26 Gennaio 2022 15:51

Walter Farris

Presidente ADF

Farris: «Tutelare la salute è l’obiettivo di tutti, per ADF è necessario dare risalto al contributo indispensabile della Distribuzione Intermedia del farmaco che assicura un servizio pubblico essenziale per il SSN e per i cittadini»

Walter Farris è il nuovo Presidente ADF, l’Associazione di categoria che rappresenta a livello nazionale e internazionale le Aziende italiane del settore della Distribuzione Intermedia Farmaceutica. La nomina è stata votata all’unanimità nel corso del Consiglio Direttivo odierno, chiamato a designare il nuovo Presidente dell’associazione dopo le dimissioni per motivi personali del Cav. Ing. Alessandro Morra e una breve assunzione dell’incarico ad interim della Past-President Dr.ssa Ornella Barra.

All’Ing. Morra – che proseguirà l’attività in ADF con l’incarico di Vice-Presidente insieme a Ornella Barra, Alessandro Albertini e Luca Sabelli – i ringraziamenti di tutto il Consiglio ADF per il notevole impegno personale e professionale svolto a beneficio delle Aziende associate.

Walter Farris, romano, laureato in giurisprudenza, è in ADF dal 2003 e negli ultimi anni ha guidato la Struttura associativa come Direttore Generale per poi essere chiamato nel 2021 all’interno del Consiglio con la delega agli Affari Regionali.

Ringraziando il Consiglio ADF per la fiducia accordatagli, il neo-Presidente ha dichiarato: «La pandemia ha reso ancora più evidente l’importanza ed il valore sociale dei Distributori Intermedi Farmaceutici, che grazie a capacità, investimenti e competenze hanno assicurato sempre, anche durante il lockdown, la disponibilità di medicinali, vaccini e dispositivi medici ai cittadini». Ed ha proseguito: «Con la collaborazione dei Consiglieri, dei Vice-Presidenti e di tutti gli Associati, ADF continuerà a lavorare, in coerenza a quanto fatto finora, in sinergia con gli altri attori del settore  portando un contributo competente e autorevole alle Istituzioni impegnate nel fronteggiare una sfida cruciale per la piena realizzazione dei progetti di salute pubblica, puntando alla piena realizzazione di un ecosistema del settore farmaceutico capace di rispondere efficacemente ai bisogni di una popolazione sempre più attenta e bisognosa di soluzioni adeguate per la cura e la tutela della salute».

«Riteniamo sia indispensabile – conclude il neo-Presidente – sostenere i farma-distributori, che devono essere considerati, in un’ottica di sistema, quali interlocutori cruciali delle Istituzioni soprattutto in un momento come quello attuale, in cui si pone l’esigenza di ridisegnare il Sistema Sanitario del Paese attraverso un grande slancio di modernizzazione, partendo dal rafforzamento del territorio che non può prescindere dalla tutela del settore farmaceutico di cui il nostro comparto è l’anello centrale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...