Formazione 23 Giugno 2023 18:21

Via alla Commissione ECM. Ministro Schillaci: “Su scadenza obbligo formativo faremo con Ordini una moral suasion perché si raggiunga obbiettivo”

Il ministro della Salute all’evento Cogeaps/Agenas annuncia la convocazione della Commissione ECM per i primi di luglio. A dicembre, per la scadenza della proroga al triennio formativo 20-23, “mi auguro non ci siano inadempienti” ha detto.

Via alla Commissione ECM. Ministro Schillaci: “Su scadenza obbligo formativo faremo con Ordini una moral suasion perché si raggiunga obbiettivo”

Convocheremo la Commissione nazionale ECM rivista per la prima settimana di luglio”, ha annunciato il ministro della Salute Orazio Schillaci, prima del suo intervento all’evento “Cogeaps con Agenas: Prospettive e sfide dell’ECM”. “La medicina è una scienza che cambia continuamente, ci sono sempre innovazioni in tanti settori – ha aggiunto –. Quindi io credo che la formazione adeguata del personale sia fondamentale anche per una crescita del personale stesso e per dare ai cittadini la maggiore garanzia di chi si occupa della loro salute”.

La Commissione porterà avanti la gestione dell’obbligo formativo e dei crediti ECM da sanare. Con l’emergenza Covid, un evento senza precedenti per tutti gli operatori sanitari, la formazione sul campo per affrontare il virus ha preso spesse volte il posto di quella ECM e alcuni professionisti sono rimasti indietro con l’obbligo formativo del triennio 20-22. A inizio anno è arrivata, in questo senso, la proroga per l’adempimento che ha spinto il termine al 31 dicembre 2023, permettendo di concludere il triennio passato e di iniziare contemporaneamente il successivo (23-25). In aggiunta, la norma prevede la possibilità di recuperare l’eventuale debito formativo dei due trienni precedenti (2014-2016 e 2017-2019).

A fine anno, dunque, l’inadempienza all’obbligo porterà gli ordini professionali a intervenire con sanzioni di quattro tipi: avvertimento, censura, sospensione e radiazione. “Io spero che non ci siano inadempienti – ha ribadito il ministro Schillaci – Faremo sicuramente una campagna con gli Ordini per far sì che le persone che hanno avuto difficoltà legate alla pandemia le possano sanare e quindi io spero fortemente che tutti quanti raggiungano i crediti formativi che gli sono stati assegnati. Siamo a disposizione, c’è grande sintonia con tutti gli ordini professionali e le società scientifiche nell’ambito sanitario, faremo con loro magari una “moral suasion” per far sì che tutti quanti raggiungano gli obbiettivi a cui devono arrivare”.

Il termine, “moral suasion”, è in gergo politico un invito a rivedere scelte e comportamenti proveniente da una fonte unanimemente riconosciuta come autorevole, come appunto il Ministero della Salute. Schillaci conferma dunque l’intenzione a mantenere gli impegni presi e ad esortare tutti i professionisti a dare il giusto e inderogabile peso alla propria formazione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...