Meteo 23 Giugno 2016 18:23

Milano, Airbnb mette a disposizione alloggi gratis per famiglie pazienti

Airbnb e Comune di Milano copriranno le spese di pernottamento a chi ha necessità di un alloggio per assistere un parente ricoverato presso un istituto di cura milanese. Il progetto è volto anche a supportare Cadmi (Casa di Accoglienza Donne Maltrattate) nel fornire un’occasione di lavoro per le donne uscite da un una vita di […]

Airbnb e Comune di Milano copriranno le spese di pernottamento a chi ha necessità di un alloggio per assistere un parente ricoverato presso un istituto di cura milanese. Il progetto è volto anche a supportare Cadmi (Casa di Accoglienza Donne Maltrattate) nel fornire un’occasione di lavoro per le donne uscite da un una vita di disagio e sofferenza. Airbnb è il portale che mette in contatto chi cerca un alloggio per brevi periodi con persone che hanno a disposizione camere da dare in affitto, in genere privati. «Si tratta – ha dichiarato Cristina Tajani, Assessore alle Politiche per Lavoro, Università e Ricerca di Milano,  di un progetto innovativo e inclusivo. Il forte sostegno di Airbnb al progetto dimostra come la valorizzazione degli operatori della sharing economy attuata da Milano stia giocando un ruolo fortemente positivo nel dare risposte ai bisogni delle persone e a rendere i cittadini ancora più solidali»

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 agosto, sono 199.570.445 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.246.242 i decessi. Ad oggi, oltre 4.15 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva