Bollettino del Ministero 22 novembre 2016

Antibiotico-resistenza, come combatterla? Il Ministro risponde…

La resistenza agli antibiotici rappresenta un fenomeno naturale biologico causato dalle mutazioni genetiche a cui vanno incontro i batteri. Tuttavia, un uso eccessivo e/o abuso di tali agenti in medicina veterinaria, così come nell’agricoltura, può essere considerato una delle cause dello sviluppo e della diffusione di microrganismi resistenti alla loro azione e, quindi, della loro […]

di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute

La resistenza agli antibiotici rappresenta un fenomeno naturale biologico causato dalle mutazioni genetiche a cui vanno incontro i batteri. Tuttavia, un uso eccessivo e/o abuso di tali agenti in medicina veterinaria, così come nell’agricoltura, può essere considerato una delle cause dello sviluppo e della diffusione di microrganismi resistenti alla loro azione e, quindi, della loro perdita di efficacia.

Un uso razionale e responsabile degli antibiotici è alla base del contenimento degli attuali livelli di diffusione e della riduzione al minimo dei rischi per la salute umana ed animale derivanti da tale fenomeno.

L’ultimo sondaggio di Eurobarometro condotto dalla Commissione europea sul fenomeno della resistenza agli antibiotici e, più in generale, agli antimicrobici, descrive una conoscenza generale del fenomeno ancora piuttosto limitata. In particolare, meno della metà degli intervistati europei (43%) sa che gli antibiotici sono inefficaci contro i virus (percentuale che scende al 28% negli italiani) e per quanto concerne il settore veterinario, meno del 40% degli intervistati è a conoscenza che l’impiego degli antibiotici per la promozione della crescita negli animali è proibito nell’Unione europea dal 2006.

La European Antibiotic Awareness Day (18 November) e la World Antibiotic Awareness Week (14-20 November 2016) rappresentano iniziative volte ad accrescere la conoscenza e la consapevolezza del fenomeno della resistenza antimicrobica, dei rischi da esso derivanti e dell’uso prudente.

Tali campagne informative e educative sono rivolte ai cittadini in generale, ai proprietari degli animali, anche da compagnia, e ai professionisti del settore.

Per l’occasione, l’Organizzazione Mondiale della Sanità Animale (OIE) ha predisposto specifici strumenti di comunicazione:

  1. messaggi chiave
    • Gli antibiotici sono essenziali per tutelare la salute umana e animale e il benessere degli animali
    • Un loro uso eccessivo o improprio può causare la comparsa di batteri resistenti al trattamento con antibiotici. Questo fenomeno mette seriamente in pericolo il controllo delle malattie in tutto il mondo
    • Garantendo un uso responsabile e prudente di questi farmaci preziosi, attraverso l’applicazione degli standard intergovernativi OIE, possiamo insieme continuare a preservare la loro efficacia, attraverso azioni coordinate tra i settori della sanità pubblica, della sanità animale e dell’ambiente
    • I veterinari sono parte della soluzione
  2. strumenti di comunicazione
    mini video clips, distinti per ruolo e responsabilità nel contenimento della resistenza antibiotica.

Per maggiori informazioni riguardo l’uso degli antibiotici negli animali, consulta

  • la sezione Medicinali e dispositivi veterinari – Antimicrobico-resistenza
    nella sezione sono riportate le informazioni di base sul fenomeno e quelle relative a tutte le azioni pianificate ed avviate per contrastarlo, sia a livello nazionale, che internazionale.
  • il dossier Uso prudente degli antibiotici negli animali
  • l’opuscolo Uso corretto degli antibiotici negli animali da compagnia rivolto ai veterinari curanti ed ai proprietari degli animali d’affezione, anche essi possibili diffusori della resistenza antibiotica.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...