La nuova frontiera dell’agopuntura: è efficace su cani e gatti?

Anche i dolori di cani e gatti possono essere risolti con l’agopuntura. Prende sempre più piede nel mondo occidentale l’utilizzo di questa tecnica cinese non solo sugli esseri umani ma anche sui piccoli amici a quattro zampe. Ma come spesso capita quando si parla di agopuntura, sono diverse le opinioni in merito alla sua efficacia. […]

Immagine articolo

Anche i dolori di cani e gatti possono essere risolti con l’agopuntura. Prende sempre più piede nel mondo occidentale l’utilizzo di questa tecnica cinese non solo sugli esseri umani ma anche sui piccoli amici a quattro zampe. Ma come spesso capita quando si parla di agopuntura, sono diverse le opinioni in merito alla sua efficacia. Se per alcuni si tratta solo di effetto placebo, di contro sempre più veterinari confermano la validità del trattamento su cani, gatti, cavalli e mucche, soprattutto se molto anziani e malati cronici.

Secondo il veterinario Jin Rishan, intervistato a Shangai dalla Reuters, l’agopuntura ha consentito all’80% dei 2000 animali domestici trattati negli ultimi quattro anni di migliorare sensibilmente la qualità della loro vita. Tra le patologie trattate, vi sono sicuramente tutte quelle algiche, osteomuscolari e locomotorie. Ma, come si legge sul sito della SIAV (Società Italiana Agopuntura Veterinaria), «si ottengono eccellenti risultati anche nelle patologie della sfera riproduttiva, nelle cardiopatie, negli squilibri ormonali, nelle patologie infettive ed immunomediate, nei problemi dell’apparato respiratorio, nelle patologie geriatriche e nei problemi comportamentali». Ma perché l’inserimento di aghi in alcune parti del corpo, umano o animale, migliora la sensazione di dolore? Grazie al rilascio di un antidolorifico naturale, l’adenosina, intorno al punto in cui viene inserito l’ago, che poi agisce sul sistema nervoso centrale.

I primi passi dell’agopuntura veterinaria nel mondo occidentale risalgono al 1974, quando è stata fondata negli Stati Uniti la Società Internazionale di Agopuntura Veterinaria (IVAS), che promuove e supporta l’utilizzo della tecnica sugli animali organizzando corsi di formazione, rilasciando certificati riconosciuti a livello internazionale ai veterinari e supportando la ricerca. Nel 2015 sono state approvate le linee guida dell’American Animal Hospital Association (AAHA) e dell’Associazione Americana Felina (AAFP), per le quali l’agopuntura veterinaria è un metodo “efficace e sicuro per gestire il dolore che dovrebbe essere fortemente considerato”.

Articoli correlati
Ministro Grillo: a che punto è la notte?
di Aldo Grasselli, Presidente FVM – Federazione Veterinari, medici farmacisti e Dirigenti sanitari
Medici Veterinari Campani “precari da sempre” verso la stabilizzazione definitiva. SIVeMP: “Si chiude un capitolo che dura da più di 15 anni”.
“Finalmente la Regione Campania ha fatto la sua parte sottoscrivendo e avviando le procedure per il completamento orario degli Specialisti Ambulatoriali Veterinari ancora non a tempo pieno, in servizio da anni nelle AA.SS.LL. di Caserta e Salerno. Ringraziamo il Presidente De Luca per aver accolto la nostra proposta; siamo felici di aver raggiunto un risultato […]
Lavoro, turnover, legge di bilancio. Il punto di Grasselli (SIVeMP): «Situazione allarmante, 40% sanitari in pensione nei prossimi 5 anni»
Tutte le preoccupazioni del Sindacato Veterinari Pubblici espresse nel corso del 50° Congresso Nazionale: «È bene che il Governo ascolti e risponda ai nostri allarmi per il bene del Paese»
«Per contrastare aggressioni a veterinari Ssn non siano inviati da soli ad effettuare interventi di controllo»
di Aldo Grasselli, Presidente FVM – Federazione Veterinari Medici e Dirigenti sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...