Bollettino del Ministero 7 luglio 2015

Il bollettino del Ministero, frodi alimentari. Il Ministro risponde…

Expo: l’eccellenza alimentare italiana è un modello da esportare

di Ministero della Salute

Il 9 e 10 luglio prossimi nell’Auditorium del Padiglione Italia Expo Milano 2015 abbiamo organizzato con il Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali e con il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri un evento di livello internazionale sul tema delle frodi alimentari “Fighting food crime, enforcing food safety”.

Il nostro Paese ha una grande tradizione agroalimentare e culinaria  e la salvaguardia di questo patrimonio costituisce una garanzia per il benessere dei cittadini, ma anche una tutela del primato alimentare universalmente riconosciuto al nostro Paese.

Il modello di sicurezza alimentare italiano e la rete che ne permette l’operatività si sta arricchendo in questi ultimi mesi di un nuovo capitolo, relativo al contrasto delle frodi, alla luce dell’interesse che anche la Commissione Europea sta mostrando per l’argomento;  l’Italia è in prima linea e partecipa attivamente alla costruzione della rete che affiancherà quella degli organi di polizia, con la quale dialogherà costantemente: sono in corso già progetti che vedono affiancati gli organismi civili e quelli di polizia nel contrasto alle frodi, ad esempio nel settore degli  integratori alimentari.

I prodotti italiani sono la nostra ricchezza che dobbiamo non solo difendere ma continuare a preservare perché maggiori controlli, maggiori sicurezza, rendono in nostri prodotti non solo i migliori al mondo dal punto di vista della qualità ma anche i più sicuri e questo fa  del nostro sistema di controllo un’eccellenza.

Auspico che dalla Conferenza del 9 e 10 luglio uscirà ulteriormente rafforzata l’immagine dell’Italia e al tempo stesso arricchite le prospettive globali di contrasto alla piaga delle contraffazioni, nello spirito dell’Esposizione universale 2015.

Beatrice Lorenzin 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila