolezza di cosa l’endometriosi comporti sia in termini di dolore fisico sia in termini di ripercussioni psicologiche e sociali. Nella maggior parte dei casi dall’insorgenza dei sintomi alla diagnosi […]
Dai calcoli renali all’artrite, i 20 dolori peggiori per un essere umano
Tra le condizioni che provocano più dolori, il Servizio Sanitario Nazionale britannico include l'endometriosi, l'artrite, e molte altre
Endometriosi, la Società Europea aggiorna le Linee Guida. Viganò (SIRU): «In Italia ancora tutto fermo»
«Non possiamo dire lo stesso per le linee guida italiane che ancora attendono di essere implementate, rendendo difficile una standardizzazione dei trattamenti» spiega la co-presidente della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU)
Giorgia Soleri e l’endometriosi: «Dopo l’operazione sarò libera di riavere la mia vita»
L'influencer Giorgia Soleri, da qualche anno compagna del cantante dei Måneskin, ha condiviso sui social il suo percorso di combattimento con i dolori di endometriosi e adenomiosi, non sempre riconosciute e trattate come si dovrebbe. Con l'operazione finalmente l'ultimo passo
Endometriosi, SIRU: «Ricercatori italiani primi al mondo, ma mancano centri di riferimento riconosciuti a livello nazionale»
La Società Italiana di Riproduzione Umana: «Situazione a macchia di leopardo, alle pazienti non garantite cure omogenee in tutto il paese. Linee guida nazionali sono ancora in attesa di applicazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...