Lavoro 22 Febbraio 2024 14:56

Ordine dei Medici: “Aggressioni in aumento, la nuova legge non viene applicata”

Crescono le aggressioni ai medici e agli operatori sanitari. La sensazione è che la legge 113 del 2020, in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni, non è applicata e gli effetti di deterrenza che avrebbe dovuto avere sulla popolazione non ci sono. A parlare è il presidente della Fnomceo, Federazione Nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, Filippo Anelli

di V.A.
Ordine dei Medici: “Aggressioni in aumento, la nuova legge non viene applicata”

Crescono le aggressioni ai medici e agli operatori sanitari. La sensazione è che la legge 113 del 2020, in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni, non è applicata e gli effetti di deterrenza che avrebbe dovuto avere sulla popolazione non ci sono. Queste le parole con cui il presidente della Fnomceo, Federazione Nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, Filippo Anelli, commenta all’Adnkronos l’ultima violenza in un ospedale a Palermo dove un primario è stato colpito con un tirapugni da un paziente che pretendeva la prescrizione di un farmaco. “Sono state aumentate le pene per scoraggiare le aggressioni, ma non c’è al momento una condanna”, sottolinea Anelli.

“I medici non denunciano le aggressioni”

“Se una persona sa che può prendere 16 anni di carcere forse ci pensa due volte prima di alzare le mani”, evidenzia Anelli. “La legge per essere efficace deve essere applicata e al momento non lo è. E poi i medici non denunciano, questo è una altro problema”, aggiunge. “Solo in Puglia – continua Anelli, che è presidente dell’Omceo di Bari – le aggressioni verso gli operatori sono aumentate del 50% con punte del 60-70% in pronto soccorso. Nella prassi quotidiana ogni aggressione deve essere segnalata all’autorità giudiziaria che poi fa partire le indagini e il processo. Ma stiamo constatando che i medici e le aziende sanitarie non denunciano e i medici che lavorano nei pronto soccorso spesso non conoscono la legge. La sensazione è che il livello di aggressività sia molto alto, l’appello che faccio è di denunciare anche uno spintone o una aggressione verbale”.

La Fnomceo chiede risarcimenti per gli operatori sanitari aggrediti

Altro punto che latita, secondo Anelli, è quello dei risarcimenti. “Se c’è una violenza contro un operatore deve esserci anche un risarcimento”, il presidente della Fnomceo. “I sindacati dovrebbero farsi carico di questo punto con le direzioni, il sistema deve pagare per le aggressioni“, aggiunge. La legge stabilisce che, in caso di aggressioni, sono previste sanzioni fino a 5.000 euro e pene fino a 16 anni di reclusione. Sono previsti protocolli operativi con le forze di polizia per garantire interventi tempestivi. Il 12 marzo si celebrerà la Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e socio-sanitari, prevista proprio dalle legge 113.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...