La nuova frontiera dell’agopuntura: è efficace su cani e gatti?

Anche i dolori di cani e gatti possono essere risolti con l’agopuntura. Prende sempre più piede nel mondo occidentale l’utilizzo di questa tecnica cinese non solo sugli esseri umani ma anche sui piccoli amici a quattro zampe. Ma come spesso capita quando si parla di agopuntura, sono diverse le opinioni in merito alla sua efficacia. […]

Immagine articolo

Anche i dolori di cani e gatti possono essere risolti con l’agopuntura. Prende sempre più piede nel mondo occidentale l’utilizzo di questa tecnica cinese non solo sugli esseri umani ma anche sui piccoli amici a quattro zampe. Ma come spesso capita quando si parla di agopuntura, sono diverse le opinioni in merito alla sua efficacia. Se per alcuni si tratta solo di effetto placebo, di contro sempre più veterinari confermano la validità del trattamento su cani, gatti, cavalli e mucche, soprattutto se molto anziani e malati cronici.

Secondo il veterinario Jin Rishan, intervistato a Shangai dalla Reuters, l’agopuntura ha consentito all’80% dei 2000 animali domestici trattati negli ultimi quattro anni di migliorare sensibilmente la qualità della loro vita. Tra le patologie trattate, vi sono sicuramente tutte quelle algiche, osteomuscolari e locomotorie. Ma, come si legge sul sito della SIAV (Società Italiana Agopuntura Veterinaria), «si ottengono eccellenti risultati anche nelle patologie della sfera riproduttiva, nelle cardiopatie, negli squilibri ormonali, nelle patologie infettive ed immunomediate, nei problemi dell’apparato respiratorio, nelle patologie geriatriche e nei problemi comportamentali». Ma perché l’inserimento di aghi in alcune parti del corpo, umano o animale, migliora la sensazione di dolore? Grazie al rilascio di un antidolorifico naturale, l’adenosina, intorno al punto in cui viene inserito l’ago, che poi agisce sul sistema nervoso centrale.

I primi passi dell’agopuntura veterinaria nel mondo occidentale risalgono al 1974, quando è stata fondata negli Stati Uniti la Società Internazionale di Agopuntura Veterinaria (IVAS), che promuove e supporta l’utilizzo della tecnica sugli animali organizzando corsi di formazione, rilasciando certificati riconosciuti a livello internazionale ai veterinari e supportando la ricerca. Nel 2015 sono state approvate le linee guida dell’American Animal Hospital Association (AAHA) e dell’Associazione Americana Felina (AAFP), per le quali l’agopuntura veterinaria è un metodo “efficace e sicuro per gestire il dolore che dovrebbe essere fortemente considerato”.

Articoli correlati
«Per contrastare aggressioni a veterinari Ssn non siano inviati da soli ad effettuare interventi di controllo»
di Aldo Grasselli, Presidente FVM – Federazione Veterinari Medici e Dirigenti sanitari
Il SIVeMP denuncia un’altra aggressione al personale veterinario
Ennesima aggressione ai danni di un veterinario del servizio sanitario pubblico; solo l’ultima di una lunga serie di intimidazioni nei confronti del personale sanitario. «Il SIVeMP FVM (Sindacato Italiano Veterinari Medicina Pubblica) deve nuovamente denunciare una aggressione a un collega: nella notte fra sabato e domenica è stata incendiata l’auto di un dirigente veterinario dell’Asp […]
SIVeMP: pianificare turn over del personale veterinario
Il Sindacato Italiano Veterinari Medicina Pubblica (SIVeMP) lancia l’allarme sulla mancata pianificazione del turn over del personale veterinario dirigente. Secondo un’accurata indagine, il personale veterinario con più di 60 anni supera il 40% degli organici in servizio. I dati emersi concordano con quelli del conto annuale dello Stato e offrono una visione drammatica della situazione: il 40% […]
Bologna, Medici specialisti: nuovo accordo tra Regione e sindacati
Valorizzare il ruolo e la partecipazione dei medici specialisti nelle strutture territoriali, a partire dalle Case della Salute, per migliorare la continuità dell’assistenza e la gestione dei tempi di attesa di visite ed esami. Con questo obiettivo, la Regione Emilia-Romagna e le Organizzazioni sindacali di specialisti ambulatoriali interni, veterinari e altre professionalità sanitarie (biologi, chimici, psicologi) […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila