Lavoro 9 Marzo 2020

Coronavirus, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Subiamo le conseguenze di scellerati piani di rientro. Ora se ne accorgono tutti, poi si dovrà cambiare»

«Fino al 31/12/2019 gli economisti capeggiati dal MEF sostenevano che il DM70 era il Vangelo e che i letti di terapia intensiva ed infettivi erano sovrabbondanti rispetto ai bisogni»

«Il Coronavirus metterà in ginocchio la sanità meridionale? Non è il Coronavirus ma la politica scellerata dei piani di rientro delle regioni Campania, Calabria, Molise, Abruzzo e Lazio gestiti dal Ministero della Economia e Finanza che per troppi anni si è sostituito al Ministero della Sanità imponendo piani basati solo su dati economici ignorando i bisogni insoddisfatti dei cittadini. I viaggi della speranza dal Sud al Nord non sono responsabilità dei medici meridionali, ma di chi non li ha messi nelle condizioni di esprimersi al meglio delle loro professionalità». Così Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio, in una nota.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, LA SOCIETÀ DI ANESTESIA: «SE FINISCONO POSTI LETTO, IN TERAPIA INTENSIVA PAZIENTE PIU’ GIOVANI E CON PIU’ SPERANZE DI VITA»

«Dunque – prosegue – non erano del tutto pazzi o irresponsabili quanti si schieravano contro lo strapotere degli economisti in sanità determinando una corrente di pensiero che ha avuto purtroppo pochi e inascoltati paladini. Oggi a causa del Coronavirus – non è il caso di scrivere grazie al Coronavirus – scopriamo che in Italia mancano letti in terapie intensive e in malattie infettive. Ma fino al 31/12/2019 gli economisti capeggiati dal MEF sostenevano che il DM70 era il Vangelo e che i letti di terapia intensiva ed infettivi erano sovrabbondanti rispetto ai bisogni. Guarda caso, ora non è più vero; ma i medici lo stanno dicendo da diversi, troppi anni. Nel 2013/15 i medici laziali sostenevano che chiudere i letti di infettivi era un sacrilegio eppure furono chiusi ad esempio al Sant’Andrea, ultimo in ordine di tempo tra quelli inaugurati, e ridotti in altri ospedali. Da ultimo noi medici sosteniamo che siamo diventati un paese di anziani e quindi tra le altre cose occorre riaprire le geriatrie e formare nuovi professionisti geriatri. Come si è sbagliato a chiudere i reparti per infettivi lo stesso vale per la geriatria».

«Questa situazione – continua Cifaldi -, che storicamente ricorderemo a lungo, dovrà, ci auguriamo, innescare un processo importante. Se tutto il mondo sanitario non si riappropria della propria identità da rivendicare senza moralismi, non ci sarà alcuno spazio per lamentele o rivendicazioni. Siamo ancora capaci, come sistema, di soluzioni incredibili nonostante l’inconsistenza gestionale e organizzativa di alcuni vertici aziendali e nonostante un DM 70 inapplicabile anche da chi lo aveva scritto ben prima di ritrovarsi poi a dover riconoscere di non poterlo applicare in prima persona. Muri di gomma, cortocircuiti tra email e referenti, assenza di trasparenza, assenza di personale formato, tentativi di arginare e mettere toppe».

«Ce la faremo. Tutti insieme. Ma dopo non dovrà più essere così. Ne va della dignità di noi professionisti di sanità pubblica che portano nel cuore l’immagine dei propri cari mentre si mettono a rischio per ogni paziente. Nessuno escluso. In bocca al lupo a tutti noi», conclude.

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 30 settembre, sono 33.646.813 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.007.839 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 314.861 (1.851 in più rispetto a ieri). 105.564 i […]
Cataratta, tutte le informazioni e le novità spiegate dall’esperto
Intervista ad Andrea Niutta, iscritto alla Cisl Medici Lazio e direttore di Struttura Complessa Oculistica presso il Dipartimento di Chirurgia Roma 3
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
E se il nuovo coronavirus non fosse così nuovo?
Emergono alcuni studi che mostrano una risposta immunitaria in pazienti non toccati dal Covid-19. Alessandro Sette (La Jolla Institute, California): «Si tratta di linfociti T e questo non basta, non si è immuni»
di Tommaso Caldarelli
Covid-19, l’infettivologo: «Virus non è più debole, non abbassare la guardia»
Con il professor Luigi Toma, iscritto della Cisl Medici Lazio e consulente infettivologo aziendale dell’Ifo di Roma, chiariamo come stiamo convivendo con il Covid-19 oggi e come sarà il domani. Di certo, ciò che non possiamo sapere è quanto durerà questo nuovo stile di vita che abbiamo intrapreso dalla fine di febbraio di quest’anno. Professore, […]
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Coronavirus, nell’ultima settimana +26% di ricoveri e +41% di terapie intensive
Nella settimana 9-15 settembre si stabilizza l’incremento dei nuovi casi, ma cala di oltre 58mila il numero dei tamponi. Il report di Gimbe
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 settembre, sono 33.646.813 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.007.839 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 settembre: Ad oggi ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze