Politica 17 Agosto 2022 13:00

Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)

Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM

di Francesco Torre
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)

Una proposta di legge per disciplinare in maniera più completa il tempo della comunicazione tra medico e paziente, potenziando sia nell’ambito del sistema salute sia nella formazione del personale sanitario gli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. L’ha presentata, prima dello scioglimento delle Camere, il medico e deputato del MoVimento 5 stelle Nicola Provenza e sicuramente sarà una base di partenza per la prossima legislatura.

«La proposta – spiega Provenza a Sanità Informazione – prevede che ci sia una grande attenzione, sia sul piano formativo universitario ma anche a livello aziendale, che i giovani medici così come tutti i professionisti della salute possano avere una serie di elementi importanti per affinare la propria capacità comunicativa non solo nei confronti del paziente ma anche all’interno di una équipe multidisciplinare».

Non si tratta di una questione di poco conto. Diversi studi scientifici o programmi di ricerca hanno dimostrato che un certo tipo di comunicazione, sensibile al vissuto del paziente, è determinante nel percorso terapeutico, per l’aderenza dei trattamenti proposti e in termini di esiti positivi della cura.

I punti della legge e gli incentivi alla formazione

Tuttavia, la necessità di un bagaglio formativo sulla corretta comunicazione con i pazienti, non trova risposta nell’attuale ordinamento di studi. Nella proposta di legge si propone la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria, mediante divulgazione e promozione di pratiche  sanitarie  che  tengano conto dell’importanza della comunicazione tra i professionisti sanitari e i pazienti  nella  prevenzione,  nella diagnosi e sul buon esito della cura nonché per garantire la  qualità  e  l’appropriatezza  delle prestazioni erogate dal Servizio sanitario nazionale.

Tra le richieste quella di creare idonei percorsi didattici «da inserire tra le attività formative di base e caratterizzanti dei corsi di laurea in medicina, delle professioni sanitarie, nonché delle professioni socio-sanitarie, che siano inclusivi degli elementi filosofici, epistemologici, metodologici, sociologici e pedagogici e siano qualificanti del sistema di relazioni della professione sanitaria di riferimento, prevedendo anche il coinvolgimento dei settori scientifico-disciplinari della scienza dell’educazione e della formazione primaria». Ma anche specifici incentivi, nell’ambito dell’educazione continua in medicina (ECM), volti a favorire l’aggiornamento permanente dei professionisti sanitari sugli aspetti comunicativo-relazionali nell’esercizio della professione sanitaria di riferimento e percorsi formativi aziendali, predisposti in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) da diffondere sull’intero territorio nazionale.

«Adesso – spiega ancora Provenza – con un riequilibrio del rapporto tra ospedale e territorio, avrà ancora più importanza questo tipo di relazione. L’aspetto relazione lo considero sempre molto centrale e anche in dibattiti recenti è emerso che il tempo burocratico occupa il 50% del consulto medico. Mi sembra inaccettabile. Dobbiamo andare verso una medicina non solo narrativa ma anche di grande ascolto e con professionisti che abbiano grande capacità di relazionarsi. Non è solamente un tema etico, ma di recupero di appropriatezza che parte da un punto di vista clinico e poi si trasferisce su altri livelli di appropriatezza che sono sicuramente quello organizzativo-gestionale ma anche l’appropriatezza nell’ambito di cura che è ancora più importante».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Malattie cardiovascolari nelle donne, specie nel post Covid. Nasce un progetto
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
50° Congresso SIRM. Con l’imaging ibrido i vantaggi di medicina nucleare e radiologia in un unico esame
Tra le tavole rotonde in programma, la presentazione di un’indagine condotta dalla SIRM e dal Censis sulla percezione del ruolo del radiologo nella popolazione, un incontro sulla responsabilità amministrativo-contabile e una sessione dedicata alle donne radiologo che rappresentano oltre il 50% della categoria professionale
Oscar sanità: oltre 200 candidature, a novembre i vincitori
Partecipazione record alla quinta edizione del Lean Healthcare Award, gli Oscar della sanità italiana. Più di 200 candidature da oltre 90 strutture pubbliche e private distribuite in tutte le regioni italiane. I vincitori saranno proclamati il prossimo 10 novembre
di Redazione
Attuazione PNRR, edilizia sanitaria, distribuzione farmaci e dispositivi medici: i progetti di Soresa
Sanità Informazione ha chiesto al Direttore acquisti, Nadia Ruffini, quali sono i progetti in cantiere.
Tumore al seno, dopo la diagnosi 1 donna su 4 smette di lavorare e rinuncia alla possibilità di avere figli
Fondazione Onda fotografa il vissuto e i bisogni delle donne con la malattia HER2+. Cambia inoltre la percezione del tempo: il 37 per cento da più valore alle piccole cose e al tempo in generale (30 per cento), ma quasi la metà dichiara di aver paura per il futuro e di percepire negativamente il tempo dedicato alla cura della malattia (20 per cento)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola