31 ottobre 2017

Stefania Gori

Presidente AIOM - Associazione Italiana di Oncologia Medica

Stefania Gori, oncologa di Negrar (Verona) è la prima Presidente donna dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM). Dopo aver lavorato nell’Oncologia medica di Perugia, Gori dirige dal 2013 il Dipartimento oncologico della struttura sanitaria veronese e dal 2007 è componente del Consiglio direttivo nazionale Aiom. Con lei sono stati eletti Roberto Bordonaro come segretario nazionale e Saverio Cinieri […]

Stefania Gori, oncologa di Negrar (Verona) è la prima Presidente donna dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM). Dopo aver lavorato nell’Oncologia medica di Perugia, Gori dirige dal 2013 il Dipartimento oncologico della struttura sanitaria veronese e dal 2007 è componente del Consiglio direttivo nazionale Aiom. Con lei sono stati eletti Roberto Bordonaro come segretario nazionale e Saverio Cinieri come tesoriere. Il direttivo nazionale AIOM è ora composto da Giuseppe Procopio, Nicla La Verde, Sergio Bracarda, Silvia Novello, Antonio Russo, Giuseppe Aprile, Lucia del Mastro e Daniele Falci.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...